Natale in Germania, il governo proroga il blocco della luce fino al 10 gennaio. Resa dei conti tra Merkel e Länder

Si blocca la luce Germania sarà prorogato fino al 10 gennaio. Angela Merkel ei ministri che presiedono i Laender lo decisero in una riunione regolare tramite videoconferenza dopo una situazione di stallo con gli stati federali. Tensioni tra Governo tedesco ei paesi considerando il Natale andarono avanti per giorni. Solo una settimana prima era stato realizzato il faticoso accordo di prolungare il semi-chiusura fino al 20 dicembre e revocare il divieto di contatto durante le vacanze consentendo riunioni fino a 10 persone. L’allentamento delle misure durante le ferie, però, ha aperto subito un altro fronte: almeno 8 Länder avevano infatti fatto sapere di volere alberghi aperti dal 23 dicembre al 1 gennaio per i viaggiatori visite familiari. Annuncio fortemente criticato dal Cancelliere: “Mi sono perso il fantasia attraverso immaginare che le regioni più colpite hanno in programma di riaprire i loro hotel ”, ha detto durante un incontro con il consiglio di amministrazione di CDU.

Nella risoluzione adottata la scorsa settimana, ristoranti e alberghi non sono stati menzionati tra i pantaloni previsti per Natale. Il governo federale voleva linea dura: quindi le chiusure previste nel frattempo fino al 20 dicembre sono state prorogate fino alla fine della vacanza. Nell’accordo era scritto: “Gli stati federali presumono che saranno necessarie restrizioni significative anche oltre la fine dell’anno a causa dell’elevata incidenza di infezioni. Eseguiranno un’altra revisione e valutazione prima di Natale“.

Questa era la situazione già teso la questione degli hotel lo ha dimostrato. Mentre la Merkel ha ripetuto ieri che dovevamo stare attenti a evitare una terza ondata – “Quest’inverno dovremo essere di nuovo molto molto attento”- alcuni stati federali hanno annunciato l’apertura di alberghi. Tra questi, ad esempio Meclemburgo-Pomerania Anteriore e Schleswig-Holstein, due aree in cui il virus circola relativamente poco: l’incidenza è inferiore a 50 nuovi contagi ogni 100.000 abitanti in una settimana. Ma ciò che ha esasperato il Cancelliere sono stati gli annunci da Berlino, una delle regioni più colpite dalla pandemia. È la capitale a cui si riferiva la Merkel quando l’ha detto le mancava l’immaginazione sospetto che i Länder particolarmente colpiti dal virus volessero aprire alberghi.

READ  Giro d'Italia: Cavagna colto in una caduta massiccia, Bardet si accaparra un posto in generale

Le aperture di hotel del governo federale non hanno riguardato turismo, ma viaggia solo per me riunione di famiglia durante le vacanze, quindi dal 23 dicembre al 1 gennaio. Ad oggi gli hotel tedeschi sono già aperti, come in Italia, ma solo per viaggio di lavoro. “La regola è che tutti i viaggi che non lo sono assolutamente dovrebbero essere evitati necessario. Questo include viaggi turistici. Visitare i parenti non è un viaggio turistico ”, ha detto. Melanie Reinsch, portavoce della Cancelleria del Senato di Berlino, al Specchio giornaliero. Per la Merkel invece è già troppo. Il Cancelliere ha anche giustificato le sue critiche spiegando ciò non sarà possibile verificare se gli ospiti che hanno soggiornato in albergo hanno fatto visita a parenti.

Infine, la decisione è stata presa. Lo stesso dialettica che in Italia vede il governo (sulla riga di cautela) e il Regioni (che invece spinge a riaprire) si riproduce anche in Germania. Ovviamente in il tuo minore, poiché (ad eccezione del Baden-Württemberg e della Turingia) tutti i Länder sono amministrati da presidenti di CDU O Spd, le due forze al governo dal paese. La Merkel, invece, guarda il vicino Francia, dove un blocco più duro ha permesso alla curva di contagio di abbassarsi più rapidamente. Germania, durante la prima ondata th nel mese di settembre con la scuola, ha rischiato un Natale senza un chiusura pulita, ma con regole differenti per ristoranti e locali da una terra all’altra. Ma la chiusura durerà più di un mese.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Germania, un’auto si precipita tra la folla a Treviri: 5 morti, c’è anche un bambino di 9 mesi. L’autista si è fermato: è un tedesco di 51 anni

Il prossimo


Articolo successivo

Iran, “rinviata di qualche giorno l’esecuzione dello scienziato Djalali”: la corsa contro il tempo per salvargli la vita

Il prossimo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *