La scoperta del buco più grande della Terra, con meno di 100.000 anni

La scoperta del buco più grande della Terra, con meno di 100.000 anni

Nuova ricerca pubblicata sulla rivista Astrologia e pianeti Conferma dell’origine extraterrestre del cratere nella provincia di Heilongjiang, Cina. Con un diametro di 1,85 km e una profondità di oltre 300 metri, è il più grande impatto scavato sulla Terra negli ultimi 100.000 anni.

“Nuovo” cratere in Cina

Qualsiasi roccia spaziale con un diametro superiore a venticinque metri può passare attraverso l’atmosfera terrestre. Nella storia del nostro pianeta, Molti sono anche riusciti a farsi strada. Oggi ci sono circa duecento crateri da impatto conosciuti. Di questo campione, la maggior parte è sbarcata in Nord America (32%), Europa (22%) e Asia (16%, inclusa la Russia) diverse decine di milioni di anni fa.

D’altra parte, alcune depressioni sono molto più piccole, hanno solo poche decine di migliaia di anni. Nel luglio 2021, un team ha confermato l’origine del meteorite di uno di questi crateri situati nella provincia di Heilongjiang, nel nord-est della Cina.

Ha un diametro di circa 1,85 km Probabilmente si è formato tra 46.000 e 53.000 anni fa, sulla base della datazione al radiocarbonio del carbone e dei sedimenti organici lacustri raccolti dal sito. Così sarà Il più grande cratere da impatto “moderno” conosciuto sulla Terra (meno di 100.000 anni). Il Meteor Crater in Arizona (1,2 km di diametro e formato da 49.000 a 50.000 anni fa) deteneva in precedenza questo record.

Manca il terzo meridionale del cratere, che gli conferisce la forma di una mezzaluna. Secondo Chen Ming del Guangzhou Institute of Geochemistry e coautore dello studio, tali crateri da impatto sono relativamente rari sulla Terra.

I resti erosi di un cratere creato dall’impatto di Yilan nella provincia di Heilongjiang. Chen Ming et al. 2021.

masso largo 100 m

Gli specialisti sospettavano già che questo “tumulo”, che è stato trovato in un’area densamente boscosa dei Monti Xingan, fosse il bordo del cratere di un vulcano. Recentemente, gli scavi al centro della struttura hanno rivelato prove geologiche dirette dell’origine di questo meteorite.

READ  La temperatura raggiunge i 42.. La meteorologia annuncia il tempo per i prossimi 6 giorni, fino a sabato 2

Secondo questi Analitica, l’interno di questo cratere è costituito da una serie di strati sedimentari di 110 metri di spessore depositati in un lago, divenuto in seguito una palude, il tutto poggiato su uno strato di granito fratturato di 319 metri di spessore. Questa è una lastra enorme Ancora oggi le cicatrici rivelatrici di un colpo di meteorite.

Ad esempio, molti frammenti di roccia mostrano segni di fusione e ricristallizzazione all’impatto e il granito si è rapidamente riscaldato e poi raffreddato. Altri frammenti sopravvissuti a questo processo di fusione mostrano anche minerali d’urto come cristalli di quarzo che mostrano uno schema distintivo di crepe planari parallele. Oggi sappiamo che queste “impronte digitali” sono il risultato di onde d’urto che passano attraverso il substrato roccioso.

Infine, il team ha anche scoperto frammenti di vetro a forma di lacrima e pezzi di vetro con minuscoli fori creati da bolle di gas. Anche in questo caso, questi due tratti testimoniano un effetto ad alta intensità.

Secondo i ricercatori, la roccia responsabile di questo buco è stata scavata nel terreno Era largo circa cento metri.

Infine, ricordiamo che l’unico altro cratere confermato in Cina è il cratere Xiuyan, nella provincia di Liaoning. Ha un diametro di circa 1,8 km. Tuttavia, la sua età è sconosciuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *