La NASA indaga sui segreti della lontana galassia “l’anello di Einstein” vista da Hubble

Gli scienziati hanno studiato i segreti delle galassie lontane visibili non solo con il telescopio spaziale Hubble, ma anche il fenomeno ottico nello spazio noto come “anello di Einstein”.

Hubble è uno dei più grandi strumenti astronomici mai catturati nello spazio. Ha orbitato intorno alla Terra a un’altitudine di circa 540 chilometri dal 1990 e ha catturato alcune delle immagini spaziali più incredibili mai viste dall’uomo.

Lo scorso dicembre è stata scattata una foto di uno degli “anelli di Einstein” più completi di sempre, un fenomeno teorizzato dal grande scienziato della relatività generale – e gli scienziati hanno ora pubblicato le loro ricerche su ciò che hanno appreso.

L’aspetto insolito dell’oggetto è causato dalle lenti gravitazionali, qualcosa che si verifica quando la luce di una galassia lontana viene distorta da un oggetto massiccio tra la sorgente e l’osservatore.

La teoria fu sviluppata per la prima volta nel 1912 prima che Einstein pubblicasse formalmente la sua teoria nel 1916, e il fenomeno osservato da Hubble mostrò che la luce delle galassie lontane era amplificata di un fattore 20.

Ciò rende la capacità di osservazione di Hubble effettivamente equivalente a un telescopio di 48 metri (157 piedi) rispetto all’apertura esistente di 2,4 metri (7,8 piedi).

Questa proprietà fisica è stata scoperta solo dopo che gli astronomi hanno accuratamente modellato l’effetto del riflesso della lente sulle immagini di galassie lontane.

foto:
Il telescopio Hubble ha precedentemente catturato questa immagine, nota come i Pilastri della Creazione, che mostra la nascita di una stella. Foto: NASA

“Un tale modello può essere ottenuto solo attraverso l’imaging Hubble”, ha affermato il ricercatore capo Anastasio Diaz-Sánchez dell’Universidad Politecnica de Cartagena in Spagna.

READ  video. Come un gatto che gioca con un laser sul suo divano contribuisce allo sviluppo dell'esplorazione spaziale

“In particolare, Hubble ci ha aiutato a identificare quattro immagini duplicate e ammassi stellari nella galassia di Lens”, aggiunge Diaz-Sánchez.

foto:
La gravità di ammassi stellari perfettamente allineati tra Hubble e le galassie lontane trasforma la luce in lenti. Foto: Saurabh Jha

Le prime osservazioni di Hubble sono state fatte dal professor Saurabh Jha della New Jersey State University.

Il suo team mira a utilizzare immagini nitide di Hubble per rivelare le strutture intricate e dettagliate all’interno della curvatura degli anelli stessi.

Il professor Jha ha chiamato l’immagine “anello liquido”, riferendosi all’aspetto e alla forma della costellazione ospite Fornax (la fornace), vista dall’emisfero australe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *