Italia: il presidente del Napoli non vuole più reclutare calciatori africani

Aurelio De Laurentiis, presidente della squadra di calcio italiana Napoli, ha dichiarato martedì che non prenderà di mira i nazionali africani in futuro. Dai la colpa alla Coppa d’Africa.

Il proprietario del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha dichiarato martedì che non avrebbe ingaggiato altri giocatori africani a meno che non avessero accettato di non prendere parte alla Coppa d’Africa.

“Non parlarmi più di calciatori africani. Non ne prenderò più, purché la Coppa d’Africa sia organizzata a metà stagione”, ha detto il boss del Napoli in un’intervista a Wall Street Italia.

Un problema ricorrente

Il Napoli, che ha visto Kalidou Koulibaly (Senegal) trasferito al Chelsea, ha in rosa diversi giocatori di origine africana, come Victor Osimhen (Nigeria), André-Franck Zambo Anguissa (Camerun) o Adam Ounas (Algeria).

“O rinunciano al diritto di partecipare alla Coppa d’Africa o non saranno mai disponibili tra la CAN e le competizioni sudamericane”, ha detto De Laurentiis.

La Coppa d’Africa 2019 si è svolta in estate. Ciò ha deliziato i club europei che generalmente devono lasciare andare i propri giocatori in pieno inverno (gennaio-febbraio).

L’AFCON doveva tornare in estate, ma in questo periodo dell’anno l’Africa deve affrontare problemi di caldo o pioggia. Il dibattito dovrebbe quindi continuare ad esistere.

READ  Belgio, Regno Unito, Italia… come saranno questi paesi se la terra continuerà a scaldarsi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.