James Webb dettaglia tre cinture di detriti attorno a una stella vicina – rts.ch

James Webb dettaglia tre cinture di detriti attorno a una stella vicina – rts.ch

Il James Webb Space Telescope rivela il sistema planetario della stella Fomalhaut con dettagli senza precedenti, inclusi anelli concentrici di polvere interconnessi. Probabilmente sono scolpiti dalle forze gravitazionali prodotte dai pianeti presenti ma invisibili.

Vicino alla Via Lattea, a 25 anni luce da noi, si trova la stella Fomalhaut, nella costellazione australe dei Pesci: questo sistema planetario può essere visto con il telescopio spaziale James-Webb (JWST) con dettagli sbalorditivi, proprio nel mezzo dell’infrarosso.

I suoi anelli concentrici di polvere sono intrecciati e modellati da pianeti che vi sono sepolti ma restano invisibili agli occhi dello strumento. Il meccanismo che mantiene in posizione questi cerchi è simile a quello all’interno del nostro sistema solare che tiene Giove nella fascia di asteroidi tra esso, Marte e la Terra.

Per quanto riguarda la fascia di Kuiper, che è ancora nel sistema solare, il suo bordo interno è stato scolpito dal gigante di ghiaccio Nettuno. Il suo bordo esterno può essere incorniciato da corpi finora sconosciuti situati dietro questa cintura.

>> Asteroidi del sistema solare:

A sinistra, il sistema solare interno con la fascia degli asteroidi situata tra Marte e Giove, così come gli asteroidi troiani, nella stessa orbita di Giove. A destra, l’orbita dei pianeti esterni e degli oggetti più esterni della fascia di Kuiper. [Caltech – NASA]

Fomalhaut è sedici volte più luminoso del Sole e quasi due volte più massiccio. Ha circa 440 milioni di anni, meno di un decimo dell’età del Sole, ma probabilmente ha circa la metà della sua età.

Le tre cinture intrecciate si estendono fino a 23 miliardi di chilometri da Fomalhaut, o circa 150 volte la distanza tra la Terra e il sole.

READ  L'oggetto che si scontrerà con il lato più lontano della luna non proviene da SpaceX

modello di sistema planetario

Gli astronomi hanno individuato per la prima volta il disco di Fomalhaut nel 1983, ma nessuno spettacolo è stato più emozionante – o più – di quello catturato da JWST. con questo Stabilepubblicato l’8 maggio sulla rivista Nature Astronomy, evidenzia due nuove cinture di detriti rocciosi e di ghiaccio che orbitano attorno alla stella, una struttura complessa.

“Descriverei Fomalhaut come tipici dischi di detriti trovati altrove nella nostra galassia, poiché la loro composizione è simile a quella del nostro sistema planetario”, secondo l’autore principale dello studio, András Gáspár, assistente astronomo presso lo Steward Observatory dell’Università dell’Arizona, citato in UN comunicazione per l’ente.

Sistema stellare Fomalhaut: disco interno, vuoto interno, cintura intermedia, vuoto esterno, cintura esterna e alone.  Sulla destra è evidenziata una grande nuvola di polvere visibile in due lunghezze d'onda dell'infrarosso, 23 e 25,5 micron. [András Gáspár (University of Arizona), Alyssa Pagan (STScI) - NASA, ESA, CSA]Sistema stellare Fomalhaut: disco interno, vuoto interno, cintura intermedia, vuoto esterno, cintura esterna e alone. Sulla destra è evidenziata una grande nuvola di polvere visibile in due lunghezze d’onda dell’infrarosso, 23 e 25,5 micron. [András Gáspár (University of Arizona), Alyssa Pagan (STScI) – NASA, ESA, CSA]“Osservando gli schemi di questi anelli, possiamo iniziare a tracciare un piccolo schema di come dovrebbe essere un sistema planetario, se riusciamo effettivamente a scattare una foto abbastanza profonda da vedere i pianeti che sospettiamo esistano”. Secondo l’astronomo, il gap secondario osservato nel sistema è una forte indicazione della presenza di un gigante di ghiaccio.

Gli asteroidi si sono schiantati

Queste tre cinture sembrano essere popolate da oggetti chiamati planetesimi, alcuni dei quali si ritiene si uniscano all’inizio della storia del sistema stellare per formare pianeti, mentre altri rimangono in detriti, come asteroidi e comete.

Dopo la formazione del pianeta, una volta che il gas primordiale si disperde, si formano dischi di detriti. Quando piccoli corpi come gli asteroidi si scontrano, le loro superfici vengono polverizzate in enormi nuvole di polvere e altri detriti.

READ  Ecco uno sguardo al 50 ° anniversario della missione lunare Apollo 14 - Press Telegram

Osservarli fornisce indizi unici sulla struttura del sistema degli esopianeti, fino ai pianeti delle dimensioni della Terra e persino agli asteroidi, che sono troppo piccoli per essere osservati individualmente.

“Come il nostro sistema solare, altri sistemi planetari ospitano i dischi di asteroidi e comete – i resti di planetesimi di quando il pianeta si è formato – che si riducono costantemente in particelle di dimensioni micron attraverso le interazioni di collisione”, afferma András Gáspár.

>>Leggi anche: Una sonda della NASA sorvolerà i resti del primo sistema solare

Migliore comprensione delle nascite planetarie

Lo studio di queste cinture di detriti ci permette di comprendere meglio la nascita dei pianeti: “Si formano nei dischi primordiali che circondano le giovani stelle. Per comprendere questo processo di formazione, dobbiamo comprendere appieno come si formano ed evolvono questi dischi”, osserva Schuyler Wolf, un co -autore dello studio, che lavora nella stessa rivista.

“Molte domande rimangono senza risposta: come la polvere di questi dischi si aggrega per formare embrioni planetari, come si formano le atmosfere planetarie, ecc. e storie dinamiche.” .

Stephanie Jacquet e Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *