L’allarmante espansione della “zona morta” del Golfo del Messico, dove la vita marina è impossibile

Scienziati americani hanno scoperto che negli ultimi cinque anni la zona priva di ossigeno nel Golfo del Messico è aumentata

Foto: NOAA NESDIS/BBC News Brasil

La crescita della “zona morta” nel Golfo del Messico non è stata contenuta negli ultimi cinque anni.

È un’area marina, al largo delle coste del Texas, della Louisiana e del Mississippi, nel sud degli Stati Uniti, dove pesci e altri organismi non possono sopravvivere per mancanza di ossigeno.

Le dimensioni della “zona morta” cambiano ogni anno, in gran parte a causa della quantità di sostanze inquinanti che raggiungono il Golfo del Messico attraverso fiumi come il fiume Mississippi.

Questo fiume attraversa gli Stati Uniti da nord a sud, passando per molte città, villaggi e aree agricole.

La “zona morta” di quest’anno si estende per 1.644,98 chilometri quadrati, secondo le stime della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

È grande quanto Pechino, in Cina.

“Le condizioni di scarso ossigeno erano molto vicine alla costa e molte delle misurazioni hanno mostrato un’ipossia quasi completa”, ha spiegato Nancy Rapalli, la scienziata che ha guidato lo studio di quest’anno ed è associata alla Louisiana State University.

Scienziati e funzionari statunitensi hanno fissato l’obiettivo di contenere la “zona morta” a un livello inferiore a 5.000 chilometri quadrati.

Ma negli ultimi cinque anni il tasso di crescita ha raggiunto 2,8 volte l’obiettivo, un trend preoccupante.

Nel 2021 è stato esteso

Entro il 2021, la portata della “zona morta” è rimasta al di sopra dell’obiettivo degli scienziati

Foto: NOAA/BBC News Brasile

“Dobbiamo tenere conto dei cambiamenti climatici e rafforzare la nostra cooperazione e partnership per ottenere i progressi necessari”, ha affermato Radhika Fox dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti (EPA).

come Zona ad alto rischio?

L’area dell’ipossia (basso contenuto di ossigeno) nel Golfo del Messico è stata misurata dal 1985 dalle autorità ambientali statunitensi.

Nel 2010, una fuoriuscita di petrolio ha ucciso milioni di animali marini nel Golfo

Nel 2010, una fuoriuscita di petrolio ha ucciso milioni di animali marini nel Golfo

Foto: Getty Images / BBC News Brasil

Non è l’unico al mondo, ma il secondo più grande.

In queste aree, i livelli di ossigeno sono così bassi che la vita marina morirà.

Queste aree possono essere create naturalmente, ma gli scienziati sono particolarmente preoccupati per quelle formate dall’attività umana, soprattutto a causa della contaminazione dei nutrienti.

Quest’ultimo è lo status di “zona morta” del Golfo del Messico, che è prodotto principalmente dai fertilizzanti utilizzati dagli agricoltori.

La pioggia trasporta le sostanze chimiche utilizzate in agricoltura nei torrenti e nei fiumi che sfociano nel Golfo del Messico. Quest’acqua è anche inquinata a causa dello scarico di rifiuti provenienti dalle aree urbane.

Ci sono molti fiumi che sfociano nel Golfo del Messico e causano

Ci sono molti fiumi che sfociano nel Golfo del Messico e creano una “zona morta” per gli inquinanti

Foto: NOAA/BBC News Brasile

In particolare, il nitrato e il fosforo utilizzati nei prodotti chimici agricoli hanno un effetto importante, stimolando la crescita esplosiva delle alghe, che, quando muoiono, affondano sul fondo del mare e si decompongono.

I batteri che distruggono le alghe consumano l’ossigeno in un processo che riduce drasticamente il livello disponibile per la vita marina. Questo trasforma gli habitat che normalmente brulicano di vita in deserti biologici, secondo NOAA.

D’altra parte, l’acqua dolce del fiume e l’acqua salata della baia non si mescolano e si crea una barriera che impedisce la miscelazione delle acque superficiali e profonde.

In autunno, quando i venti muovono l’acqua, i diversi strati si mescolano di nuovo, e questo fa sì che l’ossigeno si ricarichi sul fondo, permettendo alla vita marina di tornare.

Le aree ipossiche (rosse) tendono ad apparire vicino a grandi aree agricole (verdi) del mondo.

Le aree ipossiche (rosse) tendono ad apparire vicino a grandi aree agricole (verdi) del mondo.

Foto: NASA/GSFC/SCIENCE PHOTO LIBRARY/BBC News Brasil

Ecco perché la lunghezza della “zona morta” varia ogni anno.

EffettoS cambianoS da mio fratelloS

La Hypoxia Task Force, una task force guidata dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente, ha osservato che negli ultimi cinque anni la “zona morta” si è espansa oltre il suo obiettivo dichiarato.

Il periodo in cui quest’area si è diffusa maggiormente dal 1985 è stato nel 2017, quando misurava 22.729 chilometri quadrati (all’incirca le dimensioni di El Salvador).

Le aree ipossiche (rosse) tendono ad apparire vicino a grandi aree agricole (verdi) del mondo.

Le aree ipossiche (rosse) tendono ad apparire vicino a grandi aree agricole (verdi) del mondo.

Foto: NOAA/BBC News Brasile

Quest’anno è più piccolo (16.404,98 chilometri quadrati), ma non per questo meno preoccupante, poiché l’obiettivo delle autorità è di raggiungere i 4.920 chilometri quadrati o meno in cinque anni.

“La bassa distribuzione dell’ossigeno disciolto era insolita quest’estate”, ha spiegato Nancy Rabali.

Gli scienziati hanno notato che la salinità era bassa e che lo scarico del fiume Mississippi era “sopra il normale”.

“Quest’anno abbiamo assistito più e più volte al profondo impatto dei cambiamenti climatici sulle nostre società, dalle siccità storiche in Occidente (USA) alle inondazioni. Il clima è direttamente correlato all’acqua, compreso l’afflusso di inquinamento da nutrienti nel Golfo di America, Messico”, ha detto Radhika Fox.

L’Hypoxia Task Force afferma che un modo per ridurre l’inquinamento è quello di stringere accordi con le autorità locali e gli agricoltori per gestire meglio le sostanze chimiche che finiscono nei torrenti.

Ma se questo problema non viene contenuto, il pericolo è che il “deserto” senza vita del Golfo del Messico continui ad espandersi anno dopo anno.

READ  Gli scienziati di Harvard iniziano la ricerca di civiltà nello spazio esterno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *