Libia: il capo della missione informa il Consiglio di Sicurezza sull’alluvione “oltre ogni immaginazione”

Libia: il capo della missione informa il Consiglio di Sicurezza sull’alluvione “oltre ogni immaginazione”

circondare Consiglio di SicurezzaAbdullahi Bathily ha sottolineato le migliaia di vite perse a causa dell’esplosione delle dighe che hanno distrutto interi quartieri dopo che la tempesta Daniel ha colpito la regione il 10 settembre.

Il rappresentante speciale ha detto agli ambasciatori che, nonostante il senso di unità nazionale e di compassione mostrato dai cittadini libici, il disastro ha messo in luce un “grave deficit di governance” in tutto il paese diviso, con due amministrazioni rivali: il governo riconosciuto a livello internazionale di Tripoli e quello con sede nel governo. a Bengasi… Il Parlamento dell’Est.

Testimone oculare della “scena orribile”

“Ho visto in prima persona la portata del disastro e ho sentito parlare dalle famiglie delle loro perdite, comprese le persone che hanno perso tutti i loro cari”, ha detto Bathily. “Ho visto una scena orribile in cui gran parte della città è stata letteralmente inghiottita dall’acqua”, ha condiviso con il consiglio.

Le Nazioni Unite, insieme ai partner locali e internazionali, hanno risposto rapidamente alla crisi, fornendo aiuti salvavita e guidando operazioni di ricerca e salvataggio. L’attenzione è ora rivolta alla ripresa rapida e alla ricostruzione.

Le inondazioni nel nord-est della Libia hanno provocato lo sfollamento di oltre 43.000 persone.

Porre fine alle divisioni sulla ricostruzione

Bathily ha affermato che i comandi divisi generalmente hanno sostenuto bene gli sforzi di salvataggio, con l’Esercito nazionale libico con sede a est che ha istituito una sala operativa per supportare le squadre di soccorso. Ha aggiunto che i gruppi armati dell’Est e dell’Ovest “hanno mostrato una notevole solidarietà”.

Tuttavia, ha espresso preoccupazione per le chiare divisioni tra i leader libici sulla ricostruzione di Derna e delle aree colpite.

READ  I kenioti presentano una petizione al principe William per gli sfratti di terre

“Iniziative non coordinate potrebbero portare ad ulteriore delusione per i cittadini di Derna e dell’intera Libia, che sperano in una rapida ripresa e in un’efficace ricostruzione delle aree colpite”, ha avvertito Batelli.

Progresso elettorale

Nel tentativo di tenere eventualmente elezioni nazionali per formare un nuovo governo di unità nazionale Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia Il Presidente ha notato alcuni progressi.

All’inizio di questo mese, un comitato composto da rappresentanti delle amministrazioni concorrenti incaricato di preparare le leggi per le prossime elezioni ha completato i suoi lavori. Con alcune riserve, hanno pubblicato leggi elettorali riviste, accettabili per tutti i partiti.

Patelli ha avvertito che i restanti disaccordi sulle leggi elettorali potrebbero mettere a repentaglio i risultati faticosamente ottenuti e il compromesso raggiunto finora dai consigli rivali.

Ha affermato che è necessaria una base di sostegno più ampia per garantire il progresso verso le urne, invitando tutte le parti interessate a incontrarsi e concordare una soluzione politica vincolante.

Ha aggiunto: “La spina dorsale di tutto ciò sarà la formazione di un governo unificato per guidare la Libia alle elezioni”, sottolineando la disponibilità della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia ad assistere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *