Molto meno di 8 ore di sonno saranno in media sufficienti per una salute ottimale del cervello

Molto meno di 8 ore di sonno saranno in media sufficienti per una salute ottimale del cervello

Studi precedenti avevano indicato un legame tra la durata del sonno e il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer. Tuttavia, uno studio recente mette in discussione questa idea. Analizzando i dati di migliaia di individui, gli scienziati hanno scoperto che il volume cerebrale ottimale è associato a 6,5 ​​ore di sonno. Questi risultati potrebbero avere un impatto sulle raccomandazioni riguardanti la durata del sonno e la sua relazione con la salute del cervello.

Il sonno è stato a lungo considerato essenziale per la salute fisica e mentale. Recentemente, gli studi hanno indicato che la mancanza di sonno può essere collegata a malattie come il morbo di Alzheimer e persino causare atrofia cerebrale.

Infatti, la maggior parte delle organizzazioni sanitarie consiglia agli adulti di dormire dalle 7 alle 9 ore ogni notte. Con l’avvento dei rilevatori del sonno, è più facile che mai sapere se stai rispettando o meno questa raccomandazione. Ma è davvero questa la durata ideale per tutti?

:: La maglia che sostiene la bandiera! ::

Un nuovo studio di Anders Fjell dell’Università di Oslo mette in discussione questa idea e il suo collegamento con una possibile atrofia cerebrale dovuta alla mancanza di sonno. Esplorando la relazione tra durata del sonno e salute del cervello, gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Comportamento umano naturalegettano nuova luce sulle nostre reali esigenze di sonno, che sono in media di 6,5 ore per un cervello di dimensioni sane.

Il rapporto tra sonno e salute è più complesso di quanto sembri

La durata del sonno è da tempo al centro dell’interesse medico e scientifico. Precedenti ricerche hanno tracciato una curva a forma di U, suggerendo che periodi di sonno troppo brevi o troppo lunghi possono avere conseguenze negative sulla salute.

READ  Solo pochi geni riescono a trovare il numero nascosto 1 tra i sette

Durante il sonno si attiva il meccanismo di purificazione del cervello, eliminando gli elementi dannosi, tra cui alcuni associati alla malattia di Alzheimer, come la proteina beta-amiloide. Studi su larga scala hanno dimostrato che le persone che dormono troppo poco o troppo mostrano segni di cattiva salute, come problemi di memoria e diminuzione del volume cerebrale, che sono sintomi tipici della malattia di Alzheimer.

Tuttavia, è importante notare che questi studi si basano su correlazioni e non su prove dirette di causalità. Di fronte a queste incertezze, Anders Fjell e il suo team dell’Università di Oslo hanno deciso di andare avanti con l’analisi.

Scoperte che sfidano i preconcetti

La metodologia adottata dal team di Fjell è stata rigorosa. Basandosi su un ampio campione di 47.000 persone, i ricercatori hanno osservato che il volume massimo del cervello corrisponde a una durata del sonno di 6,5 ore, un risultato inaspettato date le solite raccomandazioni. L’associazione osservata potrebbe essere spiegata dall’atrofia cerebrale che causa disturbi del sonno, piuttosto che il contrario.

(A) Durata del sonno auto-riferita (verde) sovrapposta alle durate del sonno consigliate (area blu/grigia). (b) Gruppi di regioni che mostrano relazioni simili tra spessore e durata del sonno. (C) Volumi sottocorticali e globali in funzione della durata del sonno. © AM Fjell et al., 2023

Inoltre, uno studio longitudinale su 4.000 persone, nell’arco di 11 anni, non ha trovato alcun legame tra la durata iniziale del sonno dei partecipanti e la diminuzione del volume cerebrale nel tempo. Questi risultati mettono in discussione le credenze comuni secondo cui un sonno insufficiente può portare a una riduzione del volume del cervello.

Il team ha inoltre condotto una terza analisi basata sulle informazioni genetiche di quasi 30.000 partecipanti a uno studio. I risultati hanno mostrato che gli individui con una predisposizione genetica a dormire poco o molto non avevano un volume cerebrale inferiore rispetto a quelli con una durata media del sonno. Questi risultati mettono in discussione l’idea che una (ragionevole) mancanza di sonno porti a una riduzione del volume del cervello.

Variazione naturale delle esigenze di sonno

Secondo Viel, ogni individuo ha il proprio modello di sonno, risultante da una combinazione di fattori genetici, ambientali e fisiologici. Questa variazione naturale fa sì che la durata ideale del sonno possa variare da persona a persona. Il cervello ha meccanismi di autoregolazione, chiamati meccanismi omeostatici. Ci garantisce la quantità di riposo necessaria per funzionare in modo ottimale, a meno che le circostanze non lo impediscano.

Quindi l’indicatore più affidabile del nostro bisogno di sonno potrebbero essere i nostri sentimenti. Se una persona si sente costantemente stanca, questo è un chiaro segno che non si riposa abbastanza. D’altra parte, se si sente attiva e vigile durante il giorno, ciò probabilmente indica che sta soddisfacendo adeguatamente le sue esigenze di sonno, che siano 5, 7 o 9 ore per notte.

Invece di concentrarsi su un numero specifico di ore, è importante ascoltare il proprio corpo e i suoi segnali. Inoltre un piccolo consiglio: quando aumenti o diminuisci la quantità di sonno pianificato, dovresti farlo con incrementi di 90-110 minuti (che rappresentano la durata media del ciclo di sonno), non con incrementi di 60 minuti. Ciò ti consente di ottimizzare l’orario della sveglia. Idealmente, come regola generale, una persona dovrebbe dormire 6 ore, 7,5 ore o 9 ore per ottimizzare il tempo di veglia (a seconda delle sue esigenze). Se sei abbastanza fortunato da sapere approssimativamente “l’ora di andare a dormire”, è possibile impostare una sveglia per quel momento perfetto, assicurandoti in anticipo di andare a letto in orario. Esempio: una persona che ha bisogno di 6 ore di sonno e impiega in media 30 minuti per addormentarsi può impostare una sveglia alle 6:00 e andare a letto alle 11:30.

fonte : Comportamento umano naturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *