L’Italia è stata criticata per il ritorno dei migranti in Slovenia

Secondo quanto riferito, le autorità italiane hanno privato i migranti del diritto di chiedere asilo. Più in generale, le ONG segnalano regolarmente casi di respingimento, a volte violenti, nella regione balcanica.

Molte organizzazioni per i diritti umani affermano che i migranti rimpatriati illegalmente dall’Italia in Slovenia – un paese membro dell’Unione Europea (UE) – corrono il rischio di essere successivamente respinti in Croazia e persino ‘in Bosnia-Erzegovina, che non è membro dell’UE.

In alcuni casi, queste pratiche vietate dal diritto internazionale sono accompagnate da abusi e violenze. Inoltre, i potenziali richiedenti asilo sono privati ​​del diritto di chiedere protezione internazionale in Italia. Questi metodi sono vietati anche dalla legge europea.

L’Italia dice di operare legalmente

Il ministro dell’Interno italiano Luciana Lamorgese ha detto lo scorso luglio che i “ritorni” in Slovenia sono avvenuti solo occasionalmente e sono stati effettuati in base a un accordo tra Roma e Lubiana.

Inoltre, aggiunge il Ministro, questi rimpatri hanno riguardato solo migranti privi di documenti e migranti non ammissibili all’asilo. Le autorità locali italiane hanno inoltre assicurato che questi rimpatri sono stati effettuati nel rispetto della legge e che non hanno coinvolto persone vulnerabili come “minori non accompagnati, donne incinte e in generale chiunque necessiti di cure mediche. ”

>> Per (ri) leggere: Frontiera franco-italiana: “Respingiamo le persone a dispetto della richiesta di asilo”

“Per rispettare tutte le circostanze personali di un migrante, conduciamo interviste con un interprete e distribuiamo opuscoli in diverse lingue”, ha detto un portavoce della polizia di frontiera all’agenzia di stampa New. umanitario.

Verifiche vengono effettuate anche con cani da fiuto al confine tra Italia e Slovenia, luglio 2020. Credito: Ansa

Mancato rispetto delle procedure

Ma secondo Gianfranco Schiavone, esperto legale dell’ASGI, Ong italiana specializzata nell’assistenza legale ai migranti, le persone “scompaiono in Italia e ricompaiono due giorni dopo in Bosnia”. Spiega anche in The New Humanitarian che queste pratiche di rimozione sembrano essere svolte in modo informale e senza distinzione tra nazionalità. “Hanno respinto afgani, siriani, iracheni, comprese persone che chiaramente hanno bisogno di protezione”, ha detto Gianfranco Schiavone.

READ  TOP NEWS 24 ore - Atalanta Poker in Lazio. Ecco i gironi del campionato

Altre ONG sottolineano che questi rinvii sono stati effettuati con una tale fretta che sarebbe stato impossibile per le autorità garantire una procedura equa e poter realmente valutare la legittimità di una richiesta di asilo.

Il governatore della provincia del Friuli-Venezia Giulia che confina con la Slovenia ha affermato che 1.321 persone sono state rimpatriate in Slovenia quest’anno, nonostante le misure di contenimento molto severe imposte durante la prima ondata della pandemia di coronavirus in primavera. Nel 2019, il numero di licenziamenti ufficiali era solo 250, secondo il ministero dell’Interno italiano. La maggior parte delle persone costrette a tornare in Slovenia sarebbe arrivata in Italia nella tarda primavera, subito dopo la revoca delle restrizioni sanitarie.

Migranti dormono vicino alla stazione ferroviaria di Trieste, 25 agosto 2020. Credito: Ansa
Migranti dormono vicino alla stazione ferroviaria di Trieste, 25 agosto 2020. Credito: Ansa

Confini fortificati

Per anni i Balcani sono diventati un importante collo di bottiglia sulla rotta migratoria verso l’Europa, soprattutto perché diversi paesi membri dell’UE come Ungheria e Croazia hanno fortificato i loro confini esterni, portando molti migranti a rimanere bloccati per mesi, anche anni, in Bosnia.

Nel frattempo, come altri paesi europei, l’Italia ha inviato i militari ai suoi confini per gestire il flusso di migranti in arrivo. Mentre solo una persona su sette raggiunge l’Italia attraverso i confini terrestri del Paese, la gestione di questi arrivi sembra più semplice di quella attraverso il Mar Mediterraneo.

In tutto, quest’anno 28.000 persone sono arrivate via mare, mentre 4.500 hanno ufficialmente varcato il confine con la Slovenia. Le cifre per i passaggi terrestri sono tuttavia più difficili da contare. I trafficanti possono consigliare ai migranti di attraversare il confine illegalmente e di non registrarsi presso le autorità se il loro obiettivo è raggiungere un altro paese europeo per richiedere asilo.

READ  La Cina prende il controllo delle Nazioni Unite

Questa clandestinità può portare a condizioni di vita tanto più difficili in quanto priva i migranti di qualsiasi assistenza sociale da parte del governo italiano. Così tante persone possono contare solo sull’aiuto di enti di beneficenza.

Queste persone sono state allontanate dai campi di migranti nella regione della Krajina, vicino al confine croato.  Credito: Picture alliance
Queste persone sono state allontanate dai campi di migranti nella regione della Krajina, vicino al confine croato. Credito: Picture alliance

Tre settimane in montagna

Le segnalazioni di questi respingimenti illegali arrivano mentre altri paesi dell’UE sono accusati di respingere i migranti con la forza. La Grecia e la Turchia respingono le accuse per incidenti nel Mar Egeo. La stessa Commissione europea ha espresso la sua preoccupazione.

Questo porta molti migranti a ritrovarsi regolarmente rimpatriati al loro punto di partenza, vale a dire la Turchia o la Bosnia. Allo stesso tempo, il governo bosniaco si dice sopraffatto dalla situazione. Secondo l’Organizzazione mondiale per le migrazioni (OIM), 22.000 migranti e rifugiati sono attualmente bloccati sulla rotta balcanica.

Quelli in Bosnia cercano poi di raggiungere la Croazia, dove la polizia croata è accusata di pratiche violente.

La città bosniaca di Bihac è quindi un importante crocevia dove i migranti attendono l’opportunità di continuare il loro viaggio verso l’Occidente. Secondo The New Humanitarian, le persone che riescono ad attraversare il confine illegalmente trascorrono poi fino a tre settimane in montagna in Croazia e Slovenia per raggiungere l’Italia, nonostante il rischio di fame e disidratazione.

Questo articolo si basa in particolare su un rapporto di Ylenia Gostoli per The New Humanitarian.

Traduzione: Marco Wolter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *