Hyundai: l’azienda “Clean the Bottom” riparte dalla… Grecia!

Le case automobilistiche si sono concentrate in modo specifico sulla riduzione dell’impronta ecologica dei loro modelli e, in molti casi, anche le iniziative ambientali sono ottime. Un ottimo esempio è Hyundai, che ora è impegnata nella lotta all’inquinamento marino.

LEGGI ANCHE: Hyundai Kona 1.6T DCT 198 PS Test Rinnovato

In particolare, l’azienda sudcoreana ha annunciato la sua collaborazione con la Healthy Seas Environmental Organization, al fine di mantenere la sostenibilità degli ecosistemi marini. Questa iniziativa è pienamente in linea con la visione di Hyundai Motor Europe di “Progress for Humanity” e mira a plasmare un futuro più sostenibile per le generazioni a venire.

“Hyundai riconosce che il riciclaggio e la sostenibilità non sono solo tendenze, ma una necessità per la nostra società”, ha affermato Michael Cole, Presidente e CEO di Hyundai Motor Europe. In qualche modo, in collaborazione con l’organizzazione ambientale, il colosso automobilistico organizzerà un gruppo di subacquei che cercheranno di liberare i fondali dalle reti abbandonate. Da qualche parte qui vale la pena notare che ogni anno più di 580 milioni di chilogrammi di attrezzi da pesca vengono scaricati negli oceani, che è un decimo dei rifiuti marini.

Inoltre, saranno organizzati programmi educativi nelle scuole, al fine di insegnare ai bambini l’importanza di mari puliti e gli effetti dell’inquinamento degli oceani. Infine, Healthy Seas collabora con pescatori, allevamenti ittici e autorità locali per impedire che le reti da pesca raggiungano l’ambiente.

La collaborazione di Hyundai con Healthy Seas partirà nei prossimi giorni dai mari greci, mentre seguiranno altri Paesi europei, come Germania, Regno Unito e Italia. “Siamo entusiasti di iniziare questa partnership con Hyundai. Chiaramente condividiamo la stessa passione per la protezione ambientale, con Hyundai all’avanguardia nello sviluppo di soluzioni di mobilità sostenibile e noi nella protezione degli ecosistemi marini”, ha affermato Veronica Mikos, Director, Healthy Seas.

READ  Come la Cina sta entrando a far parte dei piani di rilancio europei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *