Nohon Nignan difende brillantemente la sua unica tesi di dottorato in biologia molecolare

Nohon Nignan difende brillantemente la sua unica tesi di dottorato in biologia molecolare

Nohon Ninan ha difeso i risultati delle sue ricerche in biochimica sabato 13 gennaio 2024 presso l'Università Joseph Qui Zerbo di Ouagadougou. Il tema della ricerca era “Virus dell’epatite B in Burkina Faso: effetto dei polimorfismi dei geni MAP3K14, CD40 ed ECM1 sullo sviluppo dell’infezione e gestione terapeutica mediante fitomedici”.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Per il suo dottorato universitario, Nohon Ninan ha presentato i risultati della sua ricerca davanti a una giuria di cinque (05) membri presso la Scuola di Dottorato dell'Università Joseph Qui Zerbo di Ouagadougou.

Nell'ambito del tema di ricerca intitolato Virus dell’epatite B in Burkina Faso: coinvolgimento dei polimorfismi dei geni MAP3K14, CD40 ed ECM1 nello sviluppo dell’infezione e nella gestione terapeutica con farmaci vegetali. “.

L’epatite è una malattia virale di varia origine. Si trasmette per via genitoriale, sessuale, fetale e materna. Secondo il richiedente Nohon Ninan, i geni MAP3K14, CD40 ed ECM1 sono i principali geni responsabili dello sviluppo della malattia nell'organismo.

Richiedente, Nohon Nignan

A sentire lui, la scelta di questo argomento è motivata dal fatto che l'epatite B resta nascosta a un certo numero di abitanti del Burkina Faso. “È una malattia misteriosa e silenziosa, una malattia che per alcuni fa meno paura. Quando si parla di insufficienza renale e HIV/AIDS, la gente si preoccupa. L'epatite esiste, e il nostro obiettivo era innanzitutto studiarne lo sviluppo in relazione a determinati geni nel corpo, e in secondo luogo contribuire a sensibilizzare la popolazione su questa malattia che uccide silenziosamente. Lui ha spiegato.

Come in altri paesi africani, anche in Burkina Faso la malattia è una realtà e rappresenta un problema di salute pubblica con un tasso di prevalenza compreso tra il 10,1 e l'11%, secondo il biologo.

READ  Continua a far bollire i subacquei scavando la massa di corallo. Underneath Sea Tarotau Park

Secondo il direttore della tesi, la Dott.ssa Florencia W. Zerbo/Djigma, questo studio fa parte degli assi di ricerca del Laboratorio di Biologia Molecolare e Genetica dell’Università. Ha affermato che lo scopo di questo studio è quello di indagare sull'insorgenza precoce dell'epatite virale e di tutte le sue forme e sulla sua progressione verso il cancro al fegato in Burkina Faso.

Direttore della tesi Dr. Florencia W. Zerbo/Djigma

“Abbiamo visto specificamente tre (03) geni, MAP3K14, CD40 e ECM1, che sono tutti geni coinvolti da un momento all'altro nella progressione della malattia verso lo stadio del cancro. Il nostro obiettivo era vedere, in Burkina Faso, che ci sono mutazioni in questi geni che potrebbero spiegare il fatto che vediamo giovani con cancro al fegato. I risultati ottenuti sono assolutamente conclusivi. Ciò dimostra in realtà che esistono almeno due geni, uno che protegge dalle infezioni e l’altro che può essere suscettibile alle infezioni “, ha sottolineato.

Il presidente della giuria, il professor Nicholas Barrow, non ha mancato di congratularsi con il candidato per i risultati presentati sull'argomento e ha spiegato che questi risultati apporteranno più scienza e faciliteranno una più facile comprensione della malattia e dei suoi effetti.

L'opera ha ricevuto una menzione d'onore da parte della giuria. Ricordiamo che Nohon Nignan è il direttore didattico dei corsi professionali presso l'IST, Wayalgin Campus.

Amido Ouedraogo (tirocinante)

Burkina Faso24

❤️ invito

Vorremmo esprimervi la nostra gratitudine per il vostro interesse nei confronti dei nostri media. Ora puoi seguire il nostro canale su WhatsApp cliccando su: Burkina Faso24 Segui il canale


Restate sintonizzati per tutte le ultime informazioni!

annuncio

annuncio

READ  Foto: i migliori scatti di Twilight che tolgono il fiato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *