L’ex ministro di Singapore, di origini indiane, vince le elezioni presidenziali

L’ex ministro di Singapore, di origini indiane, vince le elezioni presidenziali

L’ex vice primo ministro di Singapore Tharman Shanmugaratnam è stato eletto presidente del paese. (file)

Singapore:

L’ex vice primo ministro di Singapore Tharman Shanmugaratnam è stato eletto presidente venerdì, secondo i risultati ufficiali, nel primo voto contestato della città-stato per un incarico in gran parte cerimoniale in più di un decennio.

L’amministrazione elettorale ha annunciato la vittoria dell’economista 66enne sui candidati concorrenti dopo aver ottenuto il 70,4% dei voti degli elettori.

“Dichiaro il signor Tharman Shanmugaratnam il candidato eletto alla presidenza di Singapore”, ha detto il funzionario elettorale Tan Meng Dwee.

Shanmugaratnam sostituisce l’attuale presidente Halima Yacob, candidata senza opposizione per il suo mandato di sei anni nel 2017.

“Penso che sia un voto di fiducia a Singapore”, ha detto Shanmugaratnam in un discorso prima dell’annuncio dei risultati, “è un voto di ottimismo per un futuro in cui possiamo andare avanti insieme”.

Ci sono requisiti severi per la posizione, che sovrintende ufficialmente alle riserve finanziarie accumulate dalla città e ha il potere di porre il veto su determinate azioni e approvare le indagini anticorruzione.

Gli osservatori hanno affermato che la vittoria di Tharman Shanmugaratnam rappresenta una spinta per il Partito d’Azione Popolare al governo, che è opinione diffusa a favore della sua candidatura.

Il partito, che governa Singapore ininterrottamente dal 1959, è stato colpito da una rara serie di scandali politici prima delle elezioni presidenziali.

Shanmugaratnam, che è anche un ex ministro delle finanze, è stato un sostenitore di lunga data del PAP prima di dimettersi per candidarsi alla posizione apartitica di presidente.

READ  Robredo, Ka Leody e Pacquiao affrontano la trasparenza e la protezione dei media ai tempi delle fake news

La sua indipendenza è stata messa in discussione durante la campagna elettorale a causa dei suoi passati legami con il governo.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *