Italia: sei mesi dal blocco Ambiente e Scienza DW

Quando gli esperti parlano di una seconda ondata in Italia, molti rabbrividiscono. La prima ondata di pandemia è iniziata sei mesi fa. Visto il numero di 35mila morti secondo i dati ufficiali, pensare che la situazione possa tornare ad essere incontrollabile sembra un incubo.

“Siamo nella seconda fase ondosa”, ha detto a Repubblica il professore di biologia Enrico Pucci. Secondo lo scienziato italiano la situazione è a un punto di svolta, ma c’è ancora tempo per cambiare direzione. L’Italia è riuscita a ridurre il bilancio delle vittime da 1.000 quel giorno all’inizio di marzo a meno di 10 e talvolta meno di 5. E mentre all’inizio dell’epidemia la maggior parte degli anziani sono stati quelli che hanno contratto il Coronavirus e sono morti, negli ultimi 30 giorni si può vedere che la vita media è scesa a 35 anni.

Infatti, nonostante l’aumento del numero di casi in estate dovuti a viaggi, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è 50. L’Italia è al primo posto per numero di morti in Europa all’inizio dell’epidemia. Le foto delle bare che i camion militari portano a Bergamo non si dimenticano facilmente.

La durata media dei casi è diminuita drasticamente

Summer School a Milano

“La durata media dei casi sta diminuendo perché abbiamo imparato a proteggere gli anziani”, ha affermato Franco Locatelli, presidente del gruppo di esperti CSS. La sua squadra consiglia il governo su questo tema. “Non crediamo che ci sarà un disastro simile alla prima fase dell’epidemia”, ha aggiunto.

All’inizio del 2020, la pandemia ha trovato l’Italia impreparata. Il 21 febbraio si è diffusa in tutto il mondo la notizia del paziente 38enne lombardo. Gli specialisti in malattie infettive erano già in allerta il giorno prima perché in campioni di saliva italiani avevano rilevato il nuovo virus che per primo si è fatto conoscere in Cina.

READ  Claudio Cabio: “Adoro il divertimento del bretone!” Culture

Poi è arrivato colpo dopo colpo. Il 22 febbraio è stato imposto un blocco nelle regioni Lombardia e Veneto. Il 5 marzo le scuole hanno chiuso. Pochi giorni dopo seguì un completo assedio della Lombardia. Il 10 marzo è stato imposto un blocco generale. Il sistema sanitario è crollato e nell’unità di terapia intensiva non c’erano abbastanza letti o macchine per sostenere il sistema respiratorio.

Azioni legali contro ogni persona responsabile da parte dei cittadini

Alcune cause sono in corso anche contro il presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Alcune cause sono in corso anche contro il presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Le regole d’oro: stare lontano da te, indossare maschere e lavarti le mani erano più rispettosi rispetto alla Germania. Il trauma di Bergamo ha accresciuto la disponibilità delle persone a rispettare le regole.

Sei mesi dopo, tuttavia, la pressione dei cittadini per capire esattamente cosa incolpare ha spinto l’Italia in questo disastro. Gli esperti ipotizzano che il virus sia apparso a dicembre 2019. Ma cosa è successo? I messaggi di avviso vengono ignorati?

A Bergamo la Procura sta conducendo le indagini. Un gruppo di cittadini, parenti delle vittime, ha intentato 150 azioni legali contro i responsabili. Altre 200 cause legali sono state intentate per cattiva condotta e omicidio seriale. Nel frattempo, l’ufficio del pubblico ministero ha stabilito che era legalmente infondato.

Parte dell’indagine si concentra sulla questione del perché siano state dichiarate aree vietate a Bergamo e dintorni. Molti si chiedono se i piani per il disastro dell’Italia siano aggiornati. Il quotidiano britannico Guardian ha scritto che non era stato aggiornato dal 2006 mentre la questione pertinente della Deutsche Presse-Agentur era rimasta senza risposta.

READ  Forti reazioni nella Svizzera romanda contro i piani federali per le nuove misure - rts.ch

Pietra di Kaminsky (DPA)

A cura di: Maria Rigutsu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *