La Nuova Zelanda si riprende dalla correzione inflitta all’Italia

La Nuova Zelanda si riprende dalla correzione inflitta all’Italia

Dopo aver perso contro la Francia nella partita d’esordio, venerdì gli All Blacks si sono rimessi in corsa per i quarti di finale, dopo aver sconfitto gli azzurri (96-17).

Francia TV – Redazione sportiva

pubblicato

aggiornare


momento della lettura :
2 minuti

I neozelandesi festeggiano la loro seconda meta contro l'Italia ai Mondiali, il 29 settembre 2023. (SEBASTIEN BOZON / AFP)

Per gli All Blacks non ci sono dubbi. Di fronte agli italiani che sognavano di spodestarli, la Nuova Zelanda non ha dovuto forzare il suo talento per vincere, venerdì 29 settembre, al Groupama Stadium di Lione (96-17). Un successo notevole che prevedeva 14 tentativi, che lo mettono in buona posizione per qualificarsi ai quarti di finale dell’attuale Coppa del Mondo, prima di affrontare l’Uruguay giovedì prossimo nell’ultima partita del girone.

Dopo aver perso nella partita d’esordio contro la Francia (27-13), gli uomini di Ian Foster sapevano di non avere spazio per errori, altrimenti sarebbero stati eliminati a sorpresa da questo primo girone. Ma contro gli Azzurri non hanno mai vacillato, e il punteggio cresceva con il passare dei minuti. Passato. Dopo soli 22 minuti di gioco, il capitano della serata Ardi Savea ha segnato la quarta meta della sua squadra per conquistare il bonus offensivo (28-3).

Tripletta per Aaron Smith

Eccellendo in tutti i settori del gioco, i Blacks hanno beneficiato del rientro di alcuni dirigenti dall’infortunio. Tra questi, Jordie Barrett – che ha mancato la storica sconfitta contro il Sud Africa sia in preparazione che all’inizio della competizione – ha brillato, mandando un passaggio di piede al vivace Will Jordan per aprire le marcature (8° posto, 7-0). ). Il centro ha fatto bella gara e ha trovato il tocco ai 22 metri d’Oltralpe per impostare un secondo tentativo (14, 14-3), prima di ritrovarsi nuovamente sul passaggio finale per offrire una terza pedina personale ad Aaron Smith (34, 42). . -3).

READ  Una fuga di cinque corridori a soli tre minuti dalla fine del gruppo... Segui la sesta tappa

In mezzo a tutto questo, Mark Tilia ha segnato dopo la rimonta degli 80 metri della Nuova Zelanda (19°, 21-3) e Sam Whitelock in seconda fila ha battuto il record degli Heads tra i Blacks (149 scelte). Tanti motivi di soddisfazione faranno dimenticare agli oceaniani che gli Azzurri hanno salvato l’onore grazie ad Ange Capuzzo e Monty Ioane del Tolosa al termine della gara.

I neozelandesi sono imbattuti contro i transalpini da 16 partite e hanno ricordato a tutti coloro che li hanno sepolti che bisogna contare su di loro in questo Mondiale. Con questo risultato il XV francese non si è ancora qualificato per la fase ad eliminazione diretta. Gli uomini di Fabian Galti dovranno finire il lavoro venerdì prossimo contro gli stupiti italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *