La pandemia del G7, il clima e l’economia: perché il 47esimo vertice della Cornovaglia è uno dei più importanti degli ultimi decenni

Il 47° vertice del G7 è iniziato ieri e si concluderà domani in Cornovaglia, nel sud dell’Inghilterra, con molti analisti che lo definiscono uno dei più importanti degli ultimi decenni per molte ragioni diverse.

Prima di tutto, dovrebbero essere ricevuti Decisioni critiche per affrontare la pandemia globale e come l’umanità dovrebbe prepararsi ad affrontare situazioni simili in futuro.

“Nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro”

I leader del G7 fedeli a “Nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro” dovrebbero annunciare che faranno una donazione Un miliardo di vaccini in 92 paesi poveri del mondo, con l’obiettivo di vaccinare l’intera popolazione della Terra entro la fine del 2022.

Joe Biden ha già promesso che gli Stati Uniti parteciperanno a questo sforzo con 500 milioni di dosi di vaccini, mentre il Regno Unito ha promesso di donare 100 milioni di dosi. A sua volta, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha affermato che il suo paese contribuirà a questo sforzo, rilevando in modo particolare che “Il G7 dovrebbe dimostrare che non ci preoccupiamo solo di noi stessi, ma ci preoccupiamo anche degli altri che non possono essere vaccinati, come i paesi africani, tra gli altri”.

Imposta globale sulle società al 15%

All’incontro era già stato deciso di adottare la proposta del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di applicare un’aliquota fiscale globale di almeno il 15% alle imprese. La notizia è stata annunciata via Twitter dal consigliere presidenziale per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan. Il Tesoro degli Stati Uniti a maggio ha proposto un’aliquota fiscale di almeno il 15% per le imprese, Al fine di porre fine alla “corsa al ribasso” in vari paesi con l’obiettivo di attrarre aziende.

READ  In lutto per l'immigrato trincerato sulle montagne d'Italia

Lo scopo della mossa del G7 è dissuadere le multinazionali dal trasferire i loro profitti e reddito imponibile a paesi con aliquote fiscali più basse. Non importa dove siano le loro vendite. Le attuali regole fiscali risalgono agli anni ’20 Non consente al caso dei colossi multinazionali di vendere beni o servizi a distanza e di pagare le tasse nei paesi in cui vengono offerti i prezzi migliori.

Giganti della tecnologia e dei servizi digitali come Facebook e Amazon, potrebbe beneficiare di un accordo di aliquota minima del 15%, se comporta l’abbandono della sempre più diffusa tassa sui servizi digitali, e il monitoraggio dei dirigenti che ne rappresentano gli interessi. ΤIl Tesoro degli Stati Uniti ritiene che l’adozione di questa misura da parte del Gruppo dei Sette darà impulso Il G20 lo adotterà a luglio in Italia.

Ma dopo i colloqui, i cui risultati sono attesi con ansia dalla comunità internazionale, vale la pena notare entrambi Boris Johnson e Joe Biden hanno investito molto in questa sessione. Da un lato, Johnson vuole fare del suo Paese una potenza globale – quella che chiama “Global Britain” – dopo che il Regno Unito avrà lasciato l’Unione europea, e dall’altro Joe Biden vuole “guarire le ferite”. Il predecessore di Donald Trump all’estero se ne è andato. Il presidente americano ha chiarito in ogni direzione che vuole ripristinare il prestigio ferito degli Stati Uniti. Non è un caso che abbia fatto la sua prima dichiarazione appena messo piede in Europa: “Gli Stati Uniti sono tornati”.

Ma al di là delle loro ambizioni personali I due leader hanno anche molte posizioni comuni su una serie di questioni internazionali che dovrebbero essere discusse in questi giorni al vertice del G7. Compreso il cambiamento climatico per affrontarli Concordare sul fatto che ci deve essere un’immediata riduzione delle emissioni di gas serra che porti a un aumento della temperatura.

READ  Nazioni Unite: le morti di rifugiati e migranti nel Mediterraneo risalgono

Alla fine, hanno concordato sull’atteggiamento dell’Occidente nei confronti della Russia e della Cina.

La questione dell’Irlanda del Nord è una grossa spina nel fianco

Ma hanno anche almeno una grande differenza. Il modo in cui Londra ha affrontato di recente l’Irlanda del Nord. L’amministrazione Johnson vuole liberarsi dagli impegni post-Brexit con l’Irlanda del Nord. È normale che il Primo Ministro britannico Parla di “richieste eccessive” da parte dell’Unione Europea, anche se lui stesso ha firmato un accordo per l’uscita del suo Paese dall’Unione Europea..

In questo caso, gli Stati Uniti stanno dalla parte dell’Unione Europea e sostengono con forza che nulla dovrebbe cambiare Altrimenti, hanno spiegato, l’Accordo di pace del Venerdì Santo, che ha posto fine a un ciclo trentennale di violenze e scontri sanguinosi tra protestanti e cattolici nell’Irlanda del Nord, sarebbe stato compromesso. La questione dell’Irlanda del Nord dovrebbe essere discussa in dettaglio oggi al vertice del G7, con alcuni analisti che ipotizzano che possa avere un monopolio.

Cos’è G7?

È un gruppo informale, un forum, a cui partecipano i leader dei sette paesi più industrializzati del mondo. (Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, USA). Anche l’Unione Europea partecipa al G7, ma poiché è l’unica organizzazione sovranazionale e non uno Stato sovrano, non è conteggiata tra i membri..

Ecco perché non assume la presidenza di turno assegnata ogni anno a un paese diverso. La presidenza quest’anno è del Regno Unito, l’anno prossimo sarà spesa in Germania, nel 2023 in Giappone, ecc. È stato fondato nel 1975 inizialmente senza il Canada che è stato aggiunto in seguito.

READ  Enalia: "I mari sono puliti in tutto il pianeta"

Per un periodo dal 1998 al 2014, ha partecipato anche la Russia. Il G8 è stato creato in quel momento, ma dopo l’annessione russa della Crimea, Mosca è stata esclusa. dalla sessione.

Il G7 rappresenta solo il 14% della popolazione mondiale, ma il suo PIL supera il 60% in tutto il mondo. Questo è il motivo per cui è spesso criticato come un club delle nazioni ricche che dominano l’Occidente.

Gli argomenti discussi includono l’economia internazionale, le relazioni internazionali, i cambiamenti climatici, l’istruzione, ecc. Le decisioni prese ai vertici del G7 non sono vincolanti ma hanno comunque un grande significato politico Poiché definisce la politica che le grandi potenze dovrebbero perseguire, è spesso in prima linea in questioni di interesse per altri forum internazionali come il G-20.

Con le informazioni di Reuters,

seguilo LiFO.gr su Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Trova le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo su LiFO.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *