Questo è JMC for food and entertainment: è vaccinato solo in…

E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la decisione interministeriale contenente le nuove procedure per Serve cibo e divertimento.

In particolare, prevede misure di emergenza per tutelare la salute pubblica dai rischi di diffusione del coronavirus sul territorio, che riguardano, tra l’altro, il funzionamento di ristoranti e locali di intrattenimento e le vaccinazioni obbligatorie.

JMC Fit Da venerdì a lunedì 26 luglio.

JMC afferma che i luoghi di intrattenimento all’aperto, i club, i bar e i bouzouki serviranno solo come spazi puri, ad es. Da vaccinare ma anche ammalato, con il Capacità all’85%. Nota che tutti i clienti dovrebbero essere seduta.

Una tabella che illustra le misure di salute pubblica nei ristoranti e nei luoghi di intrattenimento:

più in dettaglio:

Tutti i Aree interne diverse dai luoghi di svago, (Ristoranti, caffè, cinema e teatri) saranno solo luoghi puri per le vaccinazioni e i pazienti

• 85% completo

• Uso obbligatorio della maschera nei teatri/cinema

• I minorenni vengono con un riconoscimento dell’autoesame dei genitori

Sale da pranzo aperte (caffetterie, bar, ristoranti)

• Funzionamento normale con i protocolli attuali

Parchi giochi interni ed esterni (non sono ammesse vaccinazioni)

• 80% completo con un massimo di 25.000 (aperto) e 8000 (chiuso)

• L’uso della mascherina è obbligatorio

• I minorenni vengono con una dichiarazione di sé

multe

Prima violazione:

• Per i negozi di superficie inferiore a 200 mq, la sanzione amministrativa è fissata in 2.000 euro per la società o persona giuridica e 7 giorni di sospensione dal giorno successivo.

• Per i magazzini di superficie superiore a 200 mq, sanzione amministrativa di 5.000 euro per la società o persona giuridica e anche la sospensione dei lavori dal giorno successivo per 7 giorni.

READ  Dove mangiare a Odessa? Elenco dei posti più deliziosi per colazione, pranzo e cena

Seconda violazione:

Per tutti i negozi, indipendentemente dalla superficie in metri quadrati, viene comminata una sanzione amministrativa di 10.000 euro e l’attività è sospesa dal giorno successivo per 15 giorni di calendario.

Terza violazione:

Per tutti i negozi indipendentemente dalla superficie, rimozione temporanea della licenza del negozio per 60 giorni di calendario.

ultime notizie

Sii il primo a leggere le notizie su ciò che sta accadendo in questo momento in Grecia e nel mondo su thetoc.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *