Sivis Valirakis: Cosa mostrano i primi dati sul volo fatale con il gonfiabile | Hellas

La sua decisione di andare a pescare sott’acqua, da solo, con il suo lancio gonfiabile al largo delle coste dell’Eritrea, è stata fatale per Sivis Valerakis.

La Guardia Costiera ha trovato morto un ex ministro e storico direttore esecutivo del Movimento PASOK, scomparso da mezzogiorno di domenica, nei pressi della piccola isola di Bezonesi in Eritrea, poco dopo le 20.

Secondo le informazioni, il gommone è stato trovato bloccato da un’altra barca, nei pressi dell’isola di Aspronisi, senza che Sivis Valerakis vi salisse a bordo. Il motore della barca funzionava normalmente, mentre il gommone aveva due lance all’interno.

Sivy Valerakis gonfiabile:

L’operazione della Guardia Costiera per ritrovare l’ex ministro è iniziata questo pomeriggio, con la partecipazione di due navi e due imbarcazioni private di un elicottero della Marina e di una squadra dell’unità di missione sottomarina.

Intorno alle 20:30, il corpo dell’ex ministro è stato ritrovato nei pressi dell’isola di Pezonisi, a circa un miglio dalla barca.

Foto dal luogo in cui si trovava Cevis Valrakis:

Cause della tragedia

Secondo i funzionari della Guardia Costiera, il 77enne probabilmente è scivolato giù dalla barca per qualche motivo ed è caduto in mare, facendo sì che la barca continuasse a soffiare nel suo corso. Secondo zarpanews.gr, il corpo del defunto aveva ferite che avrebbero potuto essere causate da una collisione dell’elica.

Tuttavia, l’autopsia dovrebbe fare più luce sulle cause della morte dell’ex ministro.

Condoglianze per la morte di Sivi Valirakis

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis, il presidente del Movimento per il cambiamento Fofi Ginemata, l’ex primo ministro Antonis Samaras e George Papandreou e molti altri politici hanno espresso le loro condoglianze per la perdita di Sivi Valerakis.

READ  In Italia, la caduta del banchiere Jean-Pierre Mostier

Chi è Sephis Valerakis?

Spirito ansioso, uomo di libertà, sempre presente nelle grandi lotte democratiche del nostro popolo dagli anni della dittatura in poi, Joseph (Sevice) Valerakis è nato a Chania il 12 marzo 1943, nel “cuore” del Occupazione tedesca.

È cresciuto in un ambiente politico: suo padre era un ex deputato dell’Unione di centro e comandante dell ‘”artiglieria di ferro” sul fronte albanese, Ioannis Valerakis-S. Valirakis fin dalla tenera età è stato politicizzato, inizialmente come membro della Gioventù Democratica Greca (EDH) dall’organizzazione giovanile dell’Unione Centro.

Durante il periodo della dittatura, sviluppò attività di resistenza e si organizzò nel PAK. Nel 1971 fu arrestato e condannato a sette anni di carcere. L’anno successivo ha fatto l’impossibile ed è scappato dalla famigerata prigione di Corfù ed è fuggito in Albania, dove è stato arrestato e condannato a tre anni di carcere. È stato rilasciato dopo interventi internazionali e si è stabilito in Italia, dove ha assunto la responsabilità organizzativa del PAK per gli studenti greci in Italia.

È stato membro fondatore del PASOK e membro del Comitato Centrale dal 1974. Dal 1974 al 1975 è stato Segretario del Comitato Organizzatore del PASOK e membro dell’Ufficio per le Relazioni Internazionali. Nel 1975 è diventato membro dell’ufficio esecutivo del PASOK.

Nel 1977, è stato eletto per la prima volta deputato per la città di Chania dal voto del movimento, e nel 1981 ha ricoperto per la prima volta una carica di governo nel primo governo di Andreas Papandreou come Vice Ministro delle Comunicazioni, poi è diventato Vice Ministro delle Comunicazioni. Ministro della Cultura (Sport).

READ  Con l'84% di perdite, il settore subentra al Consiglio di Stato

Avendo avuto una presenza continua nelle operazioni del movimento, il 24 settembre 1990, al 2 ° Congresso del PASOK, è stato rieletto come membro del Comitato Centrale del Partito, nonché al Congresso del Terzo Partito il 17 aprile, 1994.

Il 4 aprile 1995 ha prestato giuramento come ministro dell’ordine pubblico.

Il 30 giugno 1996, al 4 ° Congresso del PASOK, è stato rieletto membro del Comitato Centrale del Movimento e nel marzo 1999 è stato rieletto al 5 ° Congresso.

La defunta era sposata con l’artista Mina Papatiodoro Faliraki e aveva due figli con lei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *