Gli Stati Uniti mirano a intensificare la coercizione economica: un editoriale del China Daily

Gli Stati Uniti mirano a intensificare la coercizione economica: un editoriale del China Daily

La sessione di apertura dell’incontro inaugurale dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del Gruppo dei Sette inizia presso la Toki Messe International Conference Hall di Niigata, nel nord del Giappone, l’11 maggio 2023. [Photo/Xinhua]

Sebbene il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen abbia chiesto “un’azione coordinata” da parte delle nazioni del G7 contro la cosiddetta “coercizione economica” della Cina prima della riunione dei ministri delle finanze del G7 che si è conclusa sabato, la dichiarazione rilasciata non ha chiarito nulla di specifico. menzionare l’argomento.

Ma venerdì, una settimana prima dell’apertura del vertice di tre giorni del G7 a Hiroshima, in Giappone, un “funzionario statunitense a conoscenza delle discussioni” ha detto a Reuters che i leader del gruppo avrebbero rilasciato una dichiarazione che includeva una “sezione speciale sulla Cina” con un elenco di preoccupazioni che includevano “coercizione economica” e altri comportamenti “che violano l’ordine basato sulle regole.

Stabilire questo programma in anticipo è una tattica standard usata da Washington per dirottare le discussioni sulle economie avanzate, e la misura in cui gli Stati Uniti possono manipolare tali riunioni mostra la portata dell’audacia che impone ai suoi alleati.

Invitando i suoi alleati ad unirsi ad essa nell’accusare la Cina di “coercizione economica”, una denuncia che ha riservato alla Cina, Washington sta tentando di giustificare i suoi futuri interventi nelle relazioni economiche e commerciali di questi paesi con la Cina, e persino di rafforzarsi concedendo il Giusto. Punire la Cina per conto dei suoi alleati.

L’Anti-Economic Coercion Act del 2023 che i legislatori hanno presentato al Congresso a febbraio, e che non è stato ancora approvato dal Senato, evidenzia il piano. Mira ad “autorizzare il presidente a intraprendere determinate azioni per assistere i partner commerciali stranieri colpiti dalla coercizione economica e per punire gli avversari stranieri”.

Avendo esaurito i mezzi per costringere la Cina attraverso i suoi scambi economici e commerciali con la Cina, gli Stati Uniti stanno ora guardando a quelli tra i suoi alleati e la Cina come un modo per aumentare la sua forza d’attacco.

Sia il disegno di legge stesso che l’ordine del giorno prestabilito per il vertice del G-7 servono a dimostrare che sono gli Stati Uniti a ricorrere alla “coercizione economica” per raggiungere “obiettivi politici strategici o influenzare azioni politiche sovrane” attraverso “azioni, pratiche , o minacce” che vengono intraprese. per “limitare, ostacolare o manipolare in altro modo irragionevolmente il commercio, gli aiuti esteri, gli investimenti o il commercio con l’intento di causare danni economici”, afferma involontariamente il disegno di legge.

Se c’è un paese che desta preoccupazione a causa della sua coercizione economica, questi sono gli Stati Uniti. Ha esaurito il concetto di sicurezza nazionale, abusando dei controlli sulle esportazioni e adottando misure discriminatorie e ingiuste nei confronti di società straniere di diversi paesi. Anche i membri del Gruppo dei Sette non sono stati risparmiati dalla coercizione economica e dal bullismo americani.

Se il vertice del G7 sta discutendo la risposta alla coercizione economica, deve prima discutere la sua risposta alla risposta degli Stati Uniti.

READ  L'esposizione al monitoraggio dei voli sconvolge miliardari e cattivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *