La nuova rivista scientifica pubblica solo scienza “fallita”

Albert Einstein: Se sapessimo cosa stavamo facendo, non la chiameremmo ricerca.Bild Olstein Bild tramite Getty Images

Dagli impianti che rifiutano di aderire alle articolazioni agli studi che i ricercatori devono in seguito concludere che hanno pochissimi soggetti da testare per poter dedurre qualcosa di significativo. La nuova piattaforma Diario di prove ed errori (Gott), Ora disponibile online, fornisce un’ampia gamma di studi che non danno il risultato atteso. È in conflitto con l’immagine cliché di una scienza piena di scoperte realizzate da un genio o da poche menti intelligenti.

“L’immagine comune di una scienza di successo ha un aspetto negativo”, dice al telefono il co-fondatore Max Bautista Berbania. Poiché la scienza dovrebbe quasi sempre portare a prodotti, brevetti o medicinali, l’attenzione è fortemente rivolta ai risultati positivi. Quindi la ricerca fallita è vista come inutile.

Ma il fallimento fa parte della realtà scientifica, quindi perché i ricercatori lo nascondono? Nelle parole di Einstein:Se sapessimo cosa stavamo facendo, non la chiameremmo ricerca“.

Inoltre, molte conoscenze sono andate perse perché gli scienziati difficilmente pensavano a ricerche “fallite”. JOTE offre agli scienziati uno spazio per mostrare come e perché la loro ricerca si è interrotta.

divario

La rivista, che attualmente appare solo in digitale, lo fa prima pubblicando ricerche fallite. “Nella scienza, c’è un grande divario tra la ricerca condotta dagli scienziati e la ricerca pubblicata”, afferma Perpignan. Attribuisce questo, tra l’altro, alla situazione precaria di molti ricercatori la cui carriera dipende dai risultati positivi della loro ricerca. Lo studio fallito semplicemente non viene offerto per la pubblicazione. Offrendo agli scienziati l’opportunità di pubblicare ricerche infruttuose, JOTE spera di colmare questa lacuna.

Inoltre, la rivista si propone di riflettere su cosa significhi fallire nella scienza. Non vogliamo diventare un database di ricerche che non sono andate bene. L’ultima cosa di cui hanno bisogno gli scienziati sono più database ”, ride Perpignan. Per evitare ciò, la rivista riunisce ricercatori che hanno fallito nella ricerca con altri esperti del settore per pensare a cosa è andato storto.

Paul Esky, professore di Open Innovation, è felicissimo. In qualità di direttore dell’Istituto per i meravigliosi fallimenti, si è impegnato ad aumentare la tolleranza dell’errore nella nostra società per quasi 15 anni. Gli piace confrontare il valore della ricerca fallita con il ruolo della materia oscura nell’universo. In effetti, alcune cose nell’universo non possono essere spiegate sulla base di ciò che possiamo osservare. La spiegazione di ciò è che è probabile che ci sia molta massa ed energia che non possiamo vedere: materia oscura. La maggior parte dell’universo è costituita da quella materia che non possiamo vedere. Gli piace parlare di “conoscenza oscura”, perché lo stesso principio si applica alla scienza. “Non vediamo la maggior parte delle conoscenze che costruiamo perché non sono pubblicate”.

Fallito tre volte!

1) Scopo dello studio: Determina il ruolo del dolore nel comportamento di evitamento. I ricercatori hanno studiato questo aspetto eseguendo un gruppo di test che esegue sei compiti relativi alla relazione tra dolore e comportamento di evitamento.

quello che è successo? Nella progettazione delle attività, è stata richiesta un’adeguata supervisione dei partecipanti per essere in grado di svolgere l’attività correttamente, senza che la supervisione influisse sul risultato dell’attività. I ricercatori non sono riusciti a farlo.

2) Scopo dello studio: Per determinare se le immagini correlate all’alcol, oltre all’aggressione fisica, incitano anche all’abuso sessuale. Per determinarlo, i ricercatori hanno sviluppato un’attività di lettura che ha esaminato la velocità con cui determinate parole relative alla violenza sessuale sono state riconosciute in presenza di immagini correlate all’alcol.

quello che è successo? Il gruppo di prova era troppo giovane per concludere qualcosa. Inoltre, gli stimoli selezionati hanno avuto un effetto minimo sui partecipanti. In generale, la ricerca non era riproducibile.

3) Lo scopo dello studioSviluppo dell’impianto cartilagineo danneggiato. L’impianto biomateriale è stato sviluppato utilizzando una stampante 3D.

quello che è successo?: Sebbene l’uso di impianti per problemi articolari abbia mostrato risultati promettenti in altri studi, i ricercatori non sono stati in grado di far aderire l’impianto all’articolazione.

READ  Adalatherium: La "bestia pazza" che viveva tra i dinosauri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *