Italia: gran parte del Paese in “zona bianca”

Italia |
Colosseo a Roma, lazio, Italy. | Fonte: Shutterstock

Nei giorni scorsi la maggior parte dell’Italia è stata nella “zona bianca”, ovvero l’area dove le restrizioni legate al coronavirus sono più deboli. Secondo la normativa nazionale, le regioni italiane sono classificate in zone bianche, gialle, arancioni e rosse (in ordine di gravità). Affinché una regione diventi zona bianca, il numero di casi giornalieri di covid-19 non deve superare il 50 per 100.000 abitanti durante un periodo di tre settimane.

Circa il 69% della popolazione italiana (ovvero 40 milioni di persone) è quindi ormai quasi del tutto esente da vincoli sanitari. Le ultime regioni ad essere inserite nella zona bianca sono Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna, Puglia e Trentino. Per tutte le regioni d’Italia in zona bianca valgono le seguenti misure: revoca del coprifuoco (mentre resta in vigore tra la mezzanotte e le 5 del mattino nella zona gialla) e revoca delle restrizioni su bar e ristoranti, che ora possono accogliere i clienti nei loro stabilimenti, dentro e fuori. Nella sala da pranzo viene imposto uno standard di sei persone per tavolo. Sempre nella zona bianca, sono autorizzate a riaprire anche piscine, centri benessere, ludoteche, parchi tematici e centri culturali e sociali. Sono consentiti incontri privati, ma i partecipanti devono essere vaccinati o avere un test covid-19 negativo entro 48 ore. Le uniche restrizioni sanitarie ancora in vigore nelle regioni d’Italia nella zona bianca sono le misure sul distanziamento sociale e sull’uso obbligatorio delle mascherine nei luoghi pubblici, sia interni che esterni.

Secondo il ministro della Salute italiano, Roberto Speranza, “L’Italia è attualmente uno dei Paesi con il più basso tasso di contagio in Europa. Questo è un risultato promettente che ci permette di guardare al futuro con più fiducia. Dobbiamo perseverare in questa direzione e agire con cautela e gradualità. Oggi più che mai è fondamentale mantenere buone abitudini, per non compromettere i sacrifici che abbiamo fatto. “

READ  Violentata in piazza Gae Aulenti a Milano: 23enne arrestato grazie alle telecamere

Con l’imminente implementazione del passaporto verde a livello europeo e la graduale apertura delle frontiere, l’Italia guarda quindi con ottimismo al periodo delle vacanze estive. Secondo a recente indagine Istat (Istituto Nazionale di Statistica, ovvero l’Istituto Italiano di Statistica), circa il 50,1% degli italiani ha intenzione di andare in vacanza quest’estate. Circa il 33,3% degli italiani rimarrà nella propria regione di residenza, mentre il 63,3% andrà in un’altra regione. Solo il 6,2% della popolazione italiana prevede di viaggiare all’estero. L’anno scorso, a causa della pandemia, l’Italia ha perso 53 miliardi di euro di guadagni legati al turismo, ovvero circa il 13% del PIL del Paese.

Italia
Positano, Campania, Italia. | Fonte: Shutterstock

Secondo le dichiarazioni del Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, l’Europa dovrebbe aprirsi ai turisti americani quest’estate, anche se il presidente della Commissione non ha fornito ulteriori dettagli. “È giunto il momento per te di prenotare la tua vacanza in Italia e, naturalmente, non vediamo l’ora di darti il ​​benvenuto di nuovo”, ha detto il primo ministro italiano il mese scorso, Mario draghi, ai suoi omologhi esteri alla riunione del G20.

Tuttavia, la situazione per quanto riguarda i viaggi all’estero rimane incerta e molti chiedono misure più chiare. “In questo clima di incertezza, penso che l’Italia dovrebbe organizzarsi al più presto, stabilendo delle regole [de séjour] sul suo suolo e comunicandoli chiaramente ai paesi di lingua inglese e al Medio Oriente, dove la maggior parte della popolazione è ora vaccinata “, ha affermato Luca Finardi, vicepresidente del gruppo alberghiero di lusso Mandarin Oriental in Italia, quotidiano 24 ore di sole. In particolare, gli albergatori chiedono “di integrare anche i viaggiatori di queste regioni nel sistema europeo del passaporto verde. Ci sono alcuni voli covid free, ma sono già pieni. La nostra proposta è quella di rimuovere le misure di quarantena per chi ha un certificato di vaccinazione valido, come accadrà nei prossimi giorni in Spagna e Francia”, ha affermato Luca Finardi.

READ  Un Ecce Homo attribuito a Caravaggio trovato in Spagna

Infine, se non sappiamo ancora come evolverà la situazione, è indiscutibile che il rilancio del turismo straniero sia fondamentale per il Paese. Secondo un recente rapporto di Altagamma, capostipite dei grandi marchi del lusso italiani, circa il 25% della spesa turistica totale in Italia è fatta da turisti di fascia alta, l’80% dei quali stranieri. Inoltre, secondo la fondazione, il contributo del turismo di lusso al PIL transalpino potrebbe essere anche da due a quattro volte superiore, arrivando potenzialmente a 100 miliardi di euro. L’Italia è infatti la meta più gettonata dai turisti di lusso, ma non la più visitata: la Francia in testa, seguita dal Regno Unito, poi dall’Italia.

Articolo tradotto da Forbes US -Autore: Irene Dominioni

<< À lire également : Covid-19 et voyage : partir en Italie cet été ? Quelles sont les conditions ? >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *