“Nel menu, cucina italiana” (Liegi)

“Nel menu, cucina italiana” (Liegi)




Il candidato di “Top Chef” vi aspetta nel suo nuovo ristorante con impazienza.


EdA


Il candidato di Liegi per l’attuale stagione di “Top Chef” proporrà i suoi piatti in Place du XX August, di fronte all’Università di Liegi.

Questo martedì segna l’inizio di una nuova sfida per Arnaud Delvenne. Finito di essere a capo dei ristoranti dei Van der Valke Hotels a Liegi. A 37 anni, il residente di Liegi dell’attuale stagione di “Top Chef” apre il suo ristorante “Nono” Place du XX August a Liegi. Poche ore prima dell’uscita dei suoi primi piatti, ha presentato le linee principali del suo progetto.

Arnaud, solo poche ore prima che i primi clienti entrino nel tuo ristorante. Come ti senti?

Sono un po’ in crisi in questo momento, gli ultimi preparativi sono in corso. Allo stesso tempo, non vedo l’ora di accogliere le prime persone a “Nono”.

A proposito, da dove viene questo nome?

Si riferisce a due cose: emozione e condivisione. Emozione, perché è il soprannome che mi dava la mia defunta mamma quando ero piccola. E poi, la condivisione, per il lato unificante di Nono, la persona di riferimento nelle famiglie italiane.

Possiamo concludere che la tua cucina avrà l’odore dell’Italia?

Antipasti, pasta, carne o pesce, dessert: la tavola sarà all’italiana. Anche la cucina. Tutto sarà lavorato all’italiana, con spezie ed erbe aromatiche da lì, ma con quanti più prodotti locali possibile. Questo è il caso del formaggio e della carne. Solo rare eccezioni: le verdure, che arriveranno dall’Italia. Il sole porta loro un vantaggio in termini di sapore.

READ  La Città Immaginaria, mostra collettiva al Centro Culturale L’Italie di Parigi

“Top Chef” è stato il trampolino di lancio per questo progetto?

Per niente. L’idea è germogliata ben prima dello spettacolo con il mio partner. “Top Chef” potrebbe comunque dare una spinta alla ristorazione, ma il successo della struttura deve essere il frutto del lavoro in cucina.

Come residente a Liegi, era importante per te stabilirti nella città ardente?

Assolutamente, il mio posto è a Liegi. Ci sono nato, ci sono cresciuto e mi evolvo ancora lì. Per me non c’è niente di più bello di Liegi e dei suoi abitanti. Il popolo di Liegi è festoso, comico, leggero. Non riuscivo a vedermi lasciare questa atmosfera. Tuttavia, altri progetti potrebbero emergere altrove in seguito.

A Parigi, per esempio?

Vedremo (ride). Mi soffermo prima su “Nono”. Una cosa alla volta. Non voglio darmi fuoco. Tutto è fugace nella vita. E poi vedremo anche cosa succede in “Top Chef”…

La televisione, appunto, fa parte dei progetti futuri?

Non è un progetto, ma è un desiderio che ho da diversi anni. Potevo vedermi ospitare uno spettacolo di cucina. Per il momento non sta emergendo nulla di concreto, ma “Top Chef” potrebbe aprire le porte.

La carta d’identità dello chef

Arnaud Delvenne da


EdA

Arnaud ha avuto una carriera atipica che lo ha portato a dirigere i sei ristoranti dei Van der Valke Hotels a Liegi. “A 17 anni ho iniziato con il Quick! Poi ho lavorato nella sala da pranzo del ristorante italiano Menta e Rosmarino, al Carré di Liegi”. Poi, un cambio di rotta, visto che Arnaud Delvenne è sbarcato nelle cucine del carcere di Forest dove ha lavorato per due anni. “Mia madre poi si è ammalata e me ne sono occupata io. Poi sono andata a L’Atelier du Goût en Feronstree prima di aprire il mio ristorante, Moment, che ha chiuso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *