I cani a Chernobyl si stanno evolvendo più velocemente, afferma un nuovo studio

I cani a Chernobyl si stanno evolvendo più velocemente, afferma un nuovo studio

L’esplosione del reattore di Chernobyl nel 1986 ha lasciato una vasta area intorno alla centrale inabitabile per gli esseri umani a causa delle continue radiazioni nucleari. Tuttavia, gli animali, come i cani randagi, hanno continuato a inseguire all’interno della zona e una nuova ricerca mostra che alcuni animali di Chernobyl potrebbero evolversi più velocemente di altri.

Il nuovo studio è apparso sulla rivista La scienza avanza Presenta all’inizio di questo mese un esame di oltre 300 cani selvatici che vivono all’interno della zona di esclusione di Chernobyl (CEZ). Rispetto ai cani che vivono entro 10 miglia dalla CEE, i cani di Chernobyl mostrano differenze fondamentali che suggeriscono che potrebbero svilupparsi.

La ricerca non ha detto quali fossero le differenze. Tuttavia, il documento spiega che hanno scoperto almeno dieci differenze significative nei geni dei cani che vivono vicino alla struttura di Chernobyl.

L’area intorno alla centrale di Chernobyl rimane deserta, fatta eccezione per la fauna selvatica che la chiama casa. Fonte immagine: Berry/Adobe

Sebbene sia possibile che questi drastici cambiamenti siano stati causati dalle radiazioni all’interno della zona e che i geni dei cani di Chernobyl si evolvano più rapidamente di quelli al di fuori delle zone radioattive più elevate, è anche possibile che siano in gioco altri fattori.

Attualmente, i ricercatori non sono in grado di determinare se le radiazioni siano state la causa dei cambiamenti genetici osservati nei cani di Chernobyl o se anche tutti gli altri animali di Chernobyl abbiano subito cambiamenti di sviluppo simili a causa della loro vicinanza alle radiazioni.

Sono necessarie ricerche più approfondite per determinare se le differenze genetiche osservate dai ricercatori nei cani di Chernobyl siano causate da radiazioni o altri fattori. Scoprire chi è responsabile di questi cambiamenti ci darà un’idea migliore di cosa aspettarci dall’esposizione prolungata alle radiazioni negli animali.

READ  17 delle citazioni più stimolanti dello sceicco Mohammed del 2021 - La donna degli Emirati

La cosa più eccitante qui è che una regione che dovrebbe essere considerata – a tutti gli effetti – una terra desolata ha continuato a prosperare, nonostante la pesante coltre radioattiva che la ricopre ancora 40 anni dopo che la terribile catastrofe ha lasciato l’area intorno a Chernobyl in uno stato di declino. Chernobyl non è il primo posto in cui la natura ha preso il sopravvento dopo un disastro. Anche il disastro nucleare di Fukushima ha lasciato libera la natura dopo che si è verificato nel 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *