LGV, l’economia, la presidenza, il ruolo delle Regioni: Carol Delga racconta le sue priorità

LGV, l’economia, la presidenza, il ruolo delle Regioni: Carol Delga racconta le sue priorità

primario
Progetti chiave per l’inizio del suo secondo mandato come presidente della regione Occitania, emergenza climatica, aiuti commerciali, linee ad alta velocità, elezioni presidenziali, decentramento o creazione di un giovane reddito ecologico: Carol Delga su tutti i fronti per la sua politica e un ritorno prima della conferenza delle regioni della Francia che ospiterà a Montpellier. Il capo del distretto ha rilasciato un’intervista al gruppo La Dépêche.

Quali sono le tue priorità per iniziare questo stato?
Carol Delga: La parola d’ordine è aspettativa, quindi non soffriamo. Mi impegno nel volontariato politico per non cadere preda dei cambiamenti richiesti dall’emergenza climatica e dall’emergenza sociale. I cittadini non devono avere l’impressione di essere in fase di cambiamento, di essere esclusi. Il 70% dei francesi pensa che il futuro dei propri figli sarà peggiore della loro vita presente. C’è una crescente sensazione di insicurezza e ansia.
Vogliamo che ogni abitante dell’Occitania trovi il suo posto. Le politiche regionali devono puntare a dare speranza ea gettare le basi per un nuovo modello di sviluppo che concili l’ambiente e l’economia. Il 2020-2021 è una vera svolta. Per le aziende abbiamo portato a 400 milioni di euro l’assistenza per il mantenimento dei lavori, l’ammodernamento e la trasformazione ambientale, aiutando così 60.000 aziende nei primi cinque anni. Investiamo molto anche nell’istruzione: nella formazione e nella ricerca, siamo la regione leader in Francia per la ricerca pubblica e privata. Nei momenti di difficoltà è importante non spogliarsi.
Economicamente, siamo fuori dalla crisi?
Sì, l’economia si sta riprendendo e ci sono prospettive di crescita. Ma c’è una vera difficoltà nella mancanza di manodopera. Per questo metteremo in atto il Reddito Ambientale Giovani che sarà votato a fine ottobre, un sistema di sostegno per i giovani a frequentare corsi di formazione conformi alla Carta Verde, tematiche ambientali, climatiche ed energetiche. Sarà testato per 1.500 giovani. La retribuzione dipende dalla durata del periodo di formazione. L’obiettivo è portarli verso lavori stressanti, lavori verdi come la rigenerazione, le energie rinnovabili, la questione della biodiversità.
Qual è esattamente il tuo ruolo con Anne Hidalgo nelle elezioni presidenziali?
Mi occupo della strutturazione regionale e mi relaziono sul campo per riportare idee e testarne alcune. Mi occupo anche dei collegamenti con EELV, PCF, PRG e Arnaud Montebourg.
Non con Jean-Luc Melenchon?
No, in ogni caso non parteciperò alle discussioni con lui. Trasmette tesi di complotto, abbiamo superato la linea rossa, non abbiamo lo stesso concetto di società.
Queste elezioni presidenziali sono un’elezione per rimettere in sella il Partito Socialista?
È un’elezione per trovare una vera alternativa alla presidenza di Macron.
Ma nessuno pensa alla vittoria della sinistra…
Sono sei mesi e sei mesi, in politica è un’eternità.
Resta il fatto che dopo i tuoi successi elettorali, possono essere associati alla sconfitta
C’è sempre un elemento di rischio quando ci presentiamo o quando siamo in squadra. Ma devi essere coerente con le tue convinzioni, l’importante è essere leale e tenace, lo sono anch’io. La politica è violenta e quando vado in battaglia mi aspetto il peggio. Ho un’armatura toracica.
La Presidenza della Provincia, la Presidenza delle Province francesi, la campagna Hidalgo… Come concilia tutte queste funzioni?
Lavorando di più, attualmente ha sei giorni e mezzo su sette.
Il tuo nome è stato fatto circolare per essere un candidato, Cambadélis ti cita come parte della prossima generazione di PS Pensando al 2027?
No, non ci penso quando faccio la doccia, ma penso ai problemi della gente e all’Occitania. Non faccio grandi progetti.
Se Emmanuel Macron viene rieletto e ti invita al governo?
Non ho intenzione. Non lo condivido nel suo progetto per la Francia. Oggi è un uomo di destra che crede che la Francia sia un paese in cui le élite sono al comando. Non abbiamo la stessa visione e non mi compreremo con il Marocco.

READ  Perché l'Italia non spende i soldi dell'UE

Il capo della regione.
DDM – NATHALIE SAINT-AFFRE

Giovedì Montpellier ospiterà la Conferenza delle regioni francesi. Richiederà ancora più decentralizzazione?

È chiaro che il Presidente della Repubblica è di stanza. Poi bisogna rendersi conto, e non lo dico perché è dell’Occitania, che con Jean Castix c’è stato più ascolto e più progresso dei progetti locali. Tutte le regioni messe insieme. Durante la campagna, il decentramento sarà un tema importante. Non che Khabbazi mi chieda del decentramento. D’altra parte, mi chiedi quanto tempo ci vuole per prendere una decisione generale, che è un tempo molto lungo. Quindi dobbiamo avvicinare la decisione al cittadino, e per questo abbiamo bisogno di più decentramento. Ascolteremo tutti i candidati alla presidenza su questo argomento.
In quali aree vuoi cambiare?

per l’istruzione. Per quanto riguarda le linee guida, adotteremo una legge che dia maggiori responsabilità ai territori. Infatti, questo non è il caso. Per due anni abbiamo avuto difficoltà estreme nel creare sistemi reali. Certo, la crisi del Covid non ha aiutato, ma lo stesso… bisogna andare oltre. Penso anche che ci sia una vera continuità tra l’università e il liceo, e questo è il lavoro. E non ci metto scuole, come suggerisce Xavier Bertrand. Sbaglia, le scuole dovrebbero restare a livello comunale.
E per la salute?

In termini di salute, penso che i ministeri dovrebbero avere più autorità, perché in Francia abbiamo un regime molto curativo. Quindi, sulla questione della prevenzione sanitaria, la gestione dovrebbe essere. Per il sistema ospedaliero devono intervenire i distretti, perché non tutti i reparti hanno una larghezza ospedaliera completa. Le regioni determinano i luoghi di formazione nelle professioni sanitarie e sociali.
E poi penso che la regione dovrebbe essere protagonista sotto l’aspetto economico, per le piccole e medie imprese, le piccolissime imprese, il commercio e l’artigianato. Poi, quando ci occupiamo di problemi di recupero, per esempio, dobbiamo lavorare con lo Stato. Infine, anche se questo è un altro dibattito, sono con l’indipendenza finanziaria degli enti locali.

Linee Alta Velocità: ‘Le cose stanno andando bene’

Carol Delga conferma che i progetti di oleodotti ad alta velocità Bordeaux-Tolosa (GPSO) e Montpellier-Perpignan (LNMP) sono sulla buona strada: “Le cose stanno andando bene. Nel LNMP, la tavola rotonda finanziaria è stata elaborata e l’indagine pubblica inizierà a fine anno. Per Toulouse-Bordeaux, stiamo aggiornando il piano di finanziamento. L’obiettivo è finalizzarlo in modo che il decreto (ndr: la creazione della società di progetto) sia firmato prima di aprile. All’inizio di ottobre “Serve l’approvazione di tutte le denominazioni. Ci stiamo lavorando con il governatore regionale. Per quanto riguarda i lavori, partiranno dal lato di Tolosa per salire verso Bordeaux. Abbiamo intenzione di avviare quelle zone a nord di Tolosa nel 2023”.
Per Carol Delga i due progetti legati all’LGV Marsiglia-Nizza aprono prospettive: “Questo permetterà un riequilibrio tra Est e Ovest, dall’Atlantico al Mediterraneo e poi l’Italia, non è solo un investimento per i prossimi dieci anni. C’è un insieme coerente e organizzato durante gli anni ’50 del prossimo anno”.
Il capo della Regione non dimentica i treni giornalieri e le “piccole” linee: “La sponda destra della linea del Rodano riaprirà a giugno 2022. Siamo partiti da lontano. In quel momento tutto il governo era contro di me”. Linea Montréjeau-Luchon (Haute-Garonne), Carroll Delga dichiara anche di una novità: “SNCF parla di dicembre 2023. Io, spero da giugno 2023. Non sarà l’apertura commerciale ma i primi test di formazione all’idrogeno. Per la Linea Alès-Bessèges (Garde), si propone la riapertura nel 2024.
Nella scheda ferroviaria, infine, Carol Delga conferma il successo del treno gratuito per gli under 26, “con oltre 4.000 giovani iscritti”. “Come la questione dei prezzi è importante. È un fattore essenziale per la partecipazione”, sottolinea il presidente distrettuale.

Nasce CAF a Tolosa: 50 posti di lavoro in gioco

Il capo della regione vuole sviluppare un secondo “grande produttore europeo di ferrovie”. Dopo Alstom con sede a Tarbes che progetta specificamente i treni a idrogeno, la società spagnola CAF si sta sviluppando a Bagnères-de-Bigorre (Alti Pirenei). “Hai vinto diversi contratti importanti e creato posti di lavoro”, afferma Carol Delga. “L’espansione della fabbrica è appena iniziata”. Buone notizie, l’azienda iberica ha deciso di aprire un ufficio di progettazione nell’area metropolitana di Tolosa. Ci stiamo lavorando con Toulouse Metropole. L’azienda sta assumendo 50 persone. Lo scorso luglio, i dirigenti del CAF hanno anche annunciato le nomine presso la sede di Bagnères, che oggi conta 130 dipendenti. La prima ondata di 60 assunzioni è in corso e sarà seguita da altre 200 reclute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *