Livelli dell'acqua: lieve peggioramento a gennaio e la situazione è “preoccupante” nel Rossiglione: notizie

Livelli dell'acqua: lieve peggioramento a gennaio e la situazione è “preoccupante” nel Rossiglione: notizie

L'organismo pubblico incaricato del monitoraggio ha annunciato martedì che il livello delle acque sotterranee nella Francia metropolitana “rimane generalmente soddisfacente”, ma è peggiorato “leggermente” tra dicembre e gennaio, evidenziando la situazione “molto preoccupante” nei Pirenei orientali.

Secondo il Bureau of Geological and Mining Research (BRGM), al 1° febbraio il 46% dei livelli delle acque sotterranee erano al di sopra delle norme stagionali e il 15% a livelli simili. Questa situazione è “più favorevole” rispetto alla stessa data del 2023, “quando il 60% dei livelli era inferiore alla norma”.

“Solo le falde acquifere della Linguadoca, del Rossiglione e della Corsica manterranno nel gennaio 2024 livelli inferiori rispetto a quelli del gennaio 2023”, nota la BRGM nel suo bollettino.

L'organizzazione sottolinea nel suo bollettino mensile che “il significativo ravvenamento avvenuto tra la fine di ottobre e dicembre ha avuto un impatto notevole sui livelli delle acque”, che alla fine dell'estate erano per lo più molto secchi.

Tuttavia, “nel mese di gennaio, l’intensità della ricarica delle acque sotterranee è diminuita” rispetto a dicembre.

L'ufficio rileva che “la situazione rimane soddisfacente in generale, ma sta leggermente peggiorando, con il 46% di livelli superiori alle tariffe mensili”.

Tuttavia, “livelli da bassi a molto bassi” sono stati osservati negli “strati inerziali del Sondgau” nell'Alsazia meridionale, nel “corridoio della Saone” e “in quelli del sud-est e in Corsica”.

In particolare, “i livelli rimangono molto preoccupanti nei letti calcarei del massiccio delle Corbières e nella pianura del Rossiglione”, nei Pirenei orientali, ha avvertito la BRGM.

Questo avvertimento arriva dopo un anno che ha visto una siccità storica nella regione dei Pirenei orientali, una provincia con un’importante attività agricola e turistica che ha sofferto di numerose restrizioni sull’uso dell’acqua.

READ  Quando gli scienziati indagano

“Soffriamo di un deficit di umidità del suolo pari al 90%” in questa provincia, ha annunciato martedì il ministro della Transizione ecologica Christophe Pichou sul sito France Info.

Il ministro ha affermato che “l’anno scorso sono state adottate molte misure (…) con una significativa riduzione del consumo di acqua durante l’estate, nonostante la stagione turistica”.

“Tutti hanno fatto uno sforzo”, ha accolto con soddisfazione, sottolineando il pensiero in corso per trovare nuovi risparmi idrici in questa regione e identificare nuove risorse, senza ulteriori dettagli.

Dall’altra parte dei Pirenei, in Spagna, la Catalogna è stata dichiarata in stato di “emergenza siccità” e le autorità stanno valutando la possibilità di rifornire Barcellona con cisterne a partire da giugno, se la situazione dovesse peggiorare.

Sulla sponda del Mediterraneo e in Corsica, “le precipitazioni accumulate nelle ultime settimane non hanno fermato la tendenza al ribasso”, constata il rapporto della BRGM.

In queste aree, a gennaio, “piccoli picchi di inondazioni sono riusciti a fermare temporaneamente la portata, ma hanno avuto un impatto minimo sulle tendenze mensili”.

Come sempre, gli sviluppi dipenderanno dal livello delle precipitazioni pre-primaverili e dalla ripresa della vegetazione, che riduce significativamente la ricarica delle falde acquifere.

Pubblicato il 13 febbraio alle 20:20, AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *