L’Autorità ospedaliera di Hong Kong mette in guardia dall’aumento del numero di batteri resistenti agli antibiotici e ricorre all’intelligenza artificiale per combattere l’uso eccessivo di antibiotici.

L’Autorità ospedaliera di Hong Kong mette in guardia dall’aumento del numero di batteri resistenti agli antibiotici e ricorre all’intelligenza artificiale per combattere l’uso eccessivo di antibiotici.

L’Autorità ospedaliera ha avvertito che i superbatteri sono in aumento tra i pazienti di Hong Kong, annunciando un progetto pilota che utilizza l’intelligenza artificiale per combattere l’uso eccessivo di antibiotici.

Il dottor Raymond Lai Wai Man, responsabile del controllo delle infezioni dell’autorità, ha affermato che il numero di pazienti portatori di enterococchi resistenti alla vancomicina (VRE) e Candida auris È aumentato nei primi tre trimestri del 2023 rispetto agli anni precedenti.

Lai ha attribuito questa tendenza al calo delle risorse destinate alla lotta contro gli organismi multiresistenti (MDRO) negli ultimi due o tre anni, quando gli sforzi sono stati reindirizzati per combattere l’epidemia di Covid-19.

“Abbiamo utilizzato molti reparti di isolamento per i pazienti affetti da Covid-19, il che significa che ci sono meno reparti per quelli con MDRO”, ha affermato. “Il nostro personale ha dedicato molto tempo alla cura dei pazienti affetti da COVID-19.

“Inoltre, quando i pazienti affetti da Covid-19 venivano ricoverati in ospedale, potevano essere in cattive condizioni a causa di una polmonite. Poiché i medici erano preoccupati per la possibilità di coinfezione, potevano prescrivere antibiotici ad ampio spettro.

Ma ha spiegato che dopo che i casi di coronavirus sono diminuiti quest’anno, la diffusione dei superbatteri comuni è tornata ai livelli pre-pandemia, ad eccezione di VRE e Candida auris.

Gli MDRO, noti anche come superbatteri, sono microrganismi che sono diventati resistenti ad alcuni antimicrobici, come antibiotici e antifungini. È il risultato di una prescrizione eccessiva e di un uso improprio di questi farmaci.

Resistente alla meticillina Staphylococcus aureus (MRSA), uno dei tipi più comuni di organismi resistenti ai farmaci in città, ha rilevato un tasso di resistenza agli antibiotici del 44,7% su 100 campioni raccolti da pazienti negli ospedali pubblici nei primi tre trimestri dell’anno. Ogni anno vengono segnalati circa 9.500 nuovi casi di MRSA.

READ  Il Ministro della Salute sollecita la vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV).

VRE, anch’esso motivo di preoccupazione in città, ha registrato un tasso di resistenza agli antibiotici dell’1,2% nello stesso periodo, rispetto allo 0,22% nel 2021 e allo 0,7% nel 2022.

Il numero di pazienti portatori del virus VRE è passato da meno di 40 nel 2021 a circa 140 alla fine di settembre di quest’anno.

Trasporta pazienti Candida auris, apparso per la prima volta in città nel 2019, è passato da circa 200 nel 2020 a più di 300 al 31 ottobre di quest’anno. Secondo Lee, il 10% delle persone infette dal fungo può sviluppare un’infezione invasiva, il cui tasso di mortalità varia dal 53% all’83,3%.

Lai ha sottolineato che quest’anno l’autorità si concentrerà sul controllo dei tre superbatteri.

“È molto importante controllare i farmaci antifungini nei nostri ospedali, soprattutto a causa delle limitazioni nella scelta degli antibiotici o degli antifungini nel trattamento dei pazienti infetti”, ha affermato, sottolineando che i farmaci hanno effetti collaterali.

“I pazienti con un sistema immunitario indebolito, una volta infettati, potrebbero soffrire di gravi complicazioni o addirittura morire”.

Lai ha affermato che un progetto pilota che utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare i dati clinici e determinare se gli antibiotici sono necessari per il trattamento sarà lanciato a gennaio del prossimo anno presso il Prince of Wales Hospital di Sha Tin e il Princess Margaret Hospital di Kwai Chong.

Il programma si concentrerà inizialmente su una forma di antibiotico prima di espandersi ai pronto soccorso di 17 ospedali pubblici a partire da marzo e applicarlo ad altri otto tipi di medicinali.

Lai ha affermato che gli ospedali pubblici attualmente si affidano a un team di medici e farmacisti per valutare se gli antibiotici sono necessari per il trattamento.

READ  – Lokalsamfunnets mann – VG

“Ci affidiamo ai farmacisti per verificare da quale tipo di batteri sono infetti i pazienti e se hanno ancora bisogno di antibiotici così potenti”, ha affermato.

“In caso contrario, indirizzeranno i pazienti a specialisti in malattie infettive o microbiologi clinici del team, che visiteranno i pazienti e vedranno se è così e suggeriranno antibiotici più deboli.

“Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, il giorno successivo è possibile inviare una notifica al medico sulla necessità di rivedere l’uso degli antibiotici, il che farà risparmiare molto tempo.”

Il pianificatore della sperimentazione utilizzerà l’intelligenza artificiale per determinare se gli antibiotici sono necessari per il trattamento.  Foto: Felix Wong

Per rilevarlo l’Autorità ha effettuato anche dei test Candida auris Ha aggiunto che è tra i pazienti più a rischio prima di entrare in ospedale e i residenti delle case di cura che sono stati dimessi dall’ospedale, per prevenire la diffusione di superbatteri nella comunità, oltre ad intensificare le misure di controllo delle infezioni negli ospedali.

Lai ha affermato che i superbatteri vengono trasmessi principalmente attraverso il contatto diretto o indiretto e ha consigliato alle persone di mantenere l’igiene personale.

“Può essere trasmesso attraverso il contatto con un paziente che trasporta gli organismi o un ambiente contaminato come un tavolo vicino al paziente”, ha detto.

“Il pubblico dovrebbe essere consapevole dell’igiene delle mani. Non condividere oggetti personali come asciugamani in luoghi pubblici. Se hai una ferita, coprila per prevenire eventuali infezioni.

Ha detto che le persone dovrebbero anche seguire rigorosamente le istruzioni dei medici quando assumono antibiotici. – Giornale mattutino della Cina meridionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *