Mondiali di sci alpino: perché il “magico trio” di sciatori italiani è così forte?

Nonostante il doloroso pacco di Sofia Goggia, gli sciatori italiani possono avere grandi ambizioni a casa ai Mondiali di Cortina d’Ampezzo in quasi tutte le discipline. Il risultato di un lavoro orientato alla versatilità al servizio di grandi talenti.

Nonostante il doloroso pacco di Sofia Goggia, gli sciatori italiani possono avere grandi ambizioni a casa ai Mondiali di Cortina d’Ampezzo in quasi tutte le discipline. Il risultato di un lavoro orientato alla versatilità al servizio di grandi talenti.

Tre teste superano tutto l’anno, in quasi tutte le discipline. Sofia Goggia, Federica Brignone e Marta Bassino formano quotidianamente un formidabile e simpatico trio che colleziona costantemente trofei.

Dalla scorsa stagione, i tre hanno accumulato ben 34 podi, di cui 15 vittorie in Coppa del Mondo.

La carismatica campionessa olimpica di discesa libera Sofia Goggia, invece, ha dovuto ritirarsi dai “suoi” Mondiali, a causa di un grave infortunio (frattura del piatto tibiale laterale del ginocchio destro) a margine delle gare di Garmisch (Germania) una settimana fa .

Un vero colpo per l’Italia che può contare sempre sul resto di questa piccola squadra, la cui emulazione è una delle chiavi.

“Siamo una squadra che scia molto bene in allenamento, il che ci tira su. Non ci piace perdere, anche in allenamento, cerchiamo sempre di essere i migliori”, spiega Federica Brignone.

Federica Brignone durante la Discesa di Crans-Montana, in Svizzera Svizzera, 22 gennaio 2021.

Fabrice COFFRINI – AFP

– “Come un’orchestra” –

“Il segreto della nostra squadra è il capitano, il nostro allenatore Gianluca Rulfi, anticipo Sofia Goggia. È calmo e ci lascia lavorare in serenità. Ha una visione + olistica +, sa portarci ai massimi livelli. Ogni anno , qualcuno porta qualcosa di nuovo e noi alziamo l’asticella. “

READ  La Piazzetta, la terrazza all'italiana del Park Hyatt Vendôme

“Il segreto è che ogni parte è al posto giusto, Rulfi è il capitano ma tutti sulla barca sanno cosa fare. È come un’orchestra, suoniamo tutti i nostri strumenti nella nostra zona ma ci vuole talento per suonare perfettamente la sinfonia. Abbiamo anche il direttore d’orchestra e persone ispirate. È una grande sinergia “.

Mentre la maggior parte delle nazioni raggruppa le sciatrici per specialità, l’Italia ha anche creato un gruppo “elite”, che riunisce i suoi tre campioni, e ha scommesso sulla versatilità.

– “Senza riposarsi” –

L'italiana Marta Bassino terza nello slalom gigante al Plan de Corones in Italia il 26 gennaio 2021.

L’italiana Marta Bassino terza nello slalom gigante al Plan de Corones in Italia il 26 gennaio 2021.

Marco BERTORELLO – AFP

Lo scorso inverno Brignone (30) ha vinto la classifica generale di Coppa del Mondo gareggiando in 25 delle 30 gare possibili e raggiungendo il podio in quattro diverse discipline (discesa, superG, gigante, combinata). Un lato tocca tutto ciò che coltiva sin dalla giovane età.

“Giovani, dipende dalla tua società. Serve una struttura per fare tutto e atleti che vogliono, che lavorano tutti i giorni senza riposarsi (…) Quando sono entrato in Coppa del Mondo c’erano due gruppi: velocità e tecnica In la Coppa Europa (la 2a divisione sci, ndr) sono stata versatile, ma ci è voluto molto tempo per tornare a quella in Coppa del Mondo, ho ricominciato nel 2014/15. Marta (Bassino) è arrivata quando abbiamo iniziato questo progetto del liceo, quindi anche se è più giovane ha tanta esperienza quanto me. “

Marta Bassino è l’ultima pepita, che in questa stagione domina scandalosamente il gigante (quattro vittorie in sei gare). A suo agio anche in superG (un podio) e presente in slalom e downhill, è 4 ° in classifica generale e sarà una seria contendente per il grande globo di cristallo in futuro, o anche in questa stagione.

READ  Il significato del viaggio - Eco-hotel alle Azzorre o rifugio in Italia?

Inoltre, le azzurre del gruppo velocità sono anche capaci di bei tiri, soprattutto Elena Curtoni e Francesca Marsaglia. Abbastanza per alimentare grandi ambizioni a Cortina.

Di Robin GREMMEL / Cortina d’Ampezzo (Italia) (AFP) / © 2021 AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *