Nel Canale della Manica, pesci e crostacei seguono… foneticamente – la Bretagna

Nel Canale della Manica, pesci e crostacei seguono… foneticamente – la Bretagna


Dall’estate del 2022, quasi 1.000 pesci e crostacei sono stati dotati, con chirurgia e anestesia, di piccoli trasmettitori rettangolari che inviano ciascuno un segnale unico. Contemporaneamente, 190 ricevitori in grado di rilevarli sono stati dislocati lungo le coste francese, inglese e belga, nell’ambito di un progetto scientifico denominato Pesca tul, di Ifremer. Quando un pesce marcato nuota a poche centinaia di metri dal ricevitore, l’ora e la data del suo passaggio vengono registrate dal microfono.

L’idea è quella di identificare gli habitat chiave nel ciclo di vita dei pesci: dove sono? Quali zone frequentano? spiega Matthew Willis, ricercatore di ecologia marina di Efremer, a Brest.

I gamberi sono stati ripresi con un trasmettitore acustico a Perros-Guirec. (Foto di Fred Tanno/AFP)

Migliore comprensione del comportamento delle specie

Guidato da dozzine di istituti di ricerca, organizzazioni professionali o ONG su entrambi i lati della Manica, tra cui l’Università di Plymouth, il progetto dovrebbe fornire una migliore comprensione del comportamento di specie di grande valore commerciale come la spigola, il merluzzo giallo, il tonno rosso, l’orata e granchio grigio, da Per gestire al meglio il proprio inventario.

I pescatori bretoni hanno partecipato al programma aiutando a identificare i pesci ea collocare i destinatari. Perché negli ultimi anni sono stati “più che preoccupati per lo stato dello stock di merluzzo giallo e vogliono sapere come si comporta questo pesce” e “ottenere una vera valutazione dello stock”, spiega Erwan Kimnor, vice coordinatore della Finisterre Fisheries Dipartimento. “Per correre bene, devi davvero saperlo”, dice.

Pollack è, infatti, una delle specie “non classificate” di Ifremer, a causa della mancanza di conoscenza. “Non conosciamo davvero i terreni di coltura”, ammettono Matteo e Willis.

READ  Conosci la coppia più felice per scoprire cosa è più importante nella tua relazione.

Basso tracciato da un capo all’altro di Brittany

Con meno di un anno di senno di poi, i Fish Sensor di Intel hanno già fornito i primi dati, rilevando almeno una volta più della metà (52%) dei pesci etichettati. Ad esempio, le spigole sono state seguite da un capo all’altro della Bretagna, dall’arcipelago di Sept-Iles (22) al parco eolico di Saint-Nazaire (44).

“La rete funziona (…) probabilmente funzionerà per un decennio o più. Questo è un libro davvero entusiasmante per il futuro!” conferenza di progetto a Plymouth.

Tanto più che i pesci etichettati come Fish Intel possono essere catturati da altre reti simili in Europa. Questo è particolarmente vero per i ricevitori installati nei parchi eolici offshore dal France Énergies Marines Institute (FEM, finanziato in parte da operatori del settore).

“Sappiamo molto poco su come gli animali occupano il loro spazio. L’obiettivo è fornire le conoscenze ecologiche di base per valutare l’impatto dei parchi eolici offshore”, afferma Lady Couturier, ricercatrice di ecologia marina di FEM.

Nel progetto Fishowf, sono stati profilati 160 raggi comuni o comuni, pipistrelli della frutta e altri squali smeriglio “per vedere come questo aumento dei cavi sottomarini potrebbe influenzare le specie sensibili ai campi elettromagnetici”, aggiunge il ricercatore. Queste specie, infatti, individuano prede specifiche grazie ai campi elettromagnetici.

Sensori lungo il cavo di collegamento del parco eolico di Saint-Brieuc

Recentemente è stata installata una rete molto fitta di 14 sensori per tracciare il movimento di questi pesci in 3 dimensioni lungo il percorso del futuro cavo di collegamento del parco eolico di Saint-Brieuc. Se la tecnologia sarà ritenuta decisiva, potrà essere replicata una volta che il parco sarà completo e connesso alla rete elettrica.

READ  Novità scientifiche a piccole dosi

“Lo sviluppo dei parchi eolici ci consente di mettere in mare una serie di mezzi per acquisire conoscenza”, si vanta Lydie Couturier, pur ammettendo che “poteva succedere anche prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *