Piano di ripresa: Francia, Germania, Italia e Spagna presentano le loro copie alla Commissione Europea

Al termine dei due mesi a sua disposizione per una prima valutazione, la Commissione sottopone i piani nazionali al Consiglio dell’UE, che li convalida a sua volta a maggioranza qualificata – Crediti: Aurore Martignoni / Commissione Europea

Alla fine di aprile sta per essere compiuto un passo importante“, Annuncio Il mondo. In effeti, “dopo il Portogallo, che presiede [le Conseil de l’Union européenne], Francia, Germania, Spagna e Italia invieranno mercoledì a Bruxelles i loro piani nazionali di ripresa e resilienza” [L’Opinion].

Dall’UE, “L’Italia dovrebbe ricevere 192 miliardi [ndlr : contrairement aux autres pays, le chiffre cité pour l’Italie additionne cependant les prêts et subventions, lesquelles avoisinent plutôt les 70 milliards d’euros], Spagna 69,5 miliardi, Francia 40 miliardi e Germania 23 miliardi di euro“, Elenchi France Info. E se gli Stati membri sono liberi di dirigere gli investimenti in determinati progetti, sono necessarie alcune condizioni affinché la Commissione, e poi il Consiglio, dia il via libera per sbloccare i fondi. “Per tutti i paesi europei, almeno il 37% di questo denaro deve essere utilizzato per la transizione ecologica e il 20% per la transizione digitale“, ricorda France Info.

Ecologia e digitale

In questo tratto finale, Parigi e Berlino hanno scelto di presentare insieme i loro piani nazionali“Questo martedì, 27 aprile, si riferisce Umanità. Il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire e il suo omologo tedesco Olaf Scholz “ha esortato la Commissione a rivedere i piani nazionali “il prima possibile” “, Durante una conferenza stampa congiunta [Le Temps].

Da parte francese, i progetti sono “organizzato attorno a tre priorità: ecologia, competitività e coesione sociale e territoriale” [La Croix]. Ci sarà “50% di investimenti a favore della transizione climatica e 25% di investimenti a favore della transizione digitale “, ha detto Bruno Le Maire, citato dal quotidiano. Dall’altra parte del Reno, il governo tedesco “intende utilizzare il 90% dei 25,6 miliardi di euro stanziati dal Fondo europeo di ripresa per la protezione del clima e la digitalizzazione della propria economia“, Indicare Gli echi. Il ministro delle finanze Olaf Scholz, i cui commenti sono riportati dal quotidiano, ritiene che il suo Paese mandi “un chiaro segnale per la protezione del clima e la digitalizzazione, per la crescita e l’occupazione“.

READ  Questi italiani sul podio del Pallone d'Oro: gli anni 2000 (5/5)

Nei nostri vicini italiani è dedicata anche la prima voce di bilancio “alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica, con una dotazione di 68,6 miliardi di euro“, Rapporti La Croce. “Circa 50 miliardi di euro sono destinati alla digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura“, Completa il quotidiano economico 24 ore di sole. “D’altra parte, la delusione riguarda la coesione territoriale, che non rientra nelle priorità del piano di ripresa.“222 miliardi di euro [La Croix]. Infine, in Spagna, il ministro dell’Economia Nadia Calviño ha definito le quattro priorità del piano nazionale: “transizione ecologica, trasformazione digitale, parità di genere e coesione sociale e territoriale” [El País], distinguendosi così dai progetti di Roma su quest’ultimo punto.

I prossimi passi

Sebbene gli Stati membri teoricamente abbiano tempo fino alla fine della settimana per inviare le loro bozze, è improbabile che questo termine venga rispettato da un certo numero di Stati membri. Una situazione di cui sembra prendere atto Valdis Dombrovskis, uno dei vicepresidenti della Commissione. “Non dobbiamo fissarci sulla data, ma sulla qualità“, Ha sottolineato, cita Il mondo. L’esecutivo europeo controlla con largo anticipo dove andranno i soldi per il sistema UE di prossima generazione: “Berlino uno [ainsi] è oggetto di critiche accusandola di riciclare vecchi progetti, piuttosto che di spenderne […] sovvenzioni per investire nel futuro», Dice il giornale.

Per quanto riguarda gli ultimi stati membri, “alcuni governi preferiscono aspettare per ragioni politiche interne“Come nei Paesi Bassi, dove il primo ministro Mark Rutte deve formare una coalizione, spiega Il mondo. Dopo “la buona notizia per i paesi […] avendo presentato il loro piano, è perché i ritardatari non penalizzeranno gli altri” [L’Humanité]. “Una volta adottato il loro piano, potranno richiedere un anticipo del 13% dei fondi.“, Continua il quotidiano.

READ  Giro d'Italia - Michael Morkov annuncia la sua partecipazione al 105° Giro

Finanziamenti cruciali per molti paesi che soffrono per le conseguenze della crisi sanitaria. Il quotidiano spagnolo Paese cita un rapporto che ritiene che un “un possibile ritardo negli aiuti danneggerebbe le economie più deboli, che hanno meno possibilità di anticipare il denaro prima che sia fornito dall’UE“. Seconda economia del continente, la Francia ha ad esempio “ha già impegnato quasi un terzo dei suoi 100 miliardi di piani di stimolo”, Senza un solo euro da Next Generation EU [L’Opinion].

Tutti i paesi devono ancora convalidare il principio senza precedenti del debito comune, registrato in un Consiglio europeo nel luglio 2020 “.Finora, i parlamenti nazionali di 19 Stati membri hanno ratificato l’accordo” [Ouest-France]. O, “solo un Paese può bloccare il prestito e quindi il piano“, Completa il quotidiano regionale.

Anche se sono rimasti diversi passaggi prima dell’attuazione del piano di ripresa europeo in tutto il continente, la Francia sta anticipando. Il segretario di Stato per gli affari europei Clément Beaune “chiede che l’Europa esamini rapidamente il seguito da dare al piano di ripresa” [Les Echos]. “Dobbiamo fare ciò che non è mai stato fatto prima, un grande piano di investimenti su un orizzonte di 10 anni, che prenderebbe il sopravvento“, ha dichiarato. “L’argomento dovrebbe essere al centro della presidenza di turno del Consiglio“Che la Francia assumerà nella prima metà del 2022, osserva il quotidiano economico.

Altri temi della giornata

Cipro

Covid-19

Economia

Spagna

Italia

Parlamento europeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *