Quando si invecchia, svegliarsi presto è comune, ma ci sono consigli per dormire

Quando si invecchia, svegliarsi presto è comune, ma ci sono consigli per dormire
Willie B. Thomas/Getty Images Una coppia di vecchi si sveglia.

Willie B. Thomas/Getty Images

Nel corso degli anni, spesso è difficile dormire.

Sonno – Più passa il tempo e più spesso ti svegli all’alba? Molti luoghi comuni sugli anziani che si svegliano prima del sole non sono privi di verità: il momento in cui il nostro corpo va a dormire e si sveglia naturalmente non dipende solo dalla nostra genetica, ma anche dal naturale processo di invecchiamento.

Con l’avanzare dell’età, il nostro corpo cambia internamente ed esternamente, il che spiega molti dei cambiamenti nel sonno che si verificano nel corso degli anni. “Come la maggior parte delle cose che cambiano con l’età, non c’è una sola ragione, sono tutte interconnesse”.”, spiega Cindy Lustig, professoressa di psicologia all’Università del Michigan.

Allora, quali sono le cause di questo fenomeno? E cosa puoi fare per combatterlo, se vuoi svegliarti un po’ tardi la mattina? Gli esperti ci raccontano tutto.

Il cervello è meno sensibile ai segnali temporali

Il risveglio anticipato fa parte del naturale processo di invecchiamento e spesso è associato anche all’ora di andare a dormire prima. Il primo motivo: come altri aspetti della nostra salute fisica e mentale, il cervello diventa meno reattivo con l’avanzare dell’età.

“È possibile che il cablaggio del cervello non rilevi e non risponda ai segnali come dovrebbe perché il cervello sta invecchiando.”afferma il dottor Sairam Parthasarathy, direttore del Centro per il sonno e la scienza circadiana presso l’Arizona Health Sciences University. Questi dati includono tramonti, luce naturale, pasti, segnali sociali e attività fisica, che ci aiutano a orientarci durante la giornata.

“Tutti questi elementi sono ciò che chiamiamo time givers, nel senso che danno un’idea del tempo al cervello.”Lui spiega. In altre parole, aiutano il cervello ad abituarsi ad un ritmo circadiano di 24 ore.

READ  Evento: guarda il lancio degli asteroidi troiani da parte di Lucy in diretta su Futura!

Quindi, per i giovani, l’ora di cena può aiutare il cervello a capire che l’ora di andare a dormire arriverà tra poche ore. Ma per le persone anziane questa connessione potrebbe non verificarsi.

Sairam Parthasarathy spiega che i nervi che dovrebbero dare al cervello i segnali temporali hanno subito la stessa degenerazione del cervello. Questa incapacità di percepire i segnali temporali spiega in parte perché gli anziani tendono a stancarsi e ad andare a letto prima dei figli o dei nipoti. Quindi, svegliati prima rispetto al resto del mondo.

La luminosità percepita dai nostri occhi gioca un ruolo

Uno dei motivi di queste difficoltà nell’interpretare i segni temporali sembra essere questo “I cambiamenti visivi che si verificano con l’età riducono la stimolazione luminosa ricevuta dal nostro cervello, che svolge un ruolo importante nel” regolare “il nostro orologio biologico.””, spiega Cindy Lustig.

Ciò è particolarmente vero per le persone con cataratta, spiega Sairam Parthasarathy. Questa condizione comune degli occhi può portare a visione offuscata, visione doppia e problemi generali di visione. “Nella cataratta, la luce della sera non penetra abbastanza bene nell’occhio, quindi il tramonto nel cervello è prima di quanto non sia in realtà.”“, spiega Sairam Parthasarathy.

Perché è importante? Poiché negli occhi entra meno luce, il corpo inizia a rilasciare melatonina (l’ormone del sonno) prima di quanto dovrebbe. Nei giovani, la melatonina Comincia ad aumentare dopo il tramonto »“, spiega Sairam Parthasarathy, il che spiega perché generalmente ci sentiamo stanchi dopo poche ore. Per le persone affette da cataratta, la percezione del tramonto è presto, il che le fa sentire stanche prima la sera. Andare a letto presto significa svegliarsi presto .

Cosa fai per dormire più tardi la mattina?

Secondo Sairam Parthasarathy, se hai questo problema, dovresti ignorare il consiglio di mettere via gli schermi ed esporti invece alla luce intensa la sera. Potrebbe trattarsi di fare una passeggiata fuori prima del tramonto, leggere un libro su un iPad luminoso, installare un’illuminazione artificiale in casa o guardare la TV su uno schermo luminoso.

READ  Le nostre idee picnic bandiera per l'estate

Queste luci intense diranno al cervello che il sole non è ancora tramontato, il che rallenterà la produzione di melatonina. Per aiutarti a stare sveglio fino a tardi (e quindi a dormire fino a tardi), Sairam Parthasarathy consiglia di provare a fare queste cose da 30 a 60 minuti prima del tramonto. La durata esatta dell’esposizione alla luce intensa varia e potrebbe essere necessario un po’ di sperimentazione per trovare la luce giusta, ma dice che dovresti puntare a un’esposizione di circa due ore e mantenere la luce accesa dopo il tramonto.

Un altro consiglio, questa volta da Cindy Lustig: evita di bere alcolici prima di andare a letto, perché “ Anche se quest’ultimo può farti addormentare, in realtà compromette la qualità del tuo sonno.. Aggiunge che l’esercizio fisico può aiutarti a dormire meglio e che la luce solare mattutina può aiutare il tuo orologio biologico a seguire i segnali dell’alba e del tramonto.

In breve, i cambiamenti nelle abitudini del sonno fanno parte della vita. Sebbene alcuni di questi fattori siano fuori dal tuo controllo, puoi combatterli adottando determinate abitudini.

Questo articolo è una traduzione della redazione di HuffPost France da un articolo pubblicato il 2 maggio 2023 su HuffPost US. Leggi l’articolo originale qui.

Vedi anche su HuffPost :

READ  Neil Turok, fisico che sfida la teoria del Big Bang e difende l'idea di un "universo specchio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *