In Italia, gli agricoltori del nord stanno soffrendo la crisi climatica

Quanto a meloni, zucche, zucchine e pomodori, sono maturati molto presto. “Ora tutto fatica a svilupparsi. Anche con l’irrigazione a goccia, le risorse idriche si stanno esaurendo dopo mesi di ondate di caldo. ” Walter non sa se la sua fattoria biologica sopravviverà finanziariamente. Nel 2021 ha investito 300.000 euro in serre a tunnel per proteggere le colture dallo stress idrico. Inoltre, la crisi energetica ci sta minando”, infastidisce.

scendere a livello Po

Andrea Ragazzi, direttore ambientale del Consorzio Agricolo Coldiretti di Cremona, ricorda che i rischi per 27.778 aziende agricole lombarde sono legati allo “stato di salute del fiume Po”, il fiume più lungo d’Italia. In linea di principio, coprono una parte significativa del fabbisogno idrico dell’agricoltura del Nord. Ma la situazione è tragica. Le aree di acqua verdeggiante infestate da insetti si stanno espandendo e decine di migliaia di campi vengono bruciati a causa della siccità. »

Il fiume Po qui, nei pressi di Casalmaggiore, mostra un calo di 9 metri rispetto al livello medio stagionale.

Associazione rappresentante l’agricoltura italiana Coldiretti.

In effetti, Po sembra essere in agonia. Il suo livello è sceso a 9 metri sotto la media stagionale. Al punto da scoprire fossili del primo Quaternario e costringere centinaia di comuni a imporre restrizioni idriche. «Il nord fornisce il 40% della produzione agricola e il 60% della produzione zootecnica», conferma l’esperto della Coldiretti. Ma due terzi delle colture orticole sono state bruciate e le colture di cereali sono crollate del 30-50%. Nella provincia di Cremona le perdite di mais, utilizzato anche nella produzione di biogas, raggiungono il 90%.

Prima della caduta di luglio, il governo Draghi ha dichiarato lo stato di emergenza in 5 regioni, compresa la Lombardia. La compensazione dovrebbe, in parte, compensare le perdite stimate degli operatori in 6 miliardi di euro. “Nessuno sa come verranno stanziati i soldi e ci vorranno due anni per raccoglierli”, lamenta Andrea Ragazzini. “Nel frattempo, i produttori rischiano il fallimento”.

Scommesse sostenibili per i giovani

A Malagnino, a 6 chilometri da Cremona, in Cascina Cà de Alemanni, c’è anche preoccupazione per il clima. Questa bella fattoria dal 15e Century, che si estende per oltre 200 ettari con enormi serre ombreggiate da fotovoltaico. I genitori di Beatrice Santini, 24 anni, studentessa di economia e management agrario, lavorano su 14 persone. “Le nostre attività principali sono l’allevamento di mucche da latte, la coltivazione di piante foraggere, la rotazione e la microirrigazione delle radici e la produzione di formaggio”.

Per il benessere di 360 vacche, le stalle sono dotate di doccette, ventilatori e robot di mungitura che permettono anche di controllare la qualità e la salute del loro latte. Nonostante tutto, registriamo una diminuzione della produzione di latte di circa il 16%. Ma sarebbe peggio se non avessimo sviluppato l’agroecologia”, osserva la giovane donna.

Sempre più aziende cremonesi, gestite dalle nuove generazioni, scommettono sull’agricoltura sostenibile. David Mavizzoni, 29 anni, contadino-fornaio, è un motto. Condirettore della Cooperativa Sociale Cascina Marasco, a Cavattigozzi, e socio Slow Food, collabora con il famoso agronomo Franco Bazzani.

Davide Maffezzoni e Beatrice Santini nella stalla di Cascina Cà 'de Alemanni (Provincia di Cremona, Lombardia).
Davide Maffezzoni e Beatrice Santini nella stalla di Cascina Cà ‘de Alemanni (Provincia di Cremona, Lombardia).

Pauline Bailey

Salto quantico

“La mia priorità è fare un ottimo pane integrale, con farine di alta qualità nutrizionale e sensoriale, che si possa conservare per almeno una settimana”. Per questo vengono coltivati ​​diversi tipi di grano vecchio, secondo un approccio globale che comprende tutti i tipi di aspetti. Franco Bazani spiega nel dettaglio le varietà di grano coltivate. “Provengono da diversi paesi caldi e sono stati creati da allevatori di piante. Sono chiamati ‘gruppi evolutivi’ perché si incrociano naturalmente e si adattano a diverse situazioni, inclusa una grave siccità”.

Nonostante un calo del 60% delle precipitazioni, tra agosto 2021 e luglio 2022 Cascina Marasco ha raccolto quest’estate 50 quintali di grano per ettaro, un dato notevole.

“La nostra esperienza dimostra che se combiniamo agricoltura biologica e tecnologie avanzate, possiamo prevenire il progredire della desertificazione e produrre cibi sani, come il pane”, spiega il contadino-fornaio, nei campi di giorno e nella sua panetteria di notte. “

Consuma 15.000 litri di acqua per chilogrammo di carne bovina mentre l’oro blu si sta esaurendo.

Cambiare paradigma per proteggere la biodiversità e l’uomo, questo è il problema”, gli fa eco l’agronomo. Un chilogrammo di carne bovina consuma 15.000 litri d’acqua mentre l’oro blu si esaurisce. Inoltre, nella rete di 13.000 si perde il 45% dell’acqua. canali perché è vecchio e cattivo manutenzione da parte delle regioni.

Nessun ambiente nell’agenda politica

Il primo beneficiario del piano di ripresa dell’Ue è di oltre 200 miliardi di euro, di cui l’Italia intende il 37,5% per la trasformazione ambientale, di cui 4,4 miliardi per la gestione delle risorse idriche. Franco Bazani avverte di “insufficiente sostituzione delle infrastrutture diventate setacci”.

READ  Covid-19: Italia e Grecia hanno riaperto i loro ristoranti, le restrizioni hanno pesato sull'India

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.