Lo stadio principale del missile cinese cadrà a terra in maniera incontrollabile

Un razzo Long March-5B (LM-5B) ha lanciato nello spazio il secondo elemento della stazione spaziale cinese domenica 24 luglio. Nella frase che hai appena letto, sembra che l’informazione importante sia nella seconda parte poiché capiamo che Pechino sta portando avanti con successo la costruzione della sua stazione orbitale. Tuttavia, la prima parte di questa frase contiene anche informazioni importanti perché ogni decollo dell’LM-5B è accompagnato, nei giorni successivi, da una domanda che preoccupa gran parte dell’umanità: “E se il missile cadesse sul mio testa?”.

Leggi anche: La Cina continua la sua conquista dello spazio e lancia una nuova unità per la sua stazione spaziale

È il caso ancora della rampa di lancio partita il 24 luglio e che, secondo le stime, potrebbe tornare sulla Terra tra la sera di sabato 30 luglio e le prime ore di domenica 31 luglio. Tuttavia, il margine di errore è piuttosto ampio, mancano quindici ore perché è difficile modellare con precisione il comportamento dello stadio principale di questo razzo, un cilindro lungo 33 metri e dal peso di oltre 20 tonnellate.

Tre cose sono certe: questa fase cadrà; Alcuni dei suoi elementi, che non saranno completamente consumati durante il rientro nell’atmosfera, raggiungeranno la Terra; accadrà tra il 41e parallela al nord (latitudine di Madrid o Napoli in Europa) e 41e Il Parallelo Meridionale che attraversa il Sud Africa. Quindi non c’è pericolo per la capitale francese, ma questo vastissimo territorio, che contiene l’Europa meridionale, gran parte dell’America, l’intero continente africano, l’Asia meridionale e quasi tutta l’Australia, ha ancora l’88% della popolazione mondiale.. .

READ  Guarda le stelle nascere e morire nella galassia nana, Sextans B.

missile a stadio singolo

Perché questo problema non si pone ad ogni lancio di missili ma solo con il Long March-5B? Tipicamente, un satellite viene messo in orbita usando un razzo a due stadi (possibilmente con l’aggiunta di propulsori a razzo solido). Il primo stadio ha fornito la maggior parte della spinta per alcuni minuti, ma si è rotto rapidamente ed è caduto in un ambiente non contrassegnato. Un secondo stadio molto più piccolo mette in orbita il satellite e poi viene risucchiato.

Bombardiere cinese più potente, poiché è in grado di mettere in orbita bassa 25 tonnellate, il Long March nella sua versione 5B non segue questo scenario semplicemente perché ha solo uno e non due stadi (a differenza del 5 in breve). Per compiere la sua missione, questo palco principale sale a più di 250 chilometri di altezza e, di conseguenza, si trova in orbita per alcuni giorni.

Hai ancora il 60,57% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.