Milatović dichiara la vittoria alle elezioni presidenziali in Montenegro | Notizia

Milatović dichiara la vittoria alle elezioni presidenziali in Montenegro |  Notizia

Il leader di lunga data del Montenegro, Milo Djukanovic, ha concesso la sconfitta a Jakov Milatović.

L’ex ministro dell’Economia del Montenegro, Yakov Milatović, ha dichiarato la vittoria al ballottaggio presidenziale, davanti al presidente in carica Milo Djukanovic.

Stasera è la notte che aspettavamo da più di 30 anni”, ha detto domenica Milatović ai sostenitori esultanti del movimento di destra Europe Now presso la sede del suo partito a Podgorica.

“Entro i prossimi cinque anni, guideremo il Montenegro ad aderire all’Unione Europea”, ha affermato.

Il leader montenegrino di lunga data Djukanovic ha concesso la sconfitta a Milatović.

“Il Montenegro ha fatto la sua scelta. Rispetto quella scelta e mi congratulo con Yakov Milatović”, ha detto Djukanovic, che rimarrà in carica fino al passaggio di consegne il 21 maggio, ai sostenitori presso la sede del suo Partito Democratico dei Socialisti (DPS) a Podgorica .

Djukanovic è stato un pilastro politico in Montenegro per decenni, ricoprendo vari incarichi, tra cui diversi periodi come presidente e primo ministro.

Il ballottaggio è arrivato due settimane dopo il primo, in cui Djukanovic ha battuto una schiera di avversari sperando di cambiare il panorama politico. In quella corsa, Djukanovic ha ricevuto il 35% dei voti rispetto al 29% di Milatović.

Milo Djukanovic, presidente del Montenegro e candidato del Partito socialdemocratico, parla nella sede del suo partito il giorno del ballottaggio delle elezioni presidenziali a Podgorica, Montenegro, il 2 aprile 2023 [Stevo Vasiljevic/Reuters]

La sconfitta di domenica segna una delle più grandi battute d’arresto per Djukanovic da quando ha assunto per la prima volta la presidenza dell’ex Repubblica jugoslava nel 1991 e successivamente ha supervisionato la sua dichiarazione di indipendenza nel 2006.

È probabile che la sua sconfitta influenzi gravemente l’equilibrio di potere nella nazione balcanica in vista delle elezioni parlamentari anticipate previste per giugno, dopo mesi di stallo dopo il crollo del governo ad agosto a seguito di un voto di sfiducia.

READ  Európa prekročila hranicu pol milióna úmrtí, nová mutácia sa šíri

Il Presidente del Montenegro, eletto per un mandato di cinque anni, ha una carica prevalentemente cerimoniale e la maggior parte del potere politico spetta al Primo Ministro.

Fadl Milatovic

Alla vigilia delle elezioni di domenica, Milatović è sembrato catturare l’entusiasmo dei giovani elettori che cercavano di iniettare volti nuovi nella leadership del paese. È stato favorito anche nei sondaggi.

Milatović ha fatto notizia politica come ministro dello sviluppo economico dopo le elezioni parlamentari del 2020, che hanno portato al primo governo non governato dal DPS.

Padre di tre figli, ha lasciato il segno con un controverso programma economico che, tra l’altro, ha raddoppiato il salario minimo.

Tuttavia, il salario minimo è di soli 450 euro ($ 490) al mese nel piccolo paese, che fa ancora molto affidamento sul turismo grazie alle sue splendide spiagge lungo il mare Adriatico e alle aspre montagne.

D’altra parte, DPS ha subito ripetute battute d’arresto da quando il partito ha subito la sua prima grande sconfitta nelle elezioni parlamentari del 2020.

Da allora, il Montenegro è passato da una crisi all’altra che ha visto crollare due governi.

Sotto la guida di Djukanovic e del suo partito, il Montenegro è entrato a far parte della NATO, ha avviato il processo di negoziazione per l’adesione all’UE e si è allontanato dall’influenza della Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *