Imposture – Franco-italiano, un avvocato corrotto occupa la giustizia vodese

Pubblicato

Il presunto truffatore ha fatto credere di poter esercitare in Svizzera. Lo stesso uomo aveva innescato l’incriminazione della Banque Nationale de Paris (BNP) nel 2000.

Il processo dell’avvocato senza scrupoli si aprirà martedì mattina 25 gennaio davanti al Tribunale penale distrettuale di La Côte a Nyon (VD).

lematin.ch – Sébastien Anex

L’imputato 67enne – che sarà processato a Nyon martedì 25 gennaio – non è al suo primo tentativo. L’uomo ha una storia impressionante con i nostri vicini francesi. In cima alla sua lista, l’accusa alla Banque Nationale de Paris (BNP) per aver utilizzato documenti falsi nel 2000. Cinque anni prima, Paolo* aveva concesso a BNP impegni su cauzione per un valore di 3,2 milioni falsificando la firma di uno dei suoi clienti per ottenere un prestito. Sarà condannato per questi fatti ma anche per aver truffato una dozzina di altri presidi.

Scusato al primo processo

Il falsario era stato condannato a quattro anni e 20 milioni di danni per frode, uso di falsi e abuso di fiducia. Nessuno dei nostri contatti, né alcuna autorità francese ha potuto confermare se avesse scontato questa pena in tutto o in parte, l’imputato soffriva di notevoli problemi psicologici. Questo è anche il motivo per cui non si è presentato al suo primo processo a Nyon nel giugno 2021 e che questo era stato licenziato.

Il suo compagno ha avvertito

Questo martedì, 25 gennaio, sarà ovviamente solo la componente svizzera e più precisamente Romand che sarà giudicata dal Tribunale di Nyon se l’imputato si presenterà. Tuttavia, i suoi antecedenti inevitabilmente peseranno sulla bilancia. Paolo non è l’unico a essere rimandato alle assise. Anche la sua compagna e assistente Marianne* è perseguita. Anche questo 60enne parigino non aveva risposto alla citazione in giudizio nel giugno 2021, ma non aveva presentato alcuna giustificazione motivata ed era quindi inadempiente al primo processo.

radiato dall’albo

Più di 20 anni dopo l’onda d’urto che ha scosso il BNP, la giustizia svizzera ha raggiunto questo avvocato con pratiche particolarmente dubbie. Il procuratore vodese Valérie de Watteville Subilia che sosterrà l’accusa conserva tre casi. Il primo caso riguarda una grande azienda di serramenti e verande con sede nel quartiere di Morges. Nel corso del primo semestre 2019 la coppia avrebbe abusato della fiducia dei suoi vertici, il franco-italiano sostenendo di essere stato iscritto all’albo degli avvocati di Torino (I) quando non c’era niente da fare ed era stato radiato dall’albo degli avvocati francese, sostenendo inoltre di essere autorizzati a rappresentarli in Svizzera.

Procedure fantasma

Anche secondo l’accusa del Pubblico Ministero, Paolo avrebbe consigliato questa azienda nell’ambito di controversie di lavoro (nota. tribunale del lavoro), ma anche in un grande progetto di costruzione (nota. richiesta mutui legali). E avrebbe fatto credere ai suoi agenti di aver depositato vari documenti presso le autorità vallesane e persino di essere andato in tribunale. Avrebbe così fatturato al coimputato compensi falsi per quasi 40.000 franchi, chiedendo di voler essere pagato in fretta. Senza dubbio al fine di evitare qualsiasi verifica di operazioni inesistenti.

Intrappolato a Yverdon

Tra novembre 2018 e luglio 2019, avrebbe anche truffato una società di consulenza vicino a Yverdon usando lo stesso sotterfugio. E ha depositato diversi atti presso il tribunale distrettuale di La Broye e Nord Vaudois. Che ha scoperto il vaso delle rose – divieto di pratica – nel corso della denuncia di uno studio di architettura friburghese in controversia con la Sàrl che Paolo rappresentava illegalmente. Il cosiddetto avvocato “svizzero” è stato condannato a pagare circa 5.000 franchi alle due società citate.

26 documenti falsi

Infine, l’ultimo caso trattenuto dalla Procura della Repubblica è quello che ha costretto l’ordine degli avvocati vodese a intervenire e sporgere denuncia nei confronti dell’imputato. Da aprile 2017 ad agosto 2019, presso il Tribunale cantonale del cantone di Vaud oltre che nei cantoni di Friburgo, Ginevra e Vallese, Paolo avrebbe prodotto in più di 26 occasioni documenti falsi attestanti la sua autorizzazione all’esercizio in Italia e La Svizzera in applicazione della legge sulla libera circolazione degli avvocati, precisa inoltre il pubblico ministero. Avrebbe così violato gravemente la legge sulla professione di avvocato approfittando di un titolo usurpato.

Rilasciato a condizioni

I due coimputati sono destituiti per i seguenti reati. Paolo per truffa (5 anni max. fermo o sanzione pecuniaria), per falso nei titoli (5 anni max. fermo o sanzione pecuniaria) e per violazione della legge sulla professione di avvocato LPAv (multa). Firenze, intanto, viene licenziata per truffa. Il sessantenne è stato trattenuto dall’11 settembre 2019 al 6 aprile 2020. Ha ottenuto il rilascio dietro pagamento di una cauzione di 10.000 franchi e dell’obbligo di follow-up psicoterapeutico a Parigi. È stato sottoposto a valutazione psichiatrica durante la sua custodia cautelare in Svizzera.

READ  Euro: attenzione! Questa moneta vale molto - ce l'hai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.