In Italia, la caduta del banchiere Jean-Pierre Mostier

La questione è stata collegata molto rapidamente, dopo settimane di tensioni interne e tensioni. Nel pomeriggio di domenica 29 novembre, il consiglio di amministrazione di UniCredit si è riunito per una riunione informale, che gli osservatori hanno immediatamente interpretato come l’annuncio di un imminente colpo di stato. Il giorno successivo, dopo una giornata di indiscrezioni, il direttore generale di Banca d’Italia II, il francese Jean-Pierre Mostier, ha annunciato la sua decisione di non continuare alla guida del gruppo fino a dopo la scadenza del suo mandato, fissato per il prossimo aprile.

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche In Europa, la paura delle “banche zombie”

“Sono orgoglioso di tutto ciò che abbiamo ottenuto in così poco tempo”.Ha confermato in un lungo messaggio l’annuncio della sua decisione, indicando che non è più così “In linea con l’attuale visione del Consiglio di Amministrazione”.. La ragione di questa discrepanza non è spiegata da nessuna parte, ma non è un segreto. Il leader francese, che nel 2016 è stato messo all’epoca alla guida di Unicredit con grande difficoltà, e che se ne è ripresa in pochi mesi demolendo beni e tagliando i costi, era più che titubante sulla prospettiva di una fusione con la banca Monte dei Paschi di Siena (BMPS). ), In una crisi profonda e continua dall’inizio del 2010.

Temporaneamente nazionalizzata di fatto alla fine del 2016 per evitare il fallimento, è la banca più antica del mondo, fondata nel 1472 a Siena (Toscana), e strutturalmente molto fragile, anche essendo esente dalla maggior parte delle sue sofferenze. Lo Stato italiano, quindi, lavora da mesi per avvicinare le due istituzioni. Da parte sua, Jean-Pierre Mostier non ha voluto precipitare in un simile scenario, considerato che l’unificazione di Unicredit è molto recente e la situazione generale è molto incerta per avviare un’avventura di fusione senza forti garanzie finanziarie.

READ  Francia-Italia: la partita economica

Imperativi politici

“Molti hanno interpretato l’arrivo di Jean-Pierre Moster quattro anni e mezzo fa come l’annuncio di una fusione con una banca estera, senza dubbio la Société Générale Bank”.Come dice il sovrintendente della piazza finanziaria di Milano. “Alla fine, questo non è accaduto, Continua, È stata imposta l’opzione di fondersi con BMPS. Tuttavia, questo tipo di fusione di banche dello stesso paese pone problemi molto diversi e può rischiare di mobilitare energie nel mezzo di una crisi, e questo non è affatto l’ideale … come Jean-Pierre Mostier ha cercato di ottenere il tempo e le garanzie. “

Hai il 39,4% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *