Otto persone temono per le macerie dopo il crollo di un edificio a Marsiglia

Otto persone temono per le macerie dopo il crollo di un edificio a Marsiglia

Otto persone non rispondono alle telefonate e si ritiene che siano sotto le macerie di due edifici crollati all’inizio di domenica nella città di Marsiglia, nel sud della Francia, hanno detto funzionari locali.

Dominique Laurens, il pubblico ministero di Marsiglia, ha dichiarato che la causa dell’esplosione non era ancora nota.

Ha detto in una conferenza stampa che il crollo ha causato un incendio che ha complicato i soccorsi e le indagini e non è stato controllato.

Le riprese televisive hanno mostrato nuvole di fumo che si alzavano dalle macerie mentre i vigili del fuoco cercavano di spegnere le fiamme e venivano usati cani da fiuto per cercare di localizzare le vittime.

“Non abbiamo niente, nemmeno un documento d’identità. Abbiamo perso tutto”, ha detto un uomo che ha dato solo il suo nome come Roland in un’intervista al quotidiano locale La Provence. Riuscì a uscire dall’edificio in via Tivoli 15 con sua moglie e due figli prima di crollare con un edificio adiacente.

Un terzo edificio è parzialmente crollato.

Cinque persone sono state portate in ospedale con ferite gravi ma non in pericolo di vita.

Il ministro dell’Interno Gerald Darmanin, che ha visitato il sito, ha dichiarato che 30 edifici nell’area sono stati evacuati.

Nel 2018, a circa 1 chilometro (0,62 miglia) dalla tragedia, tre edifici ritenuti inabitabili sono crollati, uccidendo otto persone.

Il sindaco di Marsiglia ha detto che non è possibile fare paragoni, mentre il pubblico ministero ha affermato che gli edifici crollati domenica non avrebbero avuto problemi strutturali.

READ  مقاتلو إيران باليمن..طهران تكذب أنقرة والحرس الثوري يقر

“I pensieri sono con Marsiglia”, ha detto il presidente Emmanuel Macron in un messaggio su Twitter.

(Copertura) Lily Forody Montaggio di Allison Williams, Frances Kerry e Barbara Lewis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *