Questi due enormi buchi neri si fonderanno e cambieranno il tempo e lo spazio

Questi due enormi buchi neri si fonderanno e cambieranno il tempo e lo spazio

Ho immaginato dal diciottesimo secolo, I buchi neri affascinano. E mentre l’umanità è finalmente riuscita a realizzare le prime immagini, due di questi corpi celesti devono fondersi nei prossimi anni, cambiando tempo e spazio sulla loro scia. Non preoccuparti, l’universo ha ancora qualche anno prima che sia testimone di questo fenomeno.

Collisione tra circa 10.000 anni

È definito da Larousse come “Aree nello spazio con un forte campo gravitazionale da cui nessuna radiazione può fuoriuscireI buchi neri sono relativamente presenti nel cinema sul grande schermo. Interstellare Diretto da Christopher Nolan che incarna l’esempio perfetto, il film ruota attorno a un buco nero che cerca di trovare una soluzione per l’umanità intrappolata su una Terra morente. E a circa 9 miliardi di anni luce dal nostro pianeta blu, due enormi buchi neri orbitano l’uno intorno all’altro. Una danza celeste che non durerà per sempre. E per una buona ragione, questi due buchi neri si scontreranno tra circa 10.000 anni. Si fonderebbero in un buco nero così potente da poter distorcere il tessuto dello spazio e del tempo.

Questo mercoledì, nella recensione Lettere del diario astrofisicoE il I ricercatori hanno pubblicato uno studio che mira a convincere la comunità scientifica che questo fenomeno merita un’attenzione molto speciale. Nel 2008, il coautore dello studio Tony Redhead, astronomo del California Institute of Technology, e i suoi colleghi hanno iniziato a scansionare il cielo alla ricerca di galassie i cui nuclei contengono buchi neri attivi. L’obiettivo di Readhead, quindi, era trovare una sottoclasse di quasar chiamata Blazar. Secondo Wikipedia, Blazar “È un quasar molto compatto legato ad un buco nero supermassiccio situato al centro di un nucleo galattico attivo, molto lontano da noi.“. Per anni Readhead è riuscita a monitorare circa 1.000 di questi enormi pacchetti.

READ  Puoi (davvero) essere sepolto nelle sabbie mobili?

E nel 2020, questi ricercatori hanno trovato qualcosa di strano. Un getto di buco nero, soprannominato PKS 2131-021, con una specifica frequenza di diversità della luce descritta come un modello sinusoidale. Analizzando questa particolarità, Redhead si è reso conto che le prime registrazioni di questa anomalia risalivano al 1981. Una ricercatrice associata al progetto, Sandra O’Neill, ha scoperto che il modello risaliva agli anni ’70 ed era più coerente all’epoca. “Quando ci siamo resi conto che i picchi e gli avvallamenti della curva di luce scoperti di recente corrispondevano ai picchi e agli avvallamenti osservati tra il 1975 e il 1983, sapevamo che stava succedendo qualcosa di molto speciale.. “

La scoperta di questo sistema di due buchi neri potrebbe contribuire allo studio delle onde gravitazionali note anche come “Increspature nell’universo formate da forze gravitazionali molto fortiL’esistenza delle onde gravitazionali è stata affrontata per la prima volta da Albert Einstein un secolo fa, tuttavia è stata a lungo considerata indimostrabile e queste increspature sono causate dalle conseguenze della relatività generale. Ma nel 2016, gli scienziati del Laser Gravitational-Wave Observatory (LIGO) sono stati in grado di rilevare queste onde per la prima volta, dopo la collisione tra due buchi neri. LIGO è stato quindi in grado di dimostrare la congettura di Einstein che lo spaziotempo è un tessuto che può essere influenzato dalla gravità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *