Jean-Claude Weil, l’immunologo “leggermente luminoso” e brillante

Jean-Claude Weil, l’immunologo “leggermente luminoso” e brillante

“Ricercatore divertente” È stato lui a insistere perché questo termine comparisse sulla copertina del suo primo libro. Spiega che funge da contrappeso al maschio “Dall'Accademia delle Scienze” Che appare sotto il suo nome, che trova molto maestoso. Anche se molto orgoglioso di appartenere “In questo club elegante”. Ma dove difficilmente arriva… L'immunologo Jean-Claude Weil è il gioielliere delle contraddizioni, il re dei paradossi, che veste di delizioso sarcasmo.

Mai, nella memoria di nessun giornalista, abbiamo incontrato un candidato con una foto le cui frasi sono regolarmente scandite da un metronomo: “Parlo molto di me stesso e non è interessante.” Ma se gli spieghiamo che siamo venuti apposta per sentirlo parlare di sé, subito continua con le chiacchiere lussuriosi, “Storie divertenti di ricercatori”il sottotitolo del suo libro non classificato (Elogio inaspettato, Blaine Education, 2023). Si dipana così la cronaca secolare della biologia, cui fanno eco molti leader in tutto il mondo, ma anche la sua colorata esistenza.

Aprì un lucroso studio dentistico in Rue Hoche, a Parigi, nel maggio 1968, ma era lealmente allineato con i maoisti che presto iniziarono a saccheggiare i negozi di alimentari di lusso del quartiere. Iniziò a frequentare i laboratori all'età di 33 anni, ma fu attraverso un incontro notturno al Castel, un'elegante discoteca del Quartiere Latino, di cui allora era cliente abituale. Ha difeso il suo dottorato all'età di 40 anni, ma la commissione che lo ha nominato all'Inserm ha ritenuto, dice, che fosse… “poco illuminato”. Si sente un impostore, “Zazu che vuole diventare ricercatore.”Ma all'inizio della sua carriera fu sostenuto dai vincitori del Premio Nobel François Jacob (1965), David Baltimore (1975) e Niels Jern (1984).

READ  La matematica sotto lo sguardo delle femministe

Contraddizioni della “persona terribilmente pigra”

Nel 1992 viene nominato professore presso la Facoltà di Medicina di Necker-Enfants Mallades – raddoppiando il suo stipendio – ma chi non è medico non ricopre nemmeno il ruolo di professore: “Solo due o tre ore di lezione ogni tanto, in cui parlo della mia ricerca. » Lui si vede così “Ribelle” da “Non è mai stato pubblicato sotto l'autorità dello sponsor.”Ma nel suo libro si presenta come ” Signore “ Una conversazione con lo studente di Jack. È definito come a “Una persona terribilmente pigra”Ma sembrano aver dimenticato le migliaia di ore di lavoro, allora arduo e non meccanizzato, necessarie per clonare i geni anticorpali nei polli negli anni ’80, con la scoperta di un nuovo meccanismo per diversificare la risposta immunitaria.

Ti resta il 69,24% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *