Il karaoke di Giorgia Meloni e Matteo Salvini si è schiantato tra il naufragio di un barcone di migranti – EURACTIV.com

Il karaoke di Giorgia Meloni e Matteo Salvini si è schiantato tra il naufragio di un barcone di migranti – EURACTIV.com

Il clima celebrativo del premier Georgia Meloni alla festa di compleanno di Matteo Salvini questo fine settimana ha suscitato critiche tra chi si chiede perché non abbia reso omaggio alle vittime del naufragio di migranti a Cutro.

Un numero record di migranti ha recentemente raggiunto l’Italia. Questo marzo, secondo Frontex, il numero di attraversamenti è il doppio rispetto allo scorso anno e il triplo rispetto a febbraio. I dati del ministero dell’Interno italiano mostrano 17.500 arrivi solo nel 2023.

Se sabato (11 marzo) sono stati soccorsi circa 1.300 migranti quando tre barconi stracarichi di migranti sono stati riportati sani e salvi nei porti italiani, la tragedia al largo della Calabria del 25 febbraio, che secondo gli ultimi rapporti ha provocato 76 morti, ha suscitato forti critiche nei confronti dell’azione del governo risposta al salvataggio dei migranti in mare.

Lo scorso fine settimana, Salvini ha festeggiato il suo 50esimo compleanno con, tra gli altri, i suoi alleati Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. Alla festa, una festa di karaoke ha acceso polemiche sull’opportunità di cantare e divertirsi invece di piangere le vittime della tragedia di Cutro.

Il giornalista Nicola Porro, tra gli ospiti, ha postato sui social un video di Mister Salvini e Meloni che cantano Canzone di Marinella di Fabrizio De Andrè accanto a un pianoforte.

“I due cristiani [Giorgia] Meloni e [Matteo] Salvini non va a Cutro a pregare davanti alle bare, ma va a Cutro senza volerle vedere. E poi la sera, un po’ di karaoke per il compleanno di mister Salvini, cantando Canzone di Marinellache si ispira alla storia di un emigrante calabrese trovato morto in un fiume”, ha commentato sui social la giornalista Selvaggia Lucarelli.

READ  Come fare soldi scommesse sul pallacanestro

La tragedia di Cutro ha suscitato forti polemiche dopo che una fonte di Frontex ha dichiarato a EURACTIV di aver adeguatamente informato le autorità italiane della gravità della situazione dopo aver prima intercettato la nave.

Queste informazioni includevano cattive condizioni del mare e dati termici che indicavano che molte persone erano all’interno della nave.

Il governo italiano, invece, sostiene che il rapporto di Frontex “non ha segnalato una situazione pericolosa. In secondo luogo, non ci sono state chiamate di soccorso di alcun tipo. Tuttavia, ai sensi della legge, Frontex non ha l’autorità di emettere chiamate di soccorso e l’avvio di un’operazione di ricerca e salvataggio è una questione che spetta alle autorità nazionali.

Notizie UE

Nel frattempo, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha inviato una lettera alla signora Meloni in cui chiede un “rapida attuazione delle misure concordate”.

“Conto molto sull’Italia. Lavorando insieme e agendo con determinazione, dobbiamo evitare che tragedie così terribili come quella calabrese si ripetano”. ha scritto il signor Michel.

La signora Meloni ha reagito prontamente, esprimendo in una nota ufficiale la sua “sincero apprezzamento per le parole rivolte all’Italia” dal signor Michel. “Le osservazioni del presidente Michel sono in pieno accordo con l’azione del governo italiano in Europa, che mira a gestire meglio la migrazione e contrastare il traffico di migranti”ha scritto il presidente del Consiglio italiano.

La signora Meloni ha recentemente visitato la Tunisia, da dove partono la maggior parte delle barche per l’Italia, per collaborare sulla questione dell’immigrazione. Tuttavia, nessun risultato è in vista, poiché la Tunisia fatica a contenere le centinaia di partenze tra disordini interni e nonostante le recenti visite ad alto livello del governo italiano.

READ  MotoGP, Italia J3, Jack Miller (KTM/7): "fa schifo quando non puoi lottare, non è stata la giornata migliore"

“O l’Europa si rende conto che siamo arrivati ​​a ground zero, o saremo costretti a piangere ancora più morti perché i paesi di partenza non sono informati di ciò che sta accadendo ai loro connazionali”, ha dichiarato il ministro delle Politiche marittime, Nello Musumeci.

Altri flussi arrivano anche dalla rotta orientale, visto che diverse imbarcazioni arrivate in Italia provenivano dalla Turchia.

Dopo il Consiglio dei ministri, tenutosi eccezionalmente giovedì a Cutro, è stato approvato il decreto legge sui flussi migratori.

Il nuovo decreto, che in parte ripete i decreti sicurezza voluti dal vicepremier Matteo Salvini (Lega/ID), prevede una quota triennale per i migranti regolari e introduce nuove misure per contrastare i trafficanti. Rafforza inoltre i centri di rimpatrio e rimuove la protezione speciale accordata ai legami familiari dei richiedenti asilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *