Il viaggio nello spazio cambia l’organizzazione del cervello!

L’effetto dei viaggi nello spazio sul cervello… secondo uno studio pubblicato su Biologia della comunicazioneIl cervello umano esposto alla microgravità per periodi prolungati subisce cambiamenti funzionali. Inoltre, quest’ultimo rimane diversi mesi dopo il ritorno sulla Terra. Questo studio è stato condotto da scienziati delle Università di Anversa e Liegi in Belgio. Preparerà gli astronauti per lunghe missioni spaziali.

La microgravità colpisce il cervello umano durante i viaggi nello spazio

Gli astronomi sanno che i viaggi nello spazio sconvolgono il corpo umano. Quando esposto alla microgravità, l’organismo degli astronauti subisce inevitabilmente alcune modifiche e adattamenti. Lo spazio influisce sul lavoro del cuore e dei vasi sanguigni. Inoltre distrugge il sistema immunitario. Dopo una missione di durata più o meno lunga, gli astronauti sperimentano una perdita di massa ossea e atrofia muscolare. Per convincersene basta guardare le foto degli astronauti che tornano sulla Terra. La maggior parte di loro non riesce a stare in piedi per un po’!

Ma le prospettive di missioni spaziali con equipaggio di lunga durata richiedono anche una conoscenza dettagliata di come la microgravità influisce sul cervello umano. I ricercatori dell’Università di Liegi ei loro colleghi dell’Università di Anversa hanno appena scoperto che il cervello umano cambia e si adatta durante un viaggio di almeno 6 mesi nello spazio.

Stazione Spaziale Internazionale (ISS) è una stazione spaziale in orbita terrestre bassa a poco più di 400 km sopra il livello del mare. Funziona da diversi anni. La Stazione Spaziale Internazionale mostra misure incredibili: 110 metri di lunghezza, 74 metri di larghezza e 30 metri di altezza per una massa di oltre 400 tonnellate. È senza dubbio il più grande corpo umano in orbita attorno alla Terra. È destinato alla ricerca scientifica nell’ambiente spaziale. A tale scopo ospita stabilmente un equipaggio internazionale per missioni della durata di diversi mesi.

READ  Un uragano spaziale nel 2014 `` ha fatto piovere elettroni '' da un uragano al plasma nell'alta atmosfera: uno studio- Technology News, Firstpost

I ricercatori sono interessati ad ambienti spaziali come quello della Stazione Spaziale Internazionale. Hanno appena scoperto che dopo una missione di 6 mesi, l’organizzazione cerebrale degli astronauti è stata modificata.

Leggi anche: In che modo la microgravità riduce la massa muscolare negli astronauti?

Cambiamenti che durano a lungo dopo il ritorno sulla Terra

Le lunghe missioni su Marte richiederanno un adattamento.
Crediti: Pixabay.

Le due università hanno condotto congiuntamente questa ricerca. Questo studio fa parte del progetto scientifico BRAIN-DTI dell’Agenzia spaziale europea (ESA). Ha lo scopo di studiare come gli astronauti si adattano allo stress della vita nello spazio.

Per il loro studio, i ricercatori hanno lavorato con 14 astronauti. Hanno analizzato i dati della risonanza magnetica. Hanno confrontato i risultati ottenuti prima e dopo una missione di lunga durata nello spazio.

I ricercatori hanno prima utilizzato una tecnica di risonanza magnetica più specifica. che esso Fotogrammetria magnetica professionale (fMRI), che analizza il cervello degli astronauti a riposo. Grazie a questa tecnica, i ricercatori sono stati in grado di studiare l’ipotetico stato del cervello. fMRI è un tipo di risonanza magnetica. Questa tecnica consente di visualizzare indirettamente l’attività cerebrale. Il principio di questo imaging si basa sulla registrazione dei cambiamenti emodinamici (differenze nelle caratteristiche fisiche del flusso sanguigno) in aree specifiche del cervello quando stimolate.

I ricercatori hanno riscontrato una scarsa connettività funzionale. È l’attività cerebrale intrinseca che riflette gli stati emotivi e comportamentali di una persona, dopo essere rimasta nello spazio. Questo cambiamento è localizzato nelle regioni cerebrali che favoriscono l’integrazione di diverse informazioni visive, uditive e relative ai movimenti.

Gli scienziati hanno anche notato che alcuni cambiamenti cerebrali sono tornati rapidamente alla normalità dopo che gli astronauti sono tornati sulla Terra. Altri, invece, sono rimasti per otto mesi dopo la fine della missione spaziale.

Leggi anche: La Luna: il prossimo obiettivo prima di Marte?

Preparare gli astronauti per un lungo volo spaziale

I ricercatori ritengono che i cambiamenti cerebrali che vengono mantenuti per diversi mesi siano correlati all’effetto dell’apprendimento. D’altra parte, quelli considerati temporanei possono piuttosto riferirsi al fenomeno del rapido adattamento a determinate situazioni.

READ  I fisici del MIT hanno scoperto strane particelle ibride intrappolate insieme da una "colla" estremamente densa

Questi risultati sono importanti per considerare viaggi nello spazio di più mesi e per pianificare future esplorazioni spaziali. La NASA ha effettivamente iniziato questa nuova avventura spaziale qualche mese fa. L’agenzia ha effettuato il lancio di Artemis I nonostante alcuni problemi meteorologici e tecnici che hanno portato più volte a ritardare il lancio. Lo scopo della prima missione di successo di questo programma Artemide Serve per testare le capacità del massiccio lanciatore SLS (Space Launch System) e della capsula Orion. Seguirà Artemis II e il suo obiettivo sarà quello di portare un equipaggio di astronauti in orbita lunare e tornare sani e salvi sulla Terra. Infine, si prevede che Artemis III farà sbarcare i primi esseri umani in 50 anni sulla luna intorno al 2025.

La missione Artemis III dovrebbe essere solo l’inizio di altri lunghi soggiorni sulla Luna per studiarla. Serviranno anche per preparare e sviluppare le tecnologie di base per le missioni con equipaggio per un altro obiettivo che ha sempre fatto sognare l’uomo, Marte!

Leggi anche: Un team di scienziati scopre un modo per miniaturizzare una batteria nucleare per viaggiare nello spazio profondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *