Pizza Mongelli, 25 anni di successi e una rete di affiliati in espansione

Pizza Mongelli, 25 anni di successi e una rete di affiliati in espansione

Sono passati 25 anni da Pinin-Giuseppe ed Eva Mongelli, ristoratori e campioni di questo classico irrinunciabile della cucina italiana, hanno aperto la loro prima pizzeria nella zona di Tolosa. Oggi alla guida di una rete di una quindicina di ristoranti in pieno sviluppo, l’azienda familiare continua la sua conquista dell’Occitania e del grande sud. Ha appena aperto un nuovo ristorante ad Agen e si prepara all’arrivo di nuovi affiliati, accuratamente selezionati.

L’avventura tolosa di Pizza Mongelli è iniziata con un incontro: quello di un residente della città rosa e originario della Puglia, entrambi allora GO al Club Med. La svolta decisiva avviene nel 1998, quando la coppia e i loro due figli, che tre anni prima avevano lasciato il difficile contesto economico di Lecce, in Italia, intraprendono l’esperienza imprenditoriale a Tolosa. Un inventario delle opzioni culinarie locali conduce a questi “restauratori seriali – hanno già pizze e gelati al loro attivo – una osservazione: la pizza, emblema italiano, sembra essere disponibile principalmente solo in versione fast food, abusata da marchi soprattutto d’oltre Atlantico. Si è deciso di aprire una pizzeria, con l’obiettivo di restituire la nobiltà di questo piatto popolare e di far conoscere le sue potenzialità gustative. Il primo ristorante Mongelli ha aperto a Blagnac nel 1998, nel cuore storico della città, un piccolo locale di 30 mq che offre undici posti a sedere.

Un successo che non è stato smentito nel corso degli anni

Questi modesti inizi costituiscono il primo passo verso a storia di successo costruito su valori, requisiti e tenace rispetto dei fondamenti di prodotto e servizio. Il locale sta riscontrando un successo esponenziale, i clienti ne lodano il gusto così come l’accoglienza, la fama delle pizze Mongelli è impeccabile. Nel primo anno, il 1998, i fondatori hanno realizzato un fatturato di 150.000 euro.

“I clienti non volevano prendere le loro pizze! Si accalcavano all’ingresso, si accalcavano davanti al bancone e ci sentivamo costantemente come se stessimo spingendo i muri, e tutto ciò non si fermava mai “, ricorda Eva Mongelli, cofondatrice” Appena abbiamo potuto, abbiamo investito in locali più grandi”.

Otto anni dopo il loro arrivo, i nuovi ambasciatori tolosane della “Classica”, questa pizza dalla crosta sottile con bordi croccanti, generosamente guarnita, pensano ora ancora più in grande. Un secondo ristorante è stato aperto a Tournefeuille nel 2007, contemporaneamente ad una scuola per pizzaioli.

READ  Rugby World Cup 2023. L'Italia chiama 46 giocatori, di cui 7 giocatori che giocano in Francia

pasteGraphic.png

Tra il 2015 e il 2022,

Dopo il ritorno dell’indirizzo Balma alla flotta Mongelli all’inizio del 2023, l’ultima aggiunta alla rete è stata inaugurata il 7 novembre a Castelculier, alla periferia di Agen, nel Lot-et-Garonne. Nel novembre 2023 erano 15 i ristoranti con il marchio Pizza Mongelli, distribuiti nei dipartimenti dell’Alta Garonna, dell’Hérault, dell’Aude e del Lot-et-Garonne. Servono, cumulativamente, più di 400.000 pizze all’anno. Con un paniere medio per cliente di circa 22 euro, il consumo sul posto resta prevalente, con una quota d’asporto stimata al 44%.

Pizza Mongelli Agenzia

Pizza Mongelli si espande in Occitania: trasferimento dello storico indirizzo

pastedGraphic_1.png

a Blagnac, per locali più grandi (2016), e successive aperture di 13 ristoranti. Tutti gli stabilimenti della rete genereranno quasi 8 milioni di euro di fatturato nel 2022.

Dopo il ritorno dell’indirizzo Balma alla flotta Mongelli all’inizio del 2023, l’ultima aggiunta alla rete è stata inaugurata il 7 novembre a Castelculier, alla periferia di Agen, nel Lot-et-Garonne. Nel novembre 2023 erano 15 i ristoranti con il marchio Pizza Mongelli, distribuiti nei dipartimenti dell’Alta Garonna, dell’Hérault, dell’Aude e del Lot-et-Garonne. Servono, cumulativamente, più di 400.000 pizze all’anno. Con un paniere medio per cliente di circa 22 euro, il consumo sul posto resta prevalente, con una quota d’asporto stimata al 44%.

“Siamo molto orgogliosi di quanto è stato realizzato in 25 anni e non intendiamo fermarci qui”commenta Carlotta Mongelli, figlia maggiore dei fondatori e Direttore Sviluppo. “Gli stabilimenti più vecchi, come quelli più recenti, mostrano ottimi risultati! Il fatturato complessivo è in continua crescita, dopo un incremento del 35% nell’anno post covid (2021), stiamo crescendo del 17% per il 2022, e dovremmo raggiungere i 10 milioni di euro nell’esercizio 2023. Questo apre grandi prospettive per sviluppo.”

Una rete in franchising in costante crescita

READ  Riyadh è designata ad ospitare l'Esposizione Mondiale nel 2030

È dentro 2015 che il progetto di sviluppo una rete in franchising Pizza Mongelli. Gli inizi, nonostante l’apertura di tre ristoranti, non soddisfacevano del tutto le esigenze dei fondatori. Una solida ristrutturazione e linee guida chiare, stabilite con la consulenza di Franchise Management, rimetteranno la rete in franchising su nuovi binari nel 2018.

La ricetta: reclutamento attento, supporto lungo, una sede scelta con cura e a specifiche rigorose riguardanti i prodotti e la gestione del cliente. “Il successo delle nostre strutture si basa su un’accoglienza impeccabile e su prodotti di qualità costante”, ricorda Carlotta Mongelli. “Ci sforziamo di reclutare membri che condividano la nostra filosofia e non scendano mai a compromessi sul gusto o sul sorriso. Il curriculum dei candidati al franchising da solo non è sufficiente e ci assicuriamo, durante le giornate di osservazione e i corsi di immersione prolungati, che il loro comportamento e il loro know-how corrispondano in tutto e per tutto alle nostre esigenze in questo settore..

Lo specifica anche lei la posizione del futuro ristorante è essenziale e che la sua scelta o disponibilità incida sui tempi di ingresso in franchising.

Non abbiamo scelto un piano di sviluppo aggressivo”commenta. “Abbiamo l’obiettivo di aggiungere da tre a cinque franchising all’anno e desideriamo soprattutto estendere la nostra rete nel grande sud, sull’asse Bordeaux-Lione. Ma non siamo chiusi e studieremo tutte le richieste serie, sia dalla Bretagna che da Marsiglia! “.

I piani previsionali vengono elaborati attentamente con i candidati, che possono contare su a fatturato di 750mila euro dopo due anni di attivitàcon un 6% di royalty donato al marchio. Viene messo in campo un supporto a lungo termine, che offre ad ogni affiliato un valido supporto nei primi anni di attività.

Prodotti accuratamente selezionati

Il successo dei ristoranti dipende, oltre che dal rigore gestionale, dalla cura posta nella scelta dei prodotti. Le verdure vengono fornite corto circuito tramite un partner – i Maraîchers d’Occitanie – o da produttori locali. Ingredienti tipiciin particolare mozzarella, salsa di pomodoro e salumi AOP, provengono direttamente dall’Italia.

READ  Impara a giocare a bingo online

Inoltre tutti gli impasti della pizza Mongelli sono realizzati con a mix di farine personalizzato. Sviluppato da Pinin-Giuseppe Mongelli durante anni di ostinata ricerca di cereali dalle eccellenti qualità digestive, questo mix senza OGM, che unisce grano, farro e soia, è prodotto appositamente da mugnai italiani per il marchio. 74 tonnellate vengono utilizzati ogni anno, tutti gli stabilimenti messi insieme.

Oltre alla qualità costante e al servizio al cliente, Pizza Mongelli si concentra anche sulla stagionalità del suo menu e sull’originalità delle sue creazioni mensili. Un modo per arricchire la tavolozza dei gusti offerta nei suoi locali e per compiere la sua missione originaria: scoprire e riscoprire il vero gusto della pizza.

3 titoli di Campione del Mondo

Nel 2010, Pinin Mongelli ha scelto di lavorare fianco a fianco con i suoi colleghi di direzione il Campionato Mondiale della Pizza svoltosi a Rimini, in Italia. Lì vinse due titoli, nella categoria “Pizza Classica” e “Pizza Classica Bio”. che si dimenticò di menzionare al suo ritorno, soddisfatto di aver confermato il suo livello di esigenze. Una svista presto rimediata, grazie a una dipendente che si è presa la briga di annunciarla ampiamente ai clienti: il fatturato del ristorante Tournefeuille, dove si è stabilito, è stato allora moltiplicato per due.

Nel 2012 Pinin si presenta questa volta al Campionato Mondiale della Pizza a Bologna

e viene incoronato Campione del Mondo della “Pizza Classica”.

pastedGraphic_2.png

Le figure chiave di Mongelli:

– 1961: anno di nascita di Eva e Pinin-Giuseppe Mongelli, i fondatori – 15 ristoranti
– 8 milioni di euro di fatturato nel 2022
– 400.000 pizze servite all’anno

  • Un paniere/cliente medio di 21,82 euro
  • – 74 ton/anno di farina “Mongelli Mix”.

pastedGraphic_3.png

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *