Liz Lamoureux vivrà un momento magico in Nuova Zelanda

Liz Lamoureux vivrà un momento magico in Nuova Zelanda

sopravvissuti. Dopo cinque anni di partecipazione all’International Dragon Boat Festival in Italia, Liz Lamoureux avrà l’opportunità di rivivere questa esperienza unica al prossimo World Meeting dello stesso tipo in Nuova Zelanda, dal 10 al 16 aprile.

Rivolto alle donne sopravvissute al cancro al seno, questo concorso marino ha un carattere speciale, per il legame che unisce le partecipanti.

“Solo per il giorno dell’inaugurazione, vale davvero la pena esserci. La cerimonia dei fiori in onore del defunto e la canzone dedicata ai sopravvissuti sono momenti molto toccanti”, dice Magojuaz, 58 anni.

Dalla palla alla barca del drago

Atleta formidabile e orgogliosa concorrente, Liz Lamoureux, anche se in qualche modo se stessa, è stata introdotta alla disciplina del dragon boat nel 2015, quando le è stato diagnosticato un cancro al seno triplo negativo.

Una cosa tira l’altra, e viene a sapere dell’esistenza delle Phénix de la Rose des vents, un gruppo di donne che si allenano ogni settimana per le gare in mare, e che, in comune, sono sopravvissute al cancro.

Praticava sport più tradizionali come il pallone o il ciclismo – cosa che fa ancora, tra l’altro – ma si lascia trasportare dal gioco e ben presto si appassiona al canottaggio. Si allena persino a Montreal nella piscina coperta durante l’inverno.

Questo entusiasmo la porterà a diverse competizioni, tra cui il Campionato Italiano nel 2018, con il team Phénix.

Tuttavia, a causa della pandemia, nel frattempo non si sono tenuti altri festival internazionali. Quindi Liz Lamoureux attendeva con impazienza l’incontro del 2023.

“Volevo anche riavere la mia amica Diane Gaines, che avrebbe dovuto essere con la nostra squadra nel 2018, ma ho dovuto rinunciare un mese prima dell’evento a causa del licenziamento. Gli ho promesso che un giorno saremmo tornati insieme, ” lei dice.

READ  Chiellini: "L'Italia può arrivare alla finale della Coppa delle Nazioni"

Equipaggio internazionale

Poiché Phénix non era in grado di schierare una squadra al completo in Nuova Zelanda, Estriens ha deciso di iscriversi come vogatori “orfani”.

E così furono assegnati a una barca a Tampa Bay, il cui equipaggio era incompleto. “Ci troveremo con altre donne di molte nazionalità, che formeranno un vero team internazionale. Sarà una grande esperienza”, prevede la signora Lamoureux.

Per quanto riguarda i risultati sportivi attesi, si sono rivelati abbastanza secondari, vista la reale importanza dell’evento. “Questo festival consente ai sopravvissuti al cancro al seno di legare, partecipare a seminari, competere in una competizione e celebrare la vita”, spiega.

“Che bel progetto per donne che pensavano di non poter più vivere così intensamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *