Impressionante scala gigantesca, quasi delle dimensioni di un pianeta, “si avvicina” alla Terra

aquilone gigante Bernardinelli – Bernstein (C/2014 UN271), che si stima abbia un diametro compreso tra 100 e 200 chilometri, o circa 10 volte il diametro della maggior parte delle comete, sta per raggiungere il suo passaggio più vicino al Sole nella sua orbita di 600.000 anni.

Gli scienziati hanno seguito questa strana roccia spaziale chiamata 2014 UN271, che è troppo grande per essere considerata una cometa e troppo piccola per essere un pianeta. Per questo motivo gli astronomi lo classificano come piccolo pianeta NS Planetoide.

Al più presto, nel 2031, l’idrometro dovrebbe passare entro 10,9 UA dal Sole, avvicinandosi all’orbita di Saturno.

Puzzle Psiche-16: la NASA esplorerà un asteroide che vale più della Terra

occupazione Studio pubblicato nel repository di prestampa arXiv, Astronomi nel progetto di cooperazione internazionale Indagine sull’energia oscura (DES) dice che l’enorme aquilone Il suo diametro può raggiungere i 150 km, quasi sette volte il diametro di Phobos, Luna Marte.

I ricercatori hanno anche dimostrato che la sua massa è dieci volte maggiore della massa della cometa Hill Pop, battezzata la “Grande Cometa del 1997”, che attraverserà anche l’asteroide 55 Pandora (67 km) e la roccia spaziale nota come Arrokoth (tra 12 e 15 km).

“Non siamo soli”: i geni dell’astrofisica si uniscono per cercare la tecnologia extraterrestre

Pedro Bernardinelli e Gary Bernstein dell’Università della Pennsylvania, Sono gli scienziati che hanno scoperto cometa, nascosto tra i dati raccolti dalla Dark Energy Camera (DECam) da 570 megapixel installata presso l’Osservatorio interamericano di Cerro Tololo (CTIO) in Cile.

All’inizio fu confuso con un pianeta nano, ma in seguito si scoprì che aveva segni di attività, dopodiché fu riclassificato come cometa. Nei successivi quattro anni, l’oggetto si spostò nell’universo di circa 20-23 unità astronomiche (un’unità astronomica o unità astronomica è la distanza media tra la Terra e il Sole).

enorme aquilone
Pedro Bernardinelli e Gary Bernstein dell’Università della Pennsylvania sono gli scienziati che hanno scoperto la cometa nel 2014.

Oumuamua: Secondo gli scienziati, un “asteroide spaziale” potrebbe far parte di un pianeta

READ  Lamezia, anche su Technology Pole Training Presentation dal titolo "Chemistry, Materials and Biotechnology"

Volo spaziale 612 mila anni

come Nuovo Atlante, la cosa più interessante del megametro UN271 del 2014 è la sua orbita intorno al sole, e si chiama “molto eccentrico“Perché viaggia tra il sistema solare interno e la nube di Oort che definisce i confini dello spazio interstellare durante per 612.190 anni.

Ora, secondo la pubblicazione scientifica, 2014 UN271 dista circa 22 unità astronomiche (AU) dal Sole. Ciò significa che è già più vicino a Nettuno, a 29,7 UA. E non si ferma qui: ha già viaggiato 7 AU negli ultimi sette anni, e al suo punto più vicino, nel 2031, dovrebbe passare a meno di 10,9 AU dal Sole, quasi avvicinandosi all’orbita di Saturno, secondo Piccolo Centro Pianeti.

enorme aquilone
Ora, secondo la pubblicazione scientifica, 2014 UN271 è di circa 22 unità astronomiche (AU) dal Sole.

Dove è nato Megacomet 2014 UN271?

Gli scienziati lo spiegano Il volo in corso Da enormi aquiloni interni dal sistema solare A una distanza di oltre 40.000 per me dal sole. In altre parole, è 40.000 volte più lontano dal Sole rispetto alla Terra, o 6 trilioni di km (0,6 anni luce, 1/7 della distanza dalla stella più vicina).

Per gli astronomi, questo potrebbe significare che la cometa ha avuto origine nella nuvola di oggetti di Oort, che è stata espulsa durante la prima storia del Sistema Solare e potrebbe essere il più grande membro della nuvola di Oort mai scoperto. Attualmente, è stata confermata essere la prima cometa in una traiettoria in arrivo ad essere rilevata così lontano.

“Siamo fortunati ad aver scoperto Forse la cometa più grande mai vistae O almeno più grande di qualsiasi altra cosa ben studiataAvendoli individuati abbastanza presto da consentire alle persone di vederli svilupparsi man mano che si avvicinano e si scaldano”, ha detto Gary Bernstein, aggiungendo che L’enorme aereo “No Ha visitato il sistema solare in più di 3 milioni di anni”.

READ  La prima luna gigante nel 2021 .. "Astronomical Jeddah" annuncia la data dell'osservazione di Badr Ramadan

S

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *