La fotocamera Dark Energy cattura Messier 83 in grande dettaglio | Astronomia

Il Dark Energy Camera (DECam) sul telescopio Víctor M. Blanco alto 4 metri presso l’Osservatorio Interamericano Cerro Tololo ha prodotto un’immagine sorprendentemente dettagliata della galassia a spirale Messier 83.

Questa immagine DECam, Messier 83, mostra un’incredibile galassia a spirale situata a circa 15 milioni di anni luce di distanza nella costellazione meridionale dell’Idra. I suoi bracci a spirale sono allineati con corridoi bui di polvere e intervallati da nuvole di idrogeno gassoso rossastro che formano stelle. Credito immagine: CTIO / NOIRLab / DOE / NSF / AURA / M. Soraisam, University of Illinois / Travis Rector, University of Alaska Anchorage / Mehdi Zamani e Davide De Martin.

Dote 83 Si trova a circa 15 milioni di anni luce di distanza nella costellazione meridionale dell’Idra.

Questa galassia è stata scoperta nel 1752 ed è orientata quasi completamente faccia a faccia vista dalla Terra, il che significa che gli astronomi possono osservare la sua struttura a spirale in grande dettaglio.

Conosciuto anche come M83, Southern Propeller Galaxy o NGC 5236, ha un diametro di circa 50.000 anni luce, quindi è molto piccolo rispetto alla nostra Via Lattea.

Messier 83 è un membro di spicco di un gruppo di galassie noto come Gruppo Centaurus A / M83, che conta anche come membri la galassia polverosa e irregolare NGC 5253 NGC 5128.

Per creare una nuova e sorprendente scena galattica, Dott. Monica Suresam Dall’Università dell’Illinois e dai suoi colleghi sei diversi filtri su DECam.

I filtri consentono agli astronomi di scegliere le lunghezze d’onda della luce in cui vogliono vedere il cielo. Questo è fondamentale per le osservazioni scientifiche, quando gli astronomi richiedono informazioni molto specifiche su un oggetto, ma consente anche di creare immagini a colori come questa.

READ  La NASA sceglie l'astronauta indiano-americano Raja Shari per una missione con equipaggio sulla luna

Osservare le sfere con diversi filtri diversi significa che è possibile selezionare dettagli diversi.

Ad esempio, i viticci oscuri che si snodano attraverso il Messier 83 sono in realtà percorsi di polvere, che bloccano la luce.

Al contrario, le macchie rosse raggruppate sono causate dal gas idrogeno incandescente e caldo, che identifica questi punti come centri di formazione stellare.

Percorsi polverosi e gas ionizzanti dinamici hanno temperature diverse e quindi possono essere visti a lunghezze d’onda diverse.

I filtri consentono l’osservazione separatamente, quindi li uniscono in un’unica immagine complessa.

In tutto, 163 esposizioni DECam, con un tempo di esposizione totale di oltre 11,3 ore, sono state utilizzate per creare questa immagine per Messier 83.

“Le osservazioni di Messier 83 fanno parte di un programma in corso per produrre un atlante dei fenomeni che cambiano il tempo nelle vicine galassie meridionali in preparazione per il rilevamento del patrimonio dell’Osservatorio spaziale e temporale di Rubin”, ha affermato il dott.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *