Le potenze in un messaggio forte all’Iran: “Firma entro un mese, altrimenti non ci sarà accordo”

I diplomatici occidentali hanno inviato un messaggio forte all’Iran oggi (martedì), alla ripresa dei colloqui sul nucleare a Vienna. “Se non c’è accordo entro quattro settimane, non ci sarà nessun accordo”, hanno detto i diplomatici. Il quotidiano Al-Arabiya ha riferito che gli iraniani hanno raggiunto l’attuale round di colloqui molto seriamente, poiché stanno cercando un accordo che permetta loro di vendere petrolio e revocare le sanzioni contro gli americani.

Nel frattempo, il viceministro degli Esteri iraniano Ali Bagheri ha affermato che “l’ottavo round di negoziati a Vienna è iniziato con una riunione del comitato congiunto per l’accordo nucleare, in cui quasi tutte le parti hanno confermato la priorità della revoca delle sanzioni illegali”. Ha aggiunto: “Il prossimo argomento è che le superpotenze forniscano garanzie in modo che gli Stati Uniti non violino nuovamente l’accordo o impongano nuove sanzioni all’Iran”.

La sede dei colloqui sul nucleare con l’Iran a Vienna (Immagine: Reuters)

Allo stesso tempo, Enrique Moreh, vice capo della politica estera dell’UE e responsabile dei colloqui con l’Iran, ha dichiarato: “Non abbiamo molto tempo per raggiungere un accordo e non possiamo fissare un calendario per un accordo”. Il nostro successo dipende dal prendere decisioni difficili a Washington ea Teheran. “Stiamo cercando di raggiungere una firma pratica per ripristinare l’accordo nucleare, mentre gli iraniani cercano allo stesso tempo di revocare le sanzioni”, ha aggiunto.

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian Torna ai colloqui sul nucleare Ha detto che Teheran non vede utili le posizioni delle tre potenze europee, in particolare della Francia. Ha aggiunto che la delegazione statunitense invia proposte informali di colloqui e riceve la risposta necessaria. “Non accetteremo di darci un punto su dieci dalla nostra parte”, ha detto Abdullahian. “Sono preoccupati per l’andamento del programma nucleare. Diciamo che devono affrontare tutti gli elementi dell’accordo, in particolare le sanzioni”.

READ  EU autoriza primera prueba rápida para detectar covid se compra sin receta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *