La Francia surclassa l’Italia a Roma e vince un bonus offensivo all’apertura del Torneo Sei Nazioni

In un momento in cui i concorrenti del Vendée Globe continuano ad arrivare a Sables-d’Olonne, la strada per Roma era straordinariamente libera per i Tricolori. Con il bonus offensivo ben costruito, il XV di Francia ha aperto al meglio questa edizione a porte chiuse del Torneo delle Sei Nazioni e non si proietta senza dubbio né complesso verso Dublino e un secondo viaggio consecutivo, domenica 14 febbraio (ore 16). che potrebbe farlo passare a questo Grande Slam atteso da undici stagioni.

Ma prima di arrivarci, i Tricolori hanno saputo mettere fuori un pozzo quindicenne transalpino lanciato offensivamente in uno stadio olimpico che suonava vuoto per mancanza di pubblico. Gli italiani, pieni di buona volontà ma troppo goffi per essere davvero pericolosi, hanno segnato i primi punti al ventesimo minuto con un rigore firmato da Paolo Garbisi. Il flanker Dylan Cretin ha segnato la prima meta blu (6 °) dopo una svolta di Teddy Thomas e il resto è andato a vantaggio del capitano Charles Ollivon e dei suoi compagni di squadra.

Sulla scia di una cerniera ispirata, tra le catture a intervalli di Matthieu Jalibert e il supporto di Antoine Dupont, i Blues hanno quindi allineato le prove di Gaël Fickou (27 °), Arthur Vincent (30 °), Brice Dulin (49 °), Antoine Dupont ( 53 °) e Teddy Thomas (57 °). Questa cavalleria blu si distingueva o approfittando dei risvegli per perforare una difesa squilibrata, o dietro lanci di prima mano ben oliati. Con quindici punti ai piedi di Matthieu Jalibert all’ora, La Francia, largamente in testa (3-45) ha quindi adempiuto ai propri contratti.

READ  Marcello Bombardi firma la terza salita di "Lapsus", il primo 9b in Italia! PlanetGrimpe

Giovane e talvolta febbricitante, l’Italia è riuscita, è quasi aneddotica, a salvare l’onore dall’esterno destro Luca Sperandio (65 °, 10-45), autore di un pallonetto preliminare per se stesso, mentre durante l’esito di questa sessione di apertura era noto per molto tempo. Il punteggio resta da segnare e l’ingresso dei sostituti francesi offre a Teddy Thomas la sua doppietta (74 °), per un giro di giri (10-50), sette tentativi a uno.

49

Il numero di minuti prima che il XV di Francia vinse il bonus offensivo dopo aver registrato i suoi primi tre tentativi in ​​mezz’ora.

Il fatto: come l’Italia ha rovinato i suoi punti salienti

Volutamente rivolti all’offensiva, i Transalpini non hanno mai chiuso la partita, anzi aprendola da inizio partita, trovando intervalli insistendo con passaggi corti o ganci all’interno della difesa francese. È così che si sono trovati sei volte (5 °, 17 °, 23 °, 34 °, 38 °, 50 °) in una situazione favorevole ma per mancanza di lucidità, controllo e abilità dopo alcuni momenti di gioco ad alta intensità, hanno lasciato passare altrettante occasioni per segnare una meta ed è stato necessario attendere il 65 ° per riuscirci finalmente.

Antoine Dupont ancora una volta ha stabilito il ritmo per una squadra francese molto vivace. (A. Mounic / La squadra)

Il giocatore: Antoine Dupont, sempre pieno

In effetti, il movimento tricolore non è stato davvero lanciato fino a quando Antoine Dupont non è entrato in azione. Era dietro una palla portata al 27 ‘e un sinistro di poco sulla difesa italiana è montato molto velocemente, ispirazione da cui Gaël Fickou ha approfittato. Il mediano di mischia tricolore ha offerto un passaggio cieco “alla Campese” per la meta di Arthur Vincent (30 °). Ha firmato la sua prova (53 °) all’interno di Teddy Thomas prima di ritrovarsi in staffetta per la prima prova dell’esterno del Racing 92 (57 °).

READ  Come seguire in diretta TV la 104esima edizione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *