L'ex studente di Aigilon, ora ricercatore in Svezia, è specializzato nella resistenza delle piante allo stress luminoso

L'ex studente di Aigilon, ora ricercatore in Svezia, è specializzato nella resistenza delle piante allo stress luminoso

Incontra Beric Bru, figlio di un contadino divenuto un esperto sull'adattamento delle piante a determinati stress ambientali. Dopo essere stato inviato in Svezia, dovrebbe unirsi ad un'altra unità di ricerca negli Stati Uniti la prossima primavera.

Beric Brou (33 anni) di Lot-et-Garonne. Più precisamente da Bouran, vicino ad Aguillon. È dottore in fisiologia vegetale e ora è ricercatore presso l'Università di Umeå in Svezia. Un bel viaggio merita una luce extra.

Nel suo ufficio all'Università di Umeå.
Foto di Alexis Brun

La scorsa settimana in Svezia ha fatto molto freddo, con temperature che hanno raggiunto i -30°C. Tuttavia, queste temperature, che consideriamo estreme, non influiscono sul lavoro di studenti e professori del Dipartimento di Biologia Sperimentale dell'Università di Umeå, sulle rive del Mar Baltico, nel nord della Svezia.) Questo lavoro si concentra sugli aspetti fisiologici, biochimici e molecolari dell'adattamento delle piante al suo ambiente. Beric Bro fa parte del team di ricercatori che lavora in questa prestigiosa università.

Sei figlio di Lotte e Garonna, quale curriculum ti ha portato in Svezia?

“In realtà sono di Bouran dove ho frequentato la scuola materna e poi le elementari a Lagarig, villaggio vicino. Ho continuato gli studi al collegio Stendhal di Aiguillon e poi al liceo della Val-de-Garonne a Marmande. Infine ho conseguito una licenza agraria certificato tecnico e BTS a Saint-Livre (Analisi Biologica e Biotecnologia). Successivamente sono andato all'Università di Montpellier per studiare la biologia funzionale delle piante e ho presentato una tesi sulla fisiologia vegetale. Poi ho avuto l'opportunità di andare a Umeå Università in Svezia, e da dicembre 2023 ho terminato i miei studi e oggi sono dottore in fisiologia vegetale.

Umea, sulla costa del Golfo di Botnia (Mar Baltico).

Umea, sulla costa del Golfo di Botnia (Mar Baltico).

Qual è il focus della tua ricerca all’università?

“La magia degli organismi fotosintetici è la loro capacità di produrre energia dalla luce solare. Le piante hanno minuscole strutture nelle loro cellule che, come pannelli solari in miniatura, catturano la luce solare e la convertono in composti ricchi di energia che la pianta poi utilizza per crescere e mantenersi in salute. ” Tuttavia, quando la luce è troppo intensa, queste strutture possono sovraccaricarsi e danneggiarsi. Per evitare ciò, le piante utilizzano un meccanismo che converte la luce in eccesso in calore, consentendone la dissipazione senza pericolo. Componenti di questo meccanismo. Questo componente non funziona richiede tempo per attivarsi e disattivarsi ore, ed è attivo soprattutto quando le piante sono esposte ad eccessivo stress luminoso per un periodo prolungato, soprattutto se combinato con altri segnali ambientali come freddo e/o siccità.

Un campus che si concentra specificamente sulla ricerca relativa al riscaldamento globale.

Un campus che si concentra specificamente sulla ricerca relativa al riscaldamento globale.
Documento dell'Università di Umeå

Abbiamo modificato una pianta rimuovendo uno o più piccoli pannelli solari e abbiamo scoperto che questa pianta aveva un sistema di backup: se un pannello veniva perso, gli altri potevano sostituirlo…. Proprio come gli esseri umani possono scottarsi, anche le piante possono soffrire l'esposizione Luce solare eccessiva. Per mantenersi in salute, utilizzano un meccanismo interno per proteggersi dal sole”.

I tuoi genitori sono contadini di Boran. È questa l’origine della scelta della tua attività professionale? Quali sono i tuoi piani?

“I miei genitori non sono direttamente legati alla mia scelta di attività. Preferisco dire che è stata mia sorella, che è ingegnere biotecnologico, a farmi venire voglia di lavorare in un laboratorio. Per quanto riguarda me per il futuro, sto pensando a lavorerà negli Stati Uniti, in un laboratorio a Bloomington, Indiana, dovrebbe iniziare il prossimo maggio.

READ  Evelyn Deliat: Cosa c'è da sapere sulle famose previsioni del tempo di TF1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *