“La cultura è un dovere morale e un bene per l’economia”

Ministro della Cultura italiano dal 2014 al 2018 e da settembre 2019, lo scrittore Dario Franceschini (Partito Democratico) spiega l’importanza della Biennale di Architettura di Venezia per l’Italia, che dal 26 aprile ha riaperto le sue sedi culturali.

Dopo mesi di restrizioni e chiusure, l’inaugurazione della Biennale di Architettura di Venezia il 22 maggio segna il ritorno di grandi eventi culturali. Perché hai voluto aprire questo evento così velocemente, senza aspettare qualche settimana in più?

Abbiamo già fatto molti passi avanti. Dopo una lunga chiusura di cinema, teatri e musei, tutte queste attività hanno riaperto il 26 aprile nelle regioni della “zona gialla”, che oggi rappresentano la quasi totalità d’Italia. Certo, queste riaperture sono inquadrate da tutta una serie di regole, sia in termini di riempimento che di logistica: ingressi, uscite, maschere, ticket nominativi per tracciare tutti i contatti nel caso in cui un caso positivo risulti essere in una stanza. spettacolo… Sulla base di questa esperienza, abbiamo visto che era possibile riaprire, quindi la Biennale procederà normalmente. Semplicemente, ci sarà meno pubblico. Vogliamo inviare un messaggio di fiducia, non solo all’Italia ma anche all’Europa.

Leggi anche Covid-19 nel mondo: l’Italia allenterà le restrizioni dal 26 aprile

Nell’ambito della presidenza italiana del G20, l’Italia ha deciso di organizzare una riunione dei ministri della cultura di questo gruppo, il 29 e 30 luglio a Roma. Quale sarà l’obiettivo?

Penso che la cultura possa essere una grande importanza per la crescita, soprattutto attraverso il turismo. Quando sono stato nominato per la prima volta nel 2014, ho detto che mi sentivo investito nel più importante ministero dell’economia in Italia. Ed è così: i grandi progetti culturali sono investimenti e investimenti sostenibili.

READ  Gregoraci conferma tutto, Briatore e Salemi in difficoltà?

Questo è ciò che vorremmo sensibilizzare agli altri paesi membri del G20. Salvaguardare il patrimonio, le industrie creative, combattere il traffico di opere d’arte … Mi piacerebbe vedere emergere, a livello globale, che la preoccupazione per la cultura è un dovere morale, un bene per le persone. Spirito, ma anche buono per l’economia. Su questi temi, Italia e Francia sono sempre state in fase, sia sui temi nazionali, sulla difesa del diritto d’autore che sull’eccezione culturale. Questa armonia nasce dalle nostre rispettive storie: dobbiamo essere forze motrici, semplicemente perché nei nostri due paesi la cultura è già centrale.

Hai il 57,08% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *