Jannik Sinner si ritira da Parigi, criticata l’ATP

Jannik Sinner si ritira da Parigi, criticata l’ATP

Il numero 4 del mondo Jannik Sinner, qualificato alle due ore e mezza della notte precedente, si è ritirato prima degli ottavi di finale contro l’australiano Alex de Minaur, in programma giovedì pomeriggio al Masters 1000 di Parigi, hanno annunciato gli organizzatori.

Il 22enne italiano ha citato il suo stato di fatica per giustificare la sua decisione. Il suo ritorno in campo era previsto poco più di 14 ore dopo la sua prima partita a Bercy, dalla quale è uscito vittorioso 6-7 (6/8), 7-5 e 6-1 contro l’americano Mackenzie McDonald (42esimo). Non contesterà un secondo.

Essendo già qualificato per le ATP Finals che si disputeranno a Torino dal 12 novembre, questa decisione è stata presa quello giusto per la tua salute e il tuo corpo, ha scritto sui social.

Se Sinner è rimasto piuttosto sobrio nei suoi commenti su X (ex Twitter), il suo allenatore e alcuni colleghi sono andati sulle barricate per criticare la programmazione dell’ATP.

Il suo allenatore, l’australiano Darren Cahill, ha detto su Instagram che il torneo non si è svolto nessuna considerazione per la salute dei giocatori.

Casper Ruud, 8° al mondo, battuto al primo incontro contro Francisco Cerundolo, è stato ancora più caustico.

Bravo ATP, ha detto il norvegese. Ottimo modo per aiutare uno dei migliori giocatori al mondo a riprendersi.

Che scherzo!ha concluso.

Il tennis professionistico si è spesso trovato sotto i riflettori a causa di problemi di programmazione o è stato accusato di ignorare la salute dei giocatori.

READ  In Italia le sfide di Mario Draghi, chiamato a formare la maggioranza

Durante l’ultimo National Bank Open a Montreal, Elena Rybakina e Daria Kasatkina hanno concluso il loro duello quasi alle 3 del pomeriggio. Il programma del torneo è stato così sconvolto dalla pioggia e dalle partite lunghe che Liudmila Samsonova ha dovuto giocare la semifinale e la finale lo stesso giorno. È stata schiacciata da Jessica Pegula in due set di 6-1 e 6-0.

Anche l’allora numero uno al mondo, Iga Swiatek, fece conoscere la sua insoddisfazione.

Durante la stagione sulla terra battuta, a Roma e Madrid, ho giocato quattro partite che si sono concluse intorno o dopo la mezzanotte, ha detto durante la sua disponibilità mediatica pre-torneo. Forse dovremmo concentrarci di più su ciò che fa bene alla salute dei giocatori, perché gareggiamo ogni settimana. Sarebbe più semplice capire se avesse senso giocare così tardi.

Il caso di Sinner conferma le parole di Swiatek. L’italiano aveva appena vinto il torneo di Vienna domenica scorsa dopo una dura lotta contro Daniil Medvedev.

Inoltre, tre dei quattro finalisti dei tornei della scorsa settimana (Félix Auger-Aliassime a Basilea, Medvedev e Sinner a Vienna) sono caduti nella prima o nella seconda partita della settimana a Bercy. Solo Hubert Hurkacz (n. 11) fa eccezione alla regola. Il polacco si è qualificato per i quarti di finale vincendo giovedì 6-4, 6-3 su Francisco Cerundolo.

Dimitrov e Rublev si qualificano per i quarti

Sul campo, Grigor Dimitrov (17°) si è qualificato rapidamente per i quarti di finale dominando Alexander Bublik (33°) 6-2, 6-2, così come Andrey Rublev (5°), vincitore del Botic Van De Zandschulp.

Il giorno dopo la scintillante lotta di quasi tre ore contro Medvedev, il 32enne bulgaro, semifinalista del precedente Masters 1000 di Shanghai in ottobre, non si è trattenuto in campo contro il kazako. Rimase lì per poco più di un’ora.

READ  Giovanna Castelli, nuova direttrice della rivista The Good Life

Mi sento al meglio possibile, è stata una settimana intensa. Devi accontentarti di quello che haiha detto l’ex numero 3 del mondo.

Dimitrov giocherà il suo secondo quarto di finale nella sede parigina, dopo quello nel 2019. Quell’anno raggiunse le semifinali.

Grigor Dimitrov ha vinto la partita degli ottavi di finale contro Alexander Bublik al Masters di Parigi.

Foto: Getty Images / Dean Mouhtaropoulos

Nessun problema anche per il russo, già qualificato per il Masters di fine stagione che riunirà i top 8 a Torino, in Italia, a metà novembre.

Non ha tremato contro l’olandese, 60esimo nell’ATP. Lo ha eliminato in due set identici di 6-3 in 65 minuti.

Si è qualificato per i quarti anche il greco Stefanos Tsitsipas, aggiudicandosi allo stesso tempo il biglietto per il Masters.

Tsitsipas, 25 anni, è quindi il sesto giocatore ufficialmente qualificato per le ATP Finals, che riuniscono i top 8 della stagione dal 12 al 19 novembre a Torino (Italia), grazie alla sua prima vittoria stagionale contro un top 10 (in 7 partite).

Il numero 6 del mondo ha ottenuto una seria vittoria contro Zverev, probabilmente attenuata dal duello del giorno prima vinto contro il francese Ugo Humbert (26°) 6-4, 6-7 (7/3), 7-6 (7/5 ) dopo 3 ore e 29 minuti di gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *