È un miracolo: è stato ritrovato un nano-satellite che tutti credevano perduto

Quattro anni dopo la sua scomparsa, un nano-satellite francese è tornato in vita. PicSat non è morto. Potrebbe esserci la possibilità di rianimarlo.

Ci sono scoperte che sembrano piccoli miracoli. Con cosa è appena successo PicSat nano-satellitare francese Nasce da un’opportunità incredibile. Quando pensavamo di aver perso questa macchina per semprequattro anni fa, da lui è stato ricevuto un segnale il 22 giugno 2022. Anzi, c’è chi dice che possa finalmente portare a termine il compito a cui era destinato.

Questa è LESIA Astro chi ha annunciato La buona notizia su Twitter. PicSat Ha appena restituito un segnale dopo quattro e mezzo di silenzio radio Da quella data. Credevamo di esserci smarriti e promettevamo di disintegrarci silenziosamente nell’atmosfera terrestre “.Ma la macchina è molto attiva e decisamente più efficace di quanto pensiamo. Diagnosticate la sua salute Già pianificato.

Questa è una novità inaspettata per LESIA – il laboratorio per gli studi spaziali e strumentali in astrofisica, eliofisica, scienze planetarie, fisica stellare, plasmi e alta risoluzione angolare. il messaggio Ho ricevuto un applauso Dal National Center for Space Studies, che è in qualche modo la NASA francese.

Ciò che è ancora più impressionante è che le persone hanno sempre ascoltato. ” PicSat è sveglio! Molti radioamatori hanno ricevuto la telemetria satellitare scrivi il conto Ieri 22 giugno. ” Felice di vederti ! 42 fari con cornice [des sortes de signaux] È stato rimosso durante il tuo ultimo passaggio sulla Francia ‘, nota da parte sua Electrolab.

PicSat ha monitorato l’attività di un esopianeta

L’avventura PicSat risale al 2018, all’inizio dell’anno. La sua missione era osservare l’esopianeta Beta Pictoris b mentre passava davanti alla sua stella Beta Pictoris. Questo è chiamato metodo di transito in astronomia. Un oggetto viene posizionato tra l’osservatore e un altro oggetto spaziale, che consente quindi di apprendere determinate lezioni.

READ  La Terra assisterà a un'imminente inversione dei suoi poli magnetici?

Questo gigante gassoso situato a 1,5 miliardi di chilometri dalla sua stella non ha abbastanza luminosità per essere osservato direttamente. Ma mentre gli passavano davanti, gli astronomi si dicevano che era possibile stimarne le dimensioni, la densità, l’atmosfera e la composizione allo stesso tempo. Il tutto notando le aberrazioni e le variazioni della luce.

Rappresentazione artistica di un esopianeta. // Fonte: ESO L. Calçada / N. Al-Nahed

Il problema è che il monitoraggio del pianeta gigante si è interrotto: il segnale PicSat è andato perso due mesi dopo l’inizio della missione. Problema, attraversare la Beta Pictoris b non è frequente per tutta la vita. La durata tra due eventi di questo tipo è misurata in anni. Quindi non c’è stata alcuna sessione di compensazione nel blocco 2018.

e allora ? La macchina ha dato segni di vita solo per scomparire una volta per tutte come salvezza finale? Questo potrebbe non essere lo scenario che finirà. Il team LESIA afferma che stanno cercando di ricreare un uplink nano-satellitare. L’obiettivo immediato: imparare come funziona PicSat. Solo allora si prenderanno le decisioni.

ma certo, Ognuno ha un’idea in mente Per poter riportare PicSat in carreggiata. E se finisce con Beta Pictoris b, ci sono sicuramente altre osservazioni astronomiche da fare. L’universo è pieno di pianeti intorno alle stelle. Resta da scegliere un buon obiettivo. Nel frattempo, tutto pian piano si sta rimettendo in carreggiata. anche il sito. come nel 2018.

Tutto su questo meraviglioso globo, epianeta extrasolare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.