Nel profondo di una baia in Giappone, le tracce archiviate dell’impatto dell’umanità sulla Terra

Nel profondo di una baia in Giappone, le tracce archiviate dell’impatto dell’umanità sulla Terra

Un grafico che mostra i siti scelti per ospitare il “chiodo d’oro” che segna il passaggio dell’Antropocene (Gal Roma)

Nel profondo del Golfo di Beppu in Giappone, i ricercatori hanno portato alla luce un tesoro in strati di sedimenti e fango: prova fisica che l’umanità ha trasformato il pianeta Terra.

Beppu è uno dei nove siti candidati per esemplificare la transizione all’Antropocene, una nuova epoca geologica che è stata proposta per anni, non senza polemiche all’interno della comunità “stratigrafista”, per il ritardo dell’Olocene che iniziò lì .11.700 anni fa.

Il sito scelto dai geoscienziati dell’Antropocene sarà annunciato martedì.

Qualunque sia la decisione, gli scienziati giapponesi che sondano le profondità di Beppu, strato dopo strato, ritengono che gli indizi di tale trasformazione abbondano qui nel sud-ovest del Giappone, che si tratti di test post-nucleari per la contaminazione da plutonio o dell’accumulo di microplastiche.

Michinobu Kuwae, professore associato presso l’Ehime Center for Marine Environmental Studies, ha studiato il sito per quasi un decennio.

La sua ricerca inizialmente si è concentrata sull’impatto del cambiamento climatico sulle popolazioni ittiche, con squame di pesce nei depositi di sedimenti che forniscono indizi.

È solo di recente che il sito ha iniziato a essere considerato un punto caldo per lo studio dell’Antropocene, date le “numerose impronte umane, comprese sostanze chimiche e radionuclidi artificiali trovate negli strati sedimentari della baia”.

Questi consentono agli scienziati di determinare “la data esatta del confine tra l’Olocene e l’Antropocene”, ha detto il ricercatore ad AFP.

Il fondo della baia è profondo rispetto alla riva, il che crea un avvallamento che intrappola il materiale “in una specie di zuppa di miso”, spiega Yosuke Yokoyama, professore all’Institute for Ocean and Sea Research. L’atmosfera dell’Università di Tokyo.

READ  La scoperta di un nuovo tipo di cellula scuote le neuroscienze

L’acqua precipita in questo bacino, ma si ritira solo in superficie, e la mancanza di ossigeno impedisce la moltiplicazione di organismi che disturberebbero la deposizione dei sedimenti.

– ‘Segnale di avvertimento’ –

Per essere considerato un sito rivelatore, un sito deve presentare prove di almeno un secolo, segni antropici come test di bombe nucleari, cambiamenti dell’ecosistema e industrializzazione.

Dovrebbe fornire archivi completi per il periodo considerato, ogni strato corrispondente alla data.

I ricercatori considerano i coralli dei buoni candidati perché crescono in strati come tronchi d’albero e assorbono gli elementi disciolti nell’acqua, comprese le firme dei test nucleari.

Ma i coralli non possono catturare elementi insolubili in acqua come le microplastiche.

I sedimenti del Golfo di Beibu contengono fertilizzanti ed elementi di alluvioni storiche che sono ufficialmente datati, oltre a scaglie di pesce e plastica.

I dati più sorprendenti, secondo i professori Kuwae e Yokoyama, sono le firme di una serie di test nucleari condotti nell’Oceano Pacifico dal 1946 al 1963.

Yokoyama ha osservato che nel Golfo di Beppu è possibile rilevare sia il fallout radioattivo generale sia le firme specifiche di alcuni test.

“Siamo in grado di rilevare entrambi”, dice.

I campioni della baia hanno mostrato picchi di plutonio coerenti con test nucleari specifici, coerenti con risultati simili nella vicina barriera corallina di Ishigaki.

Qualunque sia il sito scelto martedì, il professor Quaye spera che il riconoscimento ufficiale dell’Antropocene serva da “campanello d’allarme” per l’umanità.

“Il deterioramento dell’ambiente globale, compreso il riscaldamento globale, sta progredendo rapidamente”, ha affermato.

“Ci troveremo in una situazione in cui, una volta persa, la sicurezza originaria della vita sulla Terra non può essere ripristinata”, ha avvertito.

READ  Se sei una persona mattiniera, hai i geni di Neanderthal. Questo nuovo studio del genoma umano rivela molti segreti

sah / mr / bl / ico / sba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *